NESSUNO ESCLUSO. Consultorio gratuito per il disagio adolescenziale (Minotauro.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da oltre trent’anni il Minotauro opera a Milano nell’area del trattamento del disagio psicologico, sociale ed evolutivo, sostenendo gli adolescenti in difficoltà e le loro famiglie. A causa della crisi che negli ultimi anni ha profondamente colpito le famiglie e i Servizi si è reso necessario pensare a interventi di prevenzione e trattamento del disagio adolescenziale rivolti a ragazzi e famiglie che non potrebbero altrimenti sostenerne i costi: nessuno escluso.

Il Consultorio Gratuito, nato nel 2012 con la direzione scientifica del prof. Gustavo Pietropolli Charmet e coordinato dal dott. Davide Comazzi, è un progetto della Cooperativa Sociale Minotauro che offre una presa in carico psicoterapeutica di adolescenti e famiglie che attraversano specifiche situazioni di grave crisi riguardanti il ritiro sociale, l’isolamento e l’iperutilizzo di internet, l’autolesionismo e il rischio suicidale, i disturbi del comportamento alimentare. Il progetto Consultorio Gratuito è pensato per le famiglie che per motivi economici non riescono ad accedere ai servizi del Centro di Consultazione e Psicoterapia della Fondazione Minotauro. I criteri per la scelta dei nuclei familiari aventi diritto a rientrare nelle attività del Consultorio Gratuito fanno riferimento all’utilizzo del modello ISEE, che non deve superare l’importo di 20.000 Euro.

Attraverso attività di consultazione e psicoterapia gli adolescenti e i loro genitori vengono accompagnati in un percorso volto a favorire la ripresa dei processi evolutivi e della speranza nei confronti del futuro. Nei casi in cui la crisi evolutiva colpisca particolarmente le capacità di simbolizzazione e mentalizzazione e le competenze espressive e di socializzazione, l’intervento terapeutico si amplia attraverso l’inserimento dei ragazzi in laboratori individuali o di piccolo gruppo.
Tra questi il laboratorio InCampo, con la direzione scientifica della dott.ssa Katia Provantini e la direzione artistica della fotografa Melina Mulas, coordinato dalla dott.ssa Alessia Lanzi, offre agli adolescenti la possibilità di attribuire pensiero e senso ai propri vissuti e alle proprie esperienze attraverso la fotografia, rielaborata, raccontata e condivisa.

Le attività del Consultorio sono completamente gratuite per gli adolescenti e le loro famiglie e sono possibili solo grazie alle donazioni, ai finanziamenti e alle iniziative di fundraising, accompagnate da interventi di sensibilizzazione culturale.

La durata media di ogni intervento di psicoterapia per nucleo famigliare è di 3 anni, il costo medio annuo di 1500€. Le donazioni ricevute vengono impiegate nel diretto sostegno delle famiglie in crisi (il 69% dei fondi va a beneficio degli utenti e solo il 31% è utilizzato a copertura dei costi di gestione).

Per sostenere il progetto:
IBAN: IT 71 Q 02008 01614 000103451519
CAUSALE: Progetto Consultorio Gratuito

È possibile sostenere il Consultorio Gratuito anche attraverso il servizio Il Mio Dono di Unicredit oppure tramite PayPal.

CLICCA QUI PER EFFETTUARE UNA DONAZIONE AL CONSULTORIO GRATUITO

 

LINK: https://minotauro.it/nessuno-escluso-consultorio-gratuito/

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------