NUOVE DIPENDENZE: L'OSSESSIONE PER LE SERIE TV (www.cufrad.it)

Perchè non possiamo più fare a meno delle serie TV

C’erano una volta i telefilm. Ogni puntata, rigorosamente settimanale, era attesa con trepidazione e lasciava tutti con il fiato sospeso. Innescava un eccitante conto alla rovescia fatto di supposizioni, commenti e chiacchiere animate su cosa succederà e perché è andata così. Oggi, invece, ci sono le serie tv. Scaricabili dal web, fruibili on demand (quando e dove si vuole) da piattaforme a pagamento o in dvd da collezione. Si guardano tutte d’un fiato, come un film,azzerando il gusto della sospensione. Basta un pc portatile, un tablet o uno smartphone per sapere subito se quel personaggio morirà o se i due amanti si ritroveranno. «Il problema è che la nostra società è sempre più impregnata da quello che Freud definì il “principio del piacere”, cioè “voglio tutto e subito”. In un mondo in cui l’immagine e la sua velocità di deperimento (si pensi alla rapidità imposta dai social) caratterizzano il nostro modo di essere, l’attesa ha perso il suo connotato attrattivo» spiega Vincenzo Russo, Professore di Psicologia dei Consumi e Neuromarketing presso la Libera università di lingue e comunicazione Iulm di Milano.

TRA SPETTATORI E ATTORI NASCE UNA “TELE-AMICIZIA”

Consapevoli di questi meccanismi, gli sceneggiatori assemblano un mix esplosivo di fattori a cui è impossibile resistere: sfruttano l’attrattiva psicologica di storie eccezionali, oppure molto comuni, quindi rassicuranti per chi guarda, impersonate da attori stupendi, e incatenano gli eventi in modo da suscitare un crescendo di emozioni che diventa quasi doloroso interrompere. «Potrei definirla una “tele-amicizia”, ovvero un processo di attaccamento verso personaggi percepiti come un “simulacro” di persone reali, che si pensa di conoscere perché si ha la facoltà di spiare le loro vite fittizie, a cui si finisce per dedicare tempo e pensieri, rendendoli tangibili e affezionandosi in modo concreto», spiega lo psicologo Giuseppe Lavenia, Presidente dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche Gap Cyberbullismo e vicepresidente dell’Ordine degli psicologi delle Marche.

GUARDARE SERIE TV PUÒ APPORTARE BENEFICI

«Se gestita con buon senso e autocontrollo, la passione per le serie tv può anche apportare dei vantaggi», afferma Lavenia. Lo conferma una ricerca pubblicata sulla rivista Group Processes & Intergroup Relations, secondo cui la visione può influenzare il modo di relazionarsi con gli altri, favorendo empatiaapertura sociale e riducendo i pregiudizi verso chi è diverso. Gli spettatori si identificano coi personaggi, imparano dalle loro esperienze, li prendono a modello. «La serie può anche contribuire a costruire legami all’interno di un gruppo e far nascere dibattiti costruttiviin cui prendere posizione, avendo quasi la sensazione di essere dentro la storia», sottolinea Russo. Un altro studio, della Aberdeen University (Gran Bretagna), sottolinea come condividere questa passione col partner possa persino migliorare la vita di coppia. «Ma solo se il tempo trascorso davanti alla tv non sostituisce quello riservato alle esperienze reali (uscite, intimità, frequentazione di amici) e la visione diventa un’occasione di dialogo e confronto», sottolinea lo psicologo.

I RISCHI DI UN USO COMPULSIVO

Al contrario, chi non sa dire basta corre rischi. Episodio dopo episodio, finisce per essere risucchiato in un vortice emozionale che toglie il sonno, la fame, la voglia di uscire. «Gli effetti di un uso compulsivo sono diversi», sottolinea Lavenia. «Tendenza all’isolamentoappiattimento dei rapporti socialiindebolimento del senso critico (si tende a prendere per vero tutto quanto esce dalla bocca dei protagonisti), idealizzazione e adulazione di modelli fittizi, lontani dalla realtà. Guardare le puntate in compagnia, partecipare a forum o incontri a tema non sempre scongiura questi effetti antisociali, a volte può peggiorarli perché sono esperienze autoreferenziali, cioè si parla sempre e solo di quelle tematiche. Al tempo trascorso davanti allo schermo si somma quello passato a discuterne, aumentando il meccanismo di attaccamento». Le lunghe maratone televisive scombussolano i ritmi del sonno e incentivano il rituale dello sgranocchiamento: ben presto il numero di puntate accumulate in una notte viene superato da quello dei pacchetti di patatine ammucchiati sul divano. «Molti studi hanno confermato che le luci blu emesse dai dispositivi digitali interferiscono con il rilascio di melatonina, l’ormone del riposo. Inoltre le storie trasmesse, mantenendo alto per ore il livello di attenzione, impediscono al cervello di disattivarsi. E l’effetto eccitante perdura anche dopo la fine della visione», sottolinea lo psicologo.

GLI EFFETTI DELL’ASTINENZA DA SERIE TV

«In alcune persone, la visione delle serie può essere paragonata alla dipendenza da sostanze», racconta Russo. «Una ricerca condotta nel 2013 da una società tedesca di neuromarketing ha valutato l’effetto emozionale di questi programmi misurando la reazione psicofisiologica dei telespettatori con un elettroencefalogramma e con misuratori di attivazione biometrica». Fu dimostrato che le puntate erano in grado di attivare, nei serialminder, una reazione del tutto simile a quella provata in condizione di dipendenza, come aumento del battito cardiaco e della temperaturasudorazione, analizzando anche l’eventuale tachicardia e le variazioni ormonali. «L’impossibilità di vedere la serie preferita comincia a generare una vera crisi di astinenza, con sintomi quali tensione, ansia, apatia, umore depresso», conferma Paolo Cavedini, Responsabile Centro di Eccellenza per i Disturbi Ossessivo-Compulsivi (ieDOC) del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche presso la Casa di Cura San Benedetto (Como) e del Centro Europeo Disturbi d’Ansia ed Emotivi (CEDANS) di Milano.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.ok-salute.it/psicologia/perche-non-possiamo-piu-fare-a-meno-delle-serie-tv/

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI