ALCOL E LAVORO (Azienda SocioSanitaria Territoriale Fatebenefratelli-Sacco, Milano)

Le persone con un disturbo da uso di alcol spesso sono portate a pensare che i problemi o l’assenza di lavoro siano la causa del loro bere eccessivo.   

In realtà tra l’abuso di alcol e il mondo del lavoro vi è una relazione biunivoca: da un lato determinate caratteristiche di alcune attività lavorative possono costituire un fattore di rischio nello sviluppo di un problema con l’alcol; dall’altro l’assunzione eccessiva di alcolici incide inevitabilmente sulla qualità del lavoro, sulla produttività, sulle relazioni coi colleghi e aumenta la probabilità di incidenti.

Se, attraverso un percorso di cura, non si smette di bere in eccesso sicuramente i problemi di lavoro non si risolveranno.                                                              

Secondo l’Organizzazione Internazionale per il Lavoro (OIL) il 10-12 % di tutti i lavoratori di età superiore ai 16 anni ha problemi legati all’abuso o alla dipendenza da alcol. 
L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) stima, inoltre, che una media di 100.000 infortuni all’anno segnalati all’INAIL ha come causa principale il consumo di alcolici. L’assunzione di bevande alcoliche rappresenta sempre un “rischio aggiuntivo” rispetto ad un rischio lavorativo preesistente. Non esistono quantità di consumo sicure per la salute sul lavoro!                                                   

Come già accennato, ci sono delle attività lavorative che per le loro caratteristiche possono concorrere, insieme ad altri fattori, allo sviluppo di un problema con l’alcol, ad esempio:

  • professioni che comportano responsabilità non condivisibili e orari di lavoro lunghi e molto “elastici” (secondo l’Associazione Dirigenti Risorse Umane il 45% dei manager abusa di alcol);
  • lavori che comportano prolungati sforzi fisici;
  • professioni che prevedono frequenti spostamenti o incontri;  
  • lavori in ambienti surriscaldati, esposti al sole, in luoghi isolati;
  • lavori malpagati e/o pericolosi;
  • professioni in cui l’individuo non è responsabilizzato o valorizzato;
  • lavori a stretto contatto con le bevande alcoliche (bar, ristorazione);
  • lavori notturni.

Il consumo di alcol associato all’esposizione a metalli, a pesticidi o a solventi può provocare danni al fegato e al sistema nervoso; la combinazione alcol-nitroglicerina può danneggiare l’apparato cardiovascolare, mentre se associate alle basse temperature le bevande alcoliche possono provocare patologie da raffreddamento e se consumate nel corso di attività rumorose possono essere fonte di danni all’apparato uditivo. 

Anche per questa ragione il provvedimento del 16.03.2006 della Conferenza permanente Stato – Regioni e Province autonome vieta l’assunzione e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche per alcune categorie di lavori considerati ad alto rischio: attività con uso di gas tossici, fuochi, esplosivi; mansioni socio – sanitarie; addetti alla guida di mezzi di lavoro e veicoli; mansioni in cave, miniere, impianti nucleari; lavoratori dell’edilizia.

L’influenza dell’alcol sull’attività lavorativa si esprime attraverso frequenti assenze o ritardi, cambi di lavoro, richiami per inadempienze, attriti tra colleghi, errori nello svolgimento delle attività, spostamento di mansione o licenziamento.     

Solo attraverso un periodo prolungato di astinenza totale la persona che beve in eccesso riesce ad avvertire delle differenze sulle proprie prestazioni lavorative e nel rapporto coi colleghi. Nel periodo di abuso alcolico non aveva la lucidità di notarle.                                                               

La legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati n.125 del 30.03.2001 concede al lavoratore alcolista assunto a tempo indeterminato il diritto alla conservazione del suo posto di lavoro per poter accedere a programmi di cura anche residenziali (ad es. Comunità Terapeutica) attraverso l’aspettativa, per un periodo massimo di 3 anni.

tratto da: https://www.asst-fbf-sacco.it/news/info/alcol-e-lavoro

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

39464

TOTALE VISITE

57621

Dati aggiornati

al 16-09-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Gyalwa Dokhampa

LA MENTE TRANQUILLA

Un nuovo modo di pensare, un modo nuovo di vivere

 

Astrolabio-Ubaldini Editore

 

collana: Civiltà dell'Oriente
pagine: 168
prezzo: € 16.00 

 

Nella tradizione buddhista la mente tranquilla è aperta, attiva, pronta a ricevere e dare. Conoscere la mente è il primo e fondamentale passo per indirizzare pensieri, parole e azioni e concentrarsi su ciò che davvero si può cambiare nella propria vita. Questo libro offre al lettore una serie di strumenti, teorici e pratici, per comprendere la vera natura di noi stessi e degli altri. Attraverso la respirazione, la meditazione, la contemplazione e la presenza mentale sarà possibile portare tranquillità alla mente agitata dalle contingenze del quotidiano, e semplicemente essere, aprendosi al mondo e alla vita.

 

 

http://www.astrolabio-ubaldini.com/scheda_libro.php?libro=1386

 

Turismo
in Langa

Inaugurazione del Museo della Battaglia di Ceresole d’Alba

A seguito del lavoro svolto dal Comune di Ceresole d’Alba, dal Comune e dall’Ufficio del Turismo di Saint – Paul – de – Vence all’interno del progetto europeo SuCCeS, venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 settembre 2019 verrà inaugurato il Museo della Battaglia di Ceresole d’Alba (muBATT).
Per l’occasione saranno organizzate numerose attività, pubbliche e riservate, per visitare il nuovo spazio espositivo e per scoprire le vicende e le curiosità di una delle più importanti battaglie combattute da eserciti stranieri in territorio italiano.

 

Per saperne di più

http://www.turismoinlanga.it/it/inaugurazione-del-museo-della-battaglia-ceresole-dalba/

LA CUCINA LIGHT DI GELSO

TIRAMISÙ CREMOSO ALLA PANNA

Cari lettori,

in molti mi chiedete di svelarvi il segreto per preparare un tiramisù cremoso e compatto, ma allo stesso tempo leggero e spumoso. Per questo ho pensato di pubblicare la ricetta del mio tiramisù cremoso alla panna! In questa ricetta la panna montata prende il posto degli albumi montati a neve e il risultato è davvero sorprendente! Di norma non amo preparare il tiramisù in pirofila, preferendo invece le monoporzioni al bicchiere o in barattolo, proprio perché difficilmente il tiramisù classico riesce a reggere la prova taglio con conseguenti crolli e sbavature che preferisco evitare essendo una fobica della precisione, in senso buono, ovviamente 😉 La ricetta del tiramisù cremoso alla panna, al contrario, vi permetterà di ottenere una bella fetta regolare e stabile. Ecco come procedere!

CLICCA SU:

http://blog.giallozafferano.it/gelsolight/tiramisu-cremoso-alla-panna/