RIDURRE LA CONTENZIONE E' POSSIBILE (Roberto Zanfini)


Il tragico decesso di una persona contenuta a letto recentemente avvenuta in un SPDC ha riacceso i riflettori sulla contenzione meccanica in psichiatria. In ambito psichiatrico la riflessione sulla contenzione in psichiatria non si è mai spenta come pure, più in generale, quella sui fondamenti dei trattamenti coercitivi e delle loro modalità di esecuzione. Comunque, la contenzione non è utilizzata solo in psichiatria ma anche in altri contesti non solo sanitari e non sempre in modo “etico” e “deontologicamente corretto” come sempre più frequentemente riportato dalle cronache giudiziarie.

E’ ormai chiaro a tutti che l’uso della contenzione in Italia di per sé non è illegale (sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mastrogiovanni) e nella stessa direzione, pur sottolineando la necessità di un suo superamento, vanno gli ordini professionali e il comitato nazionale di bioetica.

Credo che sia giunto il momento di superare la sterile contrapposizione presente da oltre duecento anni tra “favorevoli” e “contrari” alla contenzione, tra chi ritiene l’uso della contenzione uno strumento illegale e che lo ritiene non solo legale ma doveroso anche in termini di responsabilità professionale. Tanto che recentemente sull’edizione di Bergamo del Corriere della Sera è stato osservato che “In medicina la contenzione viene fatta spesso: nei casi di necessità si sceglie il male minore, quando non farlo rappresenta un rischio per il paziente. In Italia solo il 5% dei reparti non la pratica ma con il rischio di creare problemi maggiori”. Problemi maggiori rispetto al morire bruciati in letto di ospedale? Ma quali?


Siccome tutti sono d’accordo nello stigmatizzare il ricorso alla contenzione, forse - ripeto -, le domande da porsi sono altre.

Nel reparto dove lavoro c’è una procedura - in vigore da oltre 20 anni - rispetto alla contenzione meccanica e in reparto abbiamo le cinghie di contenzione. Il primo anno che abbiamo monitorato le contenzioni (2000) ne abbiamo contate 150 (avevamo 15 posti letto). Dall’agosto del 2016 non abbiamo più attivato la procedura (abbiamo 20 posti letto). In altre parole non abbiamo più contenuto nessuno. Ed è da alcuni anni che ci stiamo interrogando su come sia stato possibile raggiungere e mantenere questo risultato. Infatti, riteniamo di non avere una “epidemiologia” o situazioni di crisi diverse rispetto agli altri SPDC, di non avere competenze superiori alle media, di non avere un indice di turn over del personale diverso dagli altri SPDC, come pure di non essere più “fortunati” degli altri.

La nostra analisi ci ha portato ad affermare che, anche se talvolta la fortuna ci ha assistito, comunque molto è dovuto all’applicazione in SPDC di un metodo di lavoro, rintracciabile anche in letteratura, e alla costruzione di reti sia rispetto allle interfacce dipartimentali (il SPDC è uno dei luoghi di trattamento del DSMDP) che non (pronto soccorso, Forze dell’Ordine, ecc).

In sintesi, alla base del superamento della contenzione vi sono fattori: a) strutturali; b) organizzativi; c) clinici; d) formativi.

Il problema non si pone più quindi in termini di “contenzione si/contenzione no” ma di applicare quei metodi che permettono certamente la riduzione al suo ricorso fino al suo superamento. Un altro aspetto che non viene mai sottolineato è come le procedure siano quasi tutte focalizzate a come contenere bene e ai controlli da eseguire durante la applicazione. Si è perso di vista il punto fondamentale della nostra mission e della nostra vision: l’assistenza. Nelle procedure della contenzione si enfatizza infatti la scansione temporale del monitoraggio dei parametri vitali e l’osservazione attraverso telecamere: tutto ciò non è assistenza, ma controllo. Oltretutto inefficace. Infatti, tralasciando tutti gli aspetti emotivi e relazionali dell’essere legati a letto, come può una telecamera o un monitoraggio ogni dieci minuti far rilevare tempestivamente un arresto cardiorespiratorio? Ma perché – mi chiedo – nessuno ha mai pensato ad una assistenza continua alla persona contenuta?

Pertanto, la riflessione da fare è come mai non si applichino fino in fondo negli SPDC e nei dipartimenti di salute mentale quei fattori alla base del superamento della contenzione. Non so se domani mattina legheremo una persona, ma credo che l’importante sia aver analizzato come per anni sia stato possibile non contenere una persona nonostante una procedura ad hoc e le cinghie in reparto.

Sorprendentemente, infine, da un confronto con i dati relativi al 2017 e 2018 con altri SPDC si è rilevato come il nostro SPDC abbia una tendenza a un minor numero di giornate di lavoro perse per episodi di aggressività eterodiretti nei confronti degli operatori, come pure un minor utilizzo di risorse sanitarie rilevato come media della spesa sanitaria. C’è sempre da imparare.

Il mio principale pensiero è comunque rivolto alla persona deceduta e al dramma che stanno vivendo i famigliari, come pure tutti gli operatori di quel reparto. Ed è principalmente questo che mi ha spinto a scrivere queste osservazioni. Perché ciò, per tutti, non accada più.
 


Roberto Zanfini
Direttore UO Emergenza Urgenza Psichiatrica Ravenna
AUSL della Romagna 

 

tratto da quotidianosanità.it

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=76817&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41551

TOTALE VISITE

60545

Dati aggiornati

al 16-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Stefano Vicari

Andrea Pamparana

 

IL FILO TESO

Edizioni Giunti EDU

 

“Il primo segreto è non aver paura. I ragazzi la sentono e non si fidano di chi ha paura di loro. E poi sono stato fortunato. Gilberto, non volendo, mi ha fatto capire in che guaio si è cacciato”. “Il male oscuro degli adolescenti di oggi non è quel ragazzo nudo sul tetto della scuola che si voleva suicidare. Quella, lo sappiamo – vero, Francesco? – è una malattia. Il male oscuro di questa generazione è l’ignoranza. La cultura è la medicina. La cultura come curiosità del sapere”.  Storie di giovani vite sul filo, che tentano equilibrismi incerti tra salute e disturbo mentale, con il rischio costante che quel filo teso si spezzi e si cada nel vuoto. Un filo che è anche un legame, un materiale fragile che ciò nonostante unisce, ricollega, mette insieme... È il filo rosso che lega i tre protagonisti del libro: Francesco Nitti, primario di neuropsichiatria infantile, appassionato e competente, e Antonio Martini, un giornalista curioso che vuole fare un documentario sull’autismo. E poi ci sono loro, i ragazzi e le ragazze che vivono il disagio psichico: Pamela, consumata dall’anoressia; Mario, così grande e grosso, pieno di angoscia che manifesta in esplosioni di aggressività incontrollabili; Valentina, che chiede disperatamente di essere ascoltata tentando il suicidio; Giulia, tossica, vittima di violenze e sfruttamento sessuale; Arianna, che scappa con il fidanzato senza comprenderne i rischi a causa della sua disabilità intellettiva; Marinella, persa nel suo mondo disegnato dall’autismo; Gilberto, fragile e manipolabile, che si lascia catturare dal blue whale. Infine Carmelo, nato Carmelina, che si batte per essere ciò che si sente di essere…  Un romanzo intenso che, attraverso il vissuto dei protagonisti, porta alla luce l’intreccio di storie dalle mille sfaccettature, ci offre uno spaccato inedito della realtà dei disturbi psichiatrici tra gli adolescenti – considerati ancora un tabù – e si prefigge di rimodulare la definizione di disagio mentale per dargli l’aspetto che ha per natura: un disturbo come altri, da riconoscere e curare.

 

visualizza la scheda del libro cliccando

https://www.giunti.it/catalogo/il-filo-teso-9788809881099

 

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/