DIPENDENZA AFFETTIVA:IL LATO OSCURO DELL'AMORE (www.cufrad.it)

Chi non ha mai provato l’amore, quel sentimento così prorompente da far battere il cuore all’impazzata e desiderare di trascorrere 24 ore su 24 con il partner? L’innamoramento ha queste caratteristiche: soprattutto all’inizio di una relazione, il coinvolgimento emotivo con l’altro è molto forte. Così come quello fisico, di attrazione sessuale e vicinanza. Un’esperienza totalizzante che però può diventare disfunzionale, sfociando in dipendenza affettiva.

La dipendenza affettiva è annoverata tra le  “new addiction”, proprio come la dipendenza da internet, dal sesso, dal gioco d’azzardo e lo shopping compulsivo. La persona amata diventa vera e propria esigenza. L’amore romantico non è più visto come un legame tra due individui separati, ma si trasforma in una catena che lega e soffoca.

Uno studio condotto nel 2010 dal team dello psichiatra Michel Reynaud, pubblicato sul The American Journal of Drug and Alcohol Abuse, ha evidenziato come questo disturbo abbia caratteri molto simili a quelle di una dipendenza da sostanze. La “love addiction”, come viene definita in inglese, attraversa le stesse fasi: l’euforia in presenza del partner; il desiderio incontrollabile e la costante ricerca della sua vicinanza; sintomi d’astinenza come insonnia, inappetenza o irritabilità quando non è presente.

Gli hobby abbandonati, la vita sociale inesistente, il rendimento lavorativo sempre più scarso: il partner diventa il fulcro della vita quotidiana. Tutto il resto è insignificante e poco importante. Un comportamento che si verifica anche se la relazione ha diversi problemi, oppure se presenta delle dinamiche violente.

Cadere nella dipendenza affettiva significa anche, purtroppo, tendere a giustificare i comportamenti pericolosi, perdonare i torti subiti, ricercare il rapporto nonostante la sua evidente tossicità.

L’amore è un sentimento intenso, a cui tutti aspiriamo nella sua essenza più profonda. Ma la dipendenza affettiva riesce a insinuarsi tra le paure e la scarsa autostima.

Il timore di perdere il partner e il terrore di essere abbandonati spinge al controllo e alla dedizione totale, spesso lasciando spazio ad atteggiamenti egoistici ed anaffettivi da parte di chi viene posto al centro del mondo. Si innesca così un circolo vizioso, in cui le mancanze dell’altro non vengono viste come tali, ma come la conferma di non meritare quell’amore tanto agognato. Una colpevolizzazione continua e una convinzione che spesso affonda le radici in abusi emotivi affrontati in precedenza, oppure in una particolare difficoltà a regolare le proprie emozioni. 

Al contrario di quanto si possa pensare, la dipendenza emotiva non è una condizione che si subisce inconsapevolmente ma alla quale si partecipa attivamente in prima persona.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://gerrygrassi.com/dipendenza-affettiva-il-lato-oscuro-dellamore/

Articolo pubblicato dal CUFRAD Centro specializzato per la cura dell'ALCOLISMO e delle patologie delle DIPENDENZE. SEDE CENTRALE: Loc. Paolorio, 2 12048 Sommariva del Bosco (CN)  Tel. 338 193 88 88 331 - 331 24 60 501/2/3/4 - 0172 55294 Dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 17,00 gli operatori danno informazioni sulle possibilità di cura.
Fax 0172 53295contatti:info@cufrad.it

Link:http://www.cufrad.it/news-alcologia/dipendenza-affettiva/dipendenza-affettivail-lato-oscuro-dell-amore/39128

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37834

TOTALE VISITE

55588

Dati aggiornati

al 21-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza