TERRACT - GLI ATTORI DELLA TERRA (www.terract.eu)

TERRACT – Les acteurs de la Terre è il progetto vincitore del bando Interreg Alcotra 2014-2020 che prende vita dalla collaborazione di SCT Centre – Corep con la Compagnia Il Melarancio (Cuneo) ed il Théâtre National de Nice (Nizza).

VAI AL SITO

Questo progetto di cooperazione transfrontaliera tra Francia e Italia, si sviluppa attorno al tema della conservazione ambientale e della valorizzazione delle risorse naturali e culturali di una definita fascia territoriale compresa fra Francia e Italia, nell’area transfrontaliera collocata fra le due assi geografiche che uniscono le città partner.

TERRACT prevede l’avvio di molteplici attività di tutela e valorizzazione del patrimonio naturale, culturale e paesaggistico di quest’area. Nello specifico, TERRACT impiegherà la metodologia TSC per migliorare le competenze degli operatori già attivi nella gestione e promozione del patrimonio naturale-culturale e delle nuove generazioni che continueranno quello stesso processo di valorizzazione.
In questo progetto, la capacità del TSC di far raccontare la comunità attraverso le performing arts, favorendo lo sviluppo dell’uomo e delle sue relazioni nel contesto che lo circonda, viene impiegata nell’ambito della valorizzazione del territorio. La metodologia TSC infatti, parte dal presupposto che ogni comunità è già potenzialmente competente per la valorizzazione del proprio patrimonio territoriale e possiede già le risorse umane e materiali per promuoverlo. Quello che serve alla comunità, e che il progetto TERRACT consentirà che avvenga in questo territorio grazie ad un lavoro sul capitale sociale e di comunità, è la riscoperta di queste competenze e risorse (sia materiali che umane) e la loro messa a sistema.

In dettaglio, TERRACT prevede di valorizzare il patrimonio naturale, culturale e paesaggistico in tre step:
– scoperta delle risorse del luogo, della loro complessità e interconnessione attraverso il dialogo con gli enti gestori del patrimonio e analizzando gli studi già esistenti sulle risorse del territorio;
– interpretazione di tali risorse e successiva definizione delle relazioni tra i diversi elementi naturali le relative competenze che necessitano di essere sviluppate;
– creazione del racconto di comunità, ovvero di percorso che nasce con la definizione dei suoi elementi fondanti (parole, suoni, contesti ambientali, valori, ecc.) e che diverrà momento e strumento di sensibilizzazione, conoscenza e coinvolgimento.

Le azioni previste dal progetto comprendono:
– un’analisi e mappatura degli studi esistenti riguardanti le risorse del territorio e l’implementazione della banca dati fruibile a tutti.
– una formazione degli operatori del luogo con l’obiettivo di renderli più capaci di coinvolgere la comunità e renderla protagonista e promotrice attiva del proprio patrimonio. Questo sarà possibile attraverso la creazione di un percorso di TSC finalizzato all’acquisizione di competenze nell’interpretazione e nel racconto del patrimonio naturale e culturale, che sarà basato su laboratori formativi cantieri teatrali e sull’insegnamento da parte di esperti di competenze teoriche e pratiche.
– una stimolazione dell’interesse dei giovani (14-25 anni) a esprimere e promuovere il patrimonio territoriale attraverso i linguaggi teatrali. Questo avverrà durante tre settimane dei cantieri teatrali dove, attraverso i linguaggi del teatro e il coinvolgimento di comunità locali, esperti, attori professionisti e degli operatori che hanno ricevuto la formazione TSC, i giovani saranno coinvolti in un percorso funzionale ad acquisire specifiche conoscenze sul territorio, sperimentare il valore aggiunto dato dal coinvolgimento delle comunità locali e sviluppare l’interesse a divenire a loro volta operatori promotori del territorio.

 

articolo tratto da: 

http://www.socialcommunitytheatre.com/it/eventi/terract-i-dettagli-del-nuovo-progetto/6796/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI