FIGLI UBRIACHI A CASA? I GENITORI DIMOSTRINO DI VOLER ASCOLTARE (Donatella Tiraboschi)

FIGLI UBRIACHI A CASA? GLI ESPERTI: «I GENITORI DIMOSTRINO DI VOLER ASCOLTARE»

LE PSICOLOGHE: «MAMMA E PAPÀ NON DEVONO RINUNCIARE AL LORO RUOLO». IL LAVORO DI SENSIBILIZZAZIONE E ASCOLTO DEL CENTRO PER IL BAMBINO E LA FAMIGLIA DI BERGAMO. «LE NOTIZIE DI CRONACA DIVENTINO UN’OCCASIONE PER RIFLETTERE CON I FIGLI»


Che fare? Come comportarsi? Grazia Nava, psicoterapeuta e psicologa, fornisce con una pacatezza di voce e di mestiere, che condivide all’unisono con i colleghi del Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo, la risposta alle domande che migliaia di genitori si saranno posti alla vista, soprattutto nottetempo, di un figlio che rincasa alterato e stordito dall’alcol. Senza troppi giri di parole: ubriaco.

Tra sentimenti genitoriali contrastati da stupore e ire funeste, una via percorribile c’è. Basta conoscerla. «È quella di battere il ferro quando è freddo. Non è il caso di avviare discussioni in quel momento. Non c’è lucidità da parte di nessuno dei due, entrambi alterati, anche se in modi diversi. Consapevolezza innanzitutto: il genitore vede e il ragazzo sa di essere stato visto. Si va a dormire, si riflette anche con l’altro genitore e poi si trova il giorno dopo il momento opportuno per parlargliene, dedicando il tempo necessario».

Riflessione, calma, dialogo sono il minimo comun denominatore di cui il tavolo degli esperti del Centro (C.B.F), struttura dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Papa Giovanni XXIII (che dal 1991 offre servizi specialistici per le famiglie problematiche anche in collaborazione con le autorità giudiziarie) si fa esso stesso portatore. Non c’è nulla, nessun problema che non possa essere risolto con gli strumenti e le chiavi di lettura che gli esperti offrono gratuitamente alla cittadinanza. È questa l’impressione di serenità propositiva che si ricava dalle loro parole, su temi così attuali e delicati. «Temi di cui sicuramente in casa si è parlato — interviene Maria Simonetta Spada, direttore dell’Unità operativa complessa Psicologia Asst Papa Giovanni XXIII —. Le cose non accadono improvvisamente: mio figlio è mio figlio da tanto tempo, qualche segnale di certo è arrivato e di alcuni eventi si è parlato. Uno dei nostri compiti è quello di aiutare i genitori a fare in modo che le notizie di cronaca diventino occasione di una riflessione che parta dall’ascolto. Il genitore deve dire quello che pensa, ma nello stesso tempo chiedere che cosa ne pensi in proposito il figlio. Il pensiero è la chiave di volta: anche se il pensiero del genitore è diverso da quello del figlio, in sottofondo deve essere chiara la volontà all’ascolto».

«Il contenitore famigliare si presenta spesso con maglie troppo larghe rispetto a gerarchie fuse e confuse che, però, — ribadisce Giuliana Pelliccioli, psicologa e psicoterapeuta del C.B.F introducendo il discorso del “gruppo”— non permettono al ragazzo di avere un interlocutore che lo possa aiutare nella sua fase evolutiva». Importante per i ragazzi essere nella community del gruppo, accettati e benvoluti. Stare lì in mezzo fa figo, essere fuori è da sfigati. «Conta cioè — prosegue Pelliccioli — uscire dall’anonimato per essere visti in un contenitore, in un bacino identitario dove poter sperimentare una sensazione di onnipotenza: tu esisti, conti qualcosa se fai determinate cose, se ti sballi e ti stordisci». Che poi questo stordimento altro non è che una richiesta di aiuto. «I ragazzi non riescono a verbalizzare le richieste — prosegue Pelliccioli— ma si esprimono attraverso comportamenti, i cosiddetti agiti che sono l’espressione di sentimenti, desideri e impulsi attraverso l’azione, invece che con il linguaggio. Occorre aiutare il ragazzo a capire il significato delle azioni che compie e trovare insieme un modo per tollerare la frustrazione di alcuni aspetti della vita. I genitori si spaventano se non possono garantire ai figli determinate cose, puntano ad evitare ai figli qualsiasi trauma e dolore, fino all’eccesso, mentre occorre fornire ai ragazzi gli strumenti per affrontare la vita. Sballarsi significa non pensare, stordirsi è un po’ come dormire».

(...omissis...)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97759

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 71

Dati aggiornati

al 12-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 GIOVANNI MARIA FLICK, MAURIZIO FLICK

ELOGIO DELLA FORESTA

Dalla selva oscura alla tutela costituzionale

Il Mulino

 

Il nuovo Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (d.lgs. n. 34/2018) offre l’occasione per approfondire il tema dell’evoluzione della vita della foresta nel suo incontro-scontro con gli obiettivi dell’uomo. Il diritto interviene in questa relazione col suo ruolo regolatore, ricercando un punto di equilibrio tra la funzione ambientale e quella economico-produttiva e superando le polemiche che le scelte del legislatore hanno provocato tra gli studiosi della materia. Con un linguaggio piano e accessibile il libro approfondisce alcune tra le questioni giuridiche maggiormente dibattute a livello forestale e ambientale e le loro premesse di ordine costituzionale. Si analizzano le problematiche legate alla governance nella tutela della foresta, così come viene affrontato il tema della frammentazione delle proprietà boschive. Fra la categoria dei beni privati e quella dei beni pubblici si affaccia quella dei beni comuni; ne vengono prospettati pregi e difetti, prospettive di sviluppo e collegamenti con le tradizioni e con il principio di solidarietà. Si ipotizza poi un nuovo approccio alla «fiscalità ambientale», affinché venga abbandonata la funzione soltanto disincentivante e risarcitoria del tributo e vengano invece maggiormente apprezzate e incentivate le condotte virtuose. Si evidenziano i principi richiamati con decisione dall'enciclica «Laudato si'» di papa Francesco e il sempre più importante ruolo dell’Unione Europea rispetto all’ambiente e in particolare nell’azione di contrasto al commercio illegale del legno. Si guarda, infine, al futuro approccio del mondo economico-finanziario rispetto alle tematiche ambientali.

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, ministro della Giustizia nel governo Prodi I, è professore emerito di diritto penale. È autore di monografie sui temi della Costituzione, della giustizia, dei rapporti fra diritto penale ed economia, della criminalità organizzata, dei diritti umani e del diritto ambientale. Maurizio Flick, avvocato, è presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione per le professioni legali.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI