DEMENZA SENILE: LA DEPRESSIONE DI CHI ASSISTE (Anne Harding)

Demenza senile: intervento a lungo termine per la depressione dei caregiver

 

Depressione e ansia spesso colgono coloro che assistono chi è affetto da demenza senile. Un gruppo di ricercatori dell’University College di Londra ha valutato gli effetti a lungo termine di un intervento psicologico studiato appositamente per i caregiver, riscontrandone l’efficacia e raccomandandone l’adozione.

 

29 LUG - (Reuters Health) – È importante aiutare i caregiver, coloro, in particolare i familiari, che si prendono cura di persone affette da demenza senile, ed è un intervento che fa risparmiare, spiega Gill Livingston, professoressa all’University College di Londra. Con i suoi colleghi ha dimostrato l’efficacia a lungo termine dell’intervento START. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista British Journal of Psychiatry.
 
Coloro che si occupano di persone affette da demenza, si ammalano più facilmente, tolgono tempo al lavoro, soffrono di più di ansia e depressione.
 
I ricercatori avevano scoperto, in uno studio precedente, che il programma START (StrAtegies for RelaTives), erogato da laureati in psicologia supervisionati in otto sessioni, era in grado di migliorare la qualità della vita e ridurre l’ansia e la depressione nelle persone che si prendono cura di un parente, in modo più efficace rispetto alle terapie standard. I partecipanti START avevano un quinto delle probabilità di cadere in depressione otto mesi dopo la terapia rispetto a coloro che avevano ricevuto cure standard.

 
Lo studio
Nello studio attuale Livingston e il suo gruppo di ricerca hanno osservato gli effetti a lungo termine della terapia START su 150 soggetti, e hanno confrontato i dati con quelli di 72 persone che avevano ricevuto delle cure standard.
 
Dopo sei anni, il punteggio del gruppo START in termini di Hospital Anxiety and Depression Scale era migliore rispetto all’altro gruppo (2 punti di differenza in media).

Nel corso dell’ultimo anno i costi associati ai pazienti di cui si occupavano i caregiver erano di 7.194 dollari per il gruppo START, di 21.192 dollari per il gruppo che aveva ricevuto cure standard.
 
I parenti che avevano ricevuto un intervento START “hanno avuto meno emergenze, portato i familiari meno spesso in pronto soccorso, o in ospedale per un ricovero, perché gestivano meglio i malati e intervenivano più prontamente”, ha spiegato Livingston.
Un messaggio importante che veniva trasmesso ai familiari con il programma START era che “non è colpa delle persone affette da demenza senile se si comportano in modo problematico. Fa parte della malattia, quindi non serve a nulla cercare di dire loro cosa fare o non fare”. Questo approccio fa un’enorme differenza, perché se si pensa che i comportamenti non sono voluti, non ci si arrabbia.
 
I parenti che si occupano di familiari malati devono prendersi cura di sé stessi. “Offriamo loro varie strategie per affrontare le difficoltà e i problemi che possono dover fronteggiare”, ha sottolineato la ricercatrice. Persino concedersi dei piccoli piaceri come prendere una tazza di caffè o uscire per una passeggiata può far bene.

I ricercatori hanno tradotto il manuale su cui si basa il programma START in spagnolo e tamil e stanno pianificando una traduzione in urdu. “Vogliamo renderlo più internazionale e più disponibile nel Regno Unito, e più applicabile a tutti, anche ai gruppi etnici minoritari”.
 
Fonte: Br J Psychiatry 2019
Anne Harding
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

tratto da quotidianosanità.it 

http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=76178&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.736

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 100

Dati aggiornati

al 27-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Claudio Giunta

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?»

L'educazione civica, la scuola, l'Italia

Rizzoli, 2021

 

Agile, ironico, allo stesso tempo equilibrato e tagliente, ma soprattutto profondamente antimanicheo, questo libro riflette con intelligenza sugli spazi, i tempi, i metodi e i contenuti di un approccio alla scuola che non sembra più in grado di intercettare i veri bisogni educativi dei ragazzi italiani, e osserva secondo una prospettiva nuova un insegnamento cruciale che fin qui è stato affrontato in maniera sconclusionata, retorica e persino controproducente.

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente, perché mai la scuola e lo Stato dovrebbero impedirmelo?» Claudio Giunta se l'è sentito chiedere da una studentessa alla fine di una lezione in un liceo. Una domanda niente affatto banale – anzi, acuta e attualissima – che avrebbe meritato una risposta chiara e articolata, se un insegnante non l'avesse subito bollata come «provocazione», troncando ogni possibilità di dialogo. Questo libro nasce anche dal desiderio di dare una risposta sensata al quesito che la studentessa ha posto con ovvio intento polemico: «Lo Stato e la scuola» osserva Giunta «non dovrebbero impedirle di diventare una fascista intelligente, ma dovrebbero agire in modo tale da non fargliene venire la voglia, e prima della voglia l'idea».

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI