DIAGNOSI PRECOCE DELL'ALZHEIMER (Maria Rita Montebelli)

Alzheimer: messo a punto esame del sangue per la diagnosi precoce, accurato al 94%

Un esame del sangue consentirà di rilevare in fase molto precoce la presenza di depositi di beta-amiloide, la proteina patologica che si accumula nel cervello dei pazienti con Alzheimer. I risultati del test, associati alla presenza di due principali fattori di rischio per questa malattia - età superiore ai 65 anni e presenza della variante genetica APOE4 - conferiscono a questo esame un’accuratezza del 94%. Sarà dunque l’uovo di Colombo per selezionare i pazienti con Alzheimer in fase precocissima e testare su di loro i nuovi farmaci per la prevenzione di questa forma di demenza.

 

Fare diagnosi di malattia di Alzheimer molto prima della comparsa dei sintomi. E’ la promessa di un nuovo esame del sangue che viene dagli Stati Uniti. L’accumulo di ‘grumi’ di proteine patologiche nel cervello comincia a manifestarsi anche vent’anni prima della comparsa delle sintomi tipici della malattia (alterazioni della memoria, demenza). Questo test, non ancora disponibile nella pratica clinica (ma lo diventerà nell’arco di pochi anni), aiuta ad individuare queste alterazioni attraverso un esame del sangue, quando la malattia è ancora muta sul piano sintomatologico.
 
Il test, messo a punto dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis (Usa), che hanno pubblicato i risultati del loro studio su Neurology,  misura la concentrazione dei livelli della proteina beta-amiloide nel sangue e li utilizza per indicare se tale proteina si stia accumulando nel cervello. Associando i risultati del test sulla concentrazione ematica di beta-amiloide alla presenza dei due principali fattori di rischio per Alzheimer, l’età e la presenza della variante genetica apoliproteina ɛ4 (APOE4), l’accuratezza del test arriva al 94 per cento. Si tratta di un livello di sensibilità che surclassa anche quello del gold standard attuale, la PET per amiloide.

 
Riuscire a far diagnosi precocissima di Alzheimer risulterà fondamentale soprattutto quando si disporrà di farmaci in grado di agire sulle fasi iniziali della malattia per bloccarne l’evoluzione; finora gli studi clinici condotti con questi nuovi farmaci sperimentali non hanno dato i risultati sperati, anche perché non essendo possibile individuare i soggetti con Alzheimer in fase preclinica, si finiva col somministrarli a pazienti con alterazioni cognitive già evidenti. Il nuovo test permetterà di selezionare pazienti con Alzheimer in fase iniziale e consentirà di valutare se questi nuovi farmaci siano realmente in grado di arrestare l’evoluzione della malattia. Finora la selezione dei pazienti da arruolare è stata fatta attraverso gli esami strumentali, un processo lungo, costoso e time-consuming. “Un esame del sangue invece – spiega Randall J. Bateman, professore di neurologia – ci consentirebbe di screenare migliaia di persone in un mese e quindi di arruolare in maniera più efficiente i pazienti per i trial clinici; questo consentirà di valutare i nuovi trattamenti più rapidamente e potrebbe avere un impatto enorme sui costi della malattia oltre che sulla sofferenza che questa si porta dietro”.
 
Il nuovo esame (una precedente versione era stata messa a punto un paio d’anni fa) viene effettuato mediante immunoprecipitazione e cromatografia liquida-spettrometria di massa che consente di misurare con estrema precisione le concentrazioni di due forme di beta amiloide (la Aβ42 e la Aβ40) nel sangue. Il rapporto tra le due forme (Aβ42/Aβ40) si riduce man mano che nel cervello si formano i depositi di beta-amiloide.
 
Lo studio pubblicato su Neurology ha coinvolto 158 adulti di età superiore ai 50 anni, tutti normali sul piano cognitivo, tranne 10 di loro. I soggetti arruolati sono stati tutti sottoposti al nuovo esame del sangue e ad una PET dell’encefalo. I risultati dimostrano che i risultati dell’esame del sangue correlano con quelli della PET nell’88 per cento dei casi, un dato promettente ma non sufficientemente accurato per un esame diagnostico. Al fine di aumentarne l’accuratezza, i ricercatori americani lo hanno associato alla valutazione dei principali fattori di rischio per Alzheimer, come l’età (al di sopra dei 65 anni, il rischio di sviluppare l’Alzheimer raddoppia ogni 5 anni) e la presenza della variante genetica APOE4, che aumenta il rischio di 3-5 volte. Un ruolo è giocato anche dal genere: due pazienti con Alzheimer su tre sono donne.
 
Tuttavia, il peso maggiore nel migliorare l’accuratezza del test, è dato dalla valutazione contemporanea dei fattori di rischio età e APOE; associando i due ai risultati della concentrazione di beta-amiloide nel sangue, l’accuratezza del test arriva al 94%. Questo suggerisce che il test sulle concentrazioni plasmatiche Aβ42/Aβ40 potrebbe rappresentare un prezioso strumento di screening per i soggetti a rischio di Alzheimer. Un vero e proprio game changer.
 
L’utilizzo di questo test potrebbe ridurre di due terzi il ricorso alla PET per confermare la presenza della malattia; un risparmio di non poco conto se si considera che il costo di una PET si aggira sui 4.000 dollari. Per non parlare del fatto che a disponibilità della PET è limitata e riservata per lo più alla gestione clinica del pazienti, non agli studi sperimentali. E per selezionare i 1.500-2.000 da arruolare per un trial clinico su farmaci per la prevenzione della malattia, è necessario screenare anche 10 mila persone. Il nuovo test potrebbe consentire dunque non solo di risparmiare sui costi di screening dei trial farmacologici, ma anche di velocizzarli al massimo e di aumentarne il numero. Ma non è tutto. La sensibilità del test plasmatico Aβ42/Aβ40 nei soggetti PET per amiloide-negativi che nel tempo diventano PET per amiloide-positivi suggerisce che questo esame del sangue si positivizza prima e rappresenta dunque un spia precoce della formazione dei depositi di amiloide, anziché un falso negativo, almeno in alcuni soggetti.  
 
Maria Rita Montebelli

 

tratto da quotidianosanità.it 

link:http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=76331&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:42498

 

TOTALE VISITE: 61937

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni35

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:50

 

Dati aggiornati

al 14-12-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie Francois Delatour

 

Alimentazione e salute mentale

 

Pendragon.Edizioni

 

dalla Newsletter n.623 di PSICORADIO

 

In questa puntata parliamo dei corpi delle persone con un disturbo psichico; quel corpo che è quasi un rimosso, quando si parla di salute mentale. Corpi che troppo spesso sono vittima degli effetti collaterali di psicofarmaci e di cattivi stili di vita di cui ci si occupa troppo poco, come fossero conseguenze inevitabili del disturbo psichico.

Un esempio: alcuni psicofarmaci provocano un forte acquisto di peso, anche 10 o 20 chili, che in breve tempo trasforma il corpo.

Marie Francois Delatour , presidente del CUFO (Comitato Utenti, Familiari e Operatori), che riunisce 34 associazione della salute mentale, insieme alla nutrizionista Anna di Muzio , ha scritto un libro dal titolo “ Alimentazione e salute mentale ”, edito da Pendragon.

“ Lo spunto principale del libro è stata proprio la preoccupazione dei familiari e dei pazienti rispetto agli effetti collaterali di molti psicofarmaci. - racconta Delatour - Da qui nel 2015 è partito un percorso con l’Azienda USL di Bologna, per migliorare il benessere fisico delle persone con disagio psichico, attraverso piani alimentari, diete personalizzate, attività fisica e un continuo monitoraggio degli obiettivi raggiunti dai singoli pazienti.

I risultati sono stati subito evidenti: riduzione del peso, migliore qualità del sonno, un’attività intestinale più regolare e in alcuni casi anche una riduzione delle quantità di farmaci assunti ”. Il programma ha coinvolto famiglie, utenti accolti in gruppi appartamento o in altre strutture residenziali; molti all’inizio del progetto non cucinavano mai in casa e spesso non sapevano realizzare neanche le ricette più semplici. Poi “ hanno scoperto il piacere di cucinare insieme e anche della convivialità della tavola. Il cibo è diventato lo strumento per stare con gli altri”.

“ Alimentazione e salute mentale” non insegna solo a mangiare meglio : una parte del libro è dedicata a teorie di cui oggi si sente parlare sempre più spesso, che collegano alcuni disturbi mentali con il sistema immunitario, lo stato di alcuni organi, primo tra tutti l’intestino, ed i livelli di infiammazione presenti nel corpo. Per esempio, viene ricordata la recente traduzione di un libro di Edward Bullmore - neuropsichiatra, neuroscienziato e dal 1999 professore di psichiatria all'università di Cambridge: La mente in fiamme – un nuovo approccio alla depressione , (Bollati-Boringhieri). Il testo inizia con spiegazioni sul funzionamento del sistema immunitario e con risultati di studi secondo i quali l’infiammazione del corpo puo’ rientrare tra le cause della depressione (per chi vuole approfondire ) .
Secondo questo approccio, curare un disturbo psichico non vuol dire solo attenuarne i sintomi, ma prendersi cura del paziente nel suo complesso, corpo e mente - che non sono ambiti così separati.

 

 

clicca sulla scheda del libro: 

http://www.pendragon.it/libro.do?id=2849

 

Turismo
in Langa

 

Regala un’emozione… nelle Langhe

In occasione del Natale 2019, l’Associazione Turismo in Langa vi propone alcune idee regalo nella meravigliosa cornice delle Langhe e del Roero.

clicca su http://www.turismoinlanga.it/it/regala-unemozione-nelle-langhe/

PANETTONE GELATO

 

Ogni anno a Natale il panettone non può mancare sulla tua tavola, ma quest’anno vorresti cambiare un po’? Eccovi accontentati! Questa è una soluzione velocissima per creare un dessert al cucchiaio goloso e gradito da tutti, a partire da un panettone classico. Ti mostro come preparare il panettone gelato, questa volta farcito con gelato alla stracciatella, ma puoi sbizzarrirti secondo i tuoi gusti, con gelato dai gusti cremosi o alla frutta, oppure utilizzare un panettone al cioccolato, o ancora, un panettone classico all’uvetta, senza canditi, e arricchito con gocce di cioccolato. 

 

Per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/panettone-gelato/