DROGA: CONSUMATORI SEMPRE PIÙ GIOVANI (Report Prefettura di Genova)

DROGA: CONSUMATORI SEMPRE PIÙ GIOVANI, 1 SU 10 È MINORENNE

Rapporto della Prefettura di Genova: prevalenti i cannabinoidi. Tra 20 e 24 anni cocaina

I consumatori di stupefacenti sono sempre più giovani e assumono per la stragrande maggioranza cannabinoidi. E' la fotografia contenuta nel report sui consumatori di sostanze stupefacenti rilevato dal Not (nucleo operativo per le tossicodipendenze della Prefettura di Genova) in collaborazione con Alisa. I consumatori fermati dalle forze dell'ordine e segnalati alla Prefettura sono in gran parte maschi (92% nel 2018) e la maggioranza (272 segnalati in totale) ha un'età compresa tra i 15 e i 19 anni. L'11,2% del totale è minorenne. La classe di età dei giovanissimi quindi scalza con il 28,71% delle segnalazioni rispetto il biennio precedente la classe 20-24 anni che cala in un anno dal 30% a circa il 25%.
Per quanto riguarda il tipo di sostanza nel 2018 l'83% delle segnalazioni riguarda i cannabinoidi, l'11% la cocaina e il 7% gli oppiacei. Negli anni, come emerge dal report, le segnalazioni per cocaina nella classe di età tra 20 e 24 anni sono cresciute dal 2% al 10%. "Purtroppo fasce sempre più giovani si avvicinano al mondo della droga con riflessi negativi sulla dispersione scolastica - ha detto il prefetto Fiamma Spena a margine della firma del protocollo di intesa con Regione Liguria e Alisa allo scopo di istituzionalizzare il monitoraggio -  Dalla comprensione del fenomeno arriviamo ad elaborare strategie di prevenzione nelle scuole, nelle famiglie e in tutti i contesti dedicati alla cura dei ragazzi".
Nel 2018 le segnalazioni sono state 1.052 e nel corso dell'ultimo decennio, in linea con il treno nazionale a Genova si è registrato un incremento delle segnalazioni del 34%. "Nel rispetto delle competenze reciproche - commenta l'assessore regionale alla Sanità Sonia Viale - diamo la massima disponibilità a collaborare con la Prefettura nello svolgimento degli adempimenti di legge, nei colloqui delle persone segnalate per accompagnarle in un percorso di recupero nelle nostre strutture e per fare le rilevazioni di tipo statistico perché ciò che emerge dal report è l'abbassamento dell'età degli assuntori di sostanze stupefacenti e il fatto che oltre a quello per cui sono stati segnalati hanno anche assunto altre tipologie di sostanze stupefacenti, dati che non possiamo trascurare nella nostra Regione". Circa i quartieri di appartenenza dei consumatori la distribuzione è piuttosto omogenea con un picco tuttavia nel levante della provincia

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://genova.repubblica.it/cronaca/2019/07/25/news/droga_consumatori_sempre_piu_giovani_1_su_10_e_minorenne-232028796/

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37834

TOTALE VISITE

55588

Dati aggiornati

al 21-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza