PROMOZIONE DELLA SALUTE: WellFARE in Azienda alla Michelin di Alessandria (www.ccm-italia.org)

26 Luglio 2019

 

WellFARE in azienda è un’iniziativa di Michelin Italia insieme al CCM – Comitato Collaborazione Medica per promuovere la salute dei dipendenti favorendo stili di vita sani. Il percorso è stato promosso presso lo stabilimento Michelin di Alessandria, con l’obiettivo di migliorare il benessere psico-fisico dei dipendenti dell’azienda, attraverso due tipi di intervento: da un lato la promozione della salute individuale, dall’altro la promozione dell’azienda come luogo che “crea salute”.

Come? Attraverso l’aumento di conoscenze in ambito di alimentazione sana e sostenibile, il cambiamento degli stili di vita individuali, la promozione di attività di co-progettazione tra dipendenti e azienda, aumentando la percezione dell’azienda come “luogo che crea e sostiene la salute e il benessere”.

Il contesto generale entro il quale si muovono gli obiettivi generali del progetto, è quello del contrasto alle malattie malattie croniche, come tumori, malattie cardio-vascolari, diabete e malattie respiratorie croniche, in quanto sono la prima causa di morte al mondo. In Italia il 92% dei decessi è dovuto a malattie croniche, e nel 9% dei casi queste morti sono premature. In Piemonte, i dati rilevano una marcata diffusione di stili di vita scorretti nella popolazione adulta, e nonostante le raccomandazioni, nella maggior parte dei nuclei familiari non si raggiungono i corretti apporti nutrizionali di frutta, verdura, pesce e carni. 

Il processo di co-progettazione sui bisogni dell’azienda e dei propri dipendenti è stato fondamentale per aumentare la propensione dei dipendenti stessi a seguire stili di vita corretti in ambito di alimentazione. Il percorso ha visto due giornate di lancio-raccolta delle adesioni in azienda; una formazione su alimentazione, condotta da 2 docenti esperti di salute e prevenzione, atta a trasferire conoscenze, competenze e strumenti utili al miglioramento degli stili di vita emersi come più critici (i gruppi di formazione hanno visto la partecipazione di circa 80 dipendenti); valutazione dell’efficacia del percorso formativo e dell’impatto.

Il percorso formativo è stato condotto da Mattia Viano, referente CCM promozione della salute (settore Italia) e Antonella Giordano, dottoressa nutrizionista esperta. Abbiamo chiesto loro quale sia stato il valore aggiunto che la loro competenza ha portato in un percorso di welfare aziendale, e allo stesso tempo quale sia stato il ritorno del progetto stesso a livello personale e professionale.

 

La testimonianza di Antonella. 

“Penso che il percorso fatto in Michelin sia stato estremamente gratificante: formare adulti che vorrebbero provare a modificare loro abitudini e stili di vita sedimentati ormai da anni non è facile né scontato. Informando correttamente sulle proprietà degli alimenti e sulle loro relazioni con lo stato di salute con esempi pratici, le persone si sentono maggiormente coinvolte e questo favorisce il cambiamento. Credo fortemente all’impegno dell’azienda rivolto ai propri dipendenti: si passa la maggior parte delle giornate a lavoro e sapere di ricevere giuste attenzioni di welfare e di godere di attività di prevenzione non può che migliorare il legame del dipendente all’azienda e, conseguentemente, la sua efficienza lavorativa”.

La testimonianza di Mattia.

 

“Questo progetto mi ha permesso di vivere una nuova dimensione di comunità: l’azienda. Il poter entrare in contatto con le persone sul luogo dove lavorano, e quindi dove passano gran parte del loro tempo, permette di capire fino in fondo le peculiarità della routine di ognuno. A livello professionale, questo è fondamentale da tenere in considerazione: ricordarsi che, seppur le raccomandanzioni di salute pubblica siano universali e standard, tutto va calato nella quotidianità di ognuno, lavorando quindi sulle possibilità e non sulle mancanze delle persone”.

 

tratto dal sito del Comitato Collaborazione Medica CCM

http://www.ccm-italia.org/wellfare-azienda-michelin.html

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.227

Dati aggiornati al 27-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------