CONFERENZA NAZIONALE "PSICOLOGIA E DIRITTI UNIVERSALI" (quotidianosanità.it)

Giornata nazionale psicologia

“Diritto alla salute limitato se non si guarda alla persona, che non è solo biologia”.

Intervista a Lazzari (Cnop)

 

"La Psicologia è al cuore della vita umana perché si occupa di soggettività ma anche di comportamenti e relazioni, della modulazione soggettiva tra istanze biologiche e socioambientali. E i diritti diventano sostanza, aspetti della nostra esistenza, dentro questa dimensione. Sono legati alla nostra crescita personale, alla auto consapevolezza,alla capacità di relazionarsi e rispettare noi stessi e gli altri". Così il membro dell'esecutivo Cnop ha anticipato i temi che verranno affrontati nella conferenza nazionale del Consiglio nazionale dell'Ordine degli psicologi il prossimo 8 ottobre a Roma.

 

Cosa intendono gli italiani quando parlano di salute? Quanti ricorrono al sostegno psicologico? E, in definitiva, come stanno gli italiani dal punto di vista del benessere psicologico? Questi i temi analizzati partendo da due indagini inedite sullo stato di benessere psicologico degli italiani che saranno presentate durante la conferenza nazionale “Psicologia e diritti universali” organizzata dal Cnop – Consiglio Nazionale Ordine Psicologi (vedi il programma) che si tiene a Roma, martedì 8 ottobre in occasione della Giornata nazionale della Psicologia del prossimo 10 ottobre.
 
Per anticipare i contenuti della conferenza abbiamo intervistato David Lazzari dell'Esecutivo Cnop.
 
Dottor Lazzari, quali saranno i temi dell'edizione 2019 della Gioranata nazionale della Psicologia?
La Giornata Nazionale della Psicologia è alla sua quarta edizione e anno dopo anno si sta affermando come una significativa occasione di confronto tra la professione psicologica e la società, un momento di riflessione su tematiche di interesse generale con le lenti della Psicologia e naturalmente un contenitore di eventi nazionali e locali promossi dagli Ordini regionali. Quest’anno abbiamo scelto il tema dei diritti universali perché, nella attuale congiuntura nazionale e internazionale, ci è sembrato importante promuovere una riflessione su questo.

 
Come verrà declinato il tema dei diritti in chiave psicologica?
Il tema dei diritti, verso noi stessi e gli altri, va declinato non solo a livello individuale ma relazionale e sociale. C’è un “io” al centro dei diritti, il riconoscimento della dignità, libertà e specificità personale ma c’è anche, inestricabilmente, un “noi”, basato sul reciproco rispetto e riconoscimento. Il tema dei diritti è uno specchio della società e della sua capacità di trovare equilibrio tra la dimensione personale e sociale, tra l’Io, il Tu e il Noi.
La Psicologia è al cuore della vita umana perché si occupa di soggettività ma anche di comportamenti e relazioni, della modulazione soggettiva tra istanze biologiche e socioambientali. E i diritti diventano sostanza, aspetti della nostra esistenza, dentro questa dimensione.
Sono legati alla nostra crescita personale, alla auto consapevolezza, all’empatia, alla capacità di relazionarsi, di conoscere e rispettare noi stessi e gli altri.
Questi i temi della nostra riflessione. Abbiamo dei dati che ci mostrano il peso di una crescita psicologica positiva o negativa per la qualità della nostra vita, il nostro benessere e salute che hanno molto a che fare con il tema dei diritti.
 
In che modo?
Un minore che vive esperienze psicologiche negative ha un aumento molto importante di probabilità di avere problemi nella vita. Il suo diritto alla salute, e non solo, viene nei fatti compromesso. Ma anche il diritto alle cure viene limitato se non si guarda alla persona, che non è solo biologia ma anche psicologia. Il punto è che con l’evoluzione della società da un lato e delle conoscenze dall’altro il tema dei diritti universali ha bisogno di essere affrontato in modo nuovo, non delegandolo magari alla tecnologia come si è tentati di fare nelle discussioni astratte.
I dati che presentiamo al convegno dell’8 ottobre ci mostrano sia il peso della dimensione psicologica nei diversi aspetti della vita umana sia l’evoluzione dei bisogni e dell’idea di benessere e salute che hanno le persone. Oggi sempre più si dà importanza al ben-essere psicologico, come condizione cruciale per una esistenza piena e sana, per costruirla e difenderla nelle difficoltà.
Quindi se vogliamo difendere e promuovere i diritti umani dobbiamo occuparci di questo e aggiornare i nostri modelli di tutela in generale e nei diversi ambiti applicativi. 
 
Lei ha appena pubblicato un volume intitolato “La Psiche tra Salute e Malattia”, ci sono riferimenti a questo tema?
Veramente nel libro sono raccolti i dati che supportano i ragionamenti che ho qui sintetizzato. Credo che sia fondamentale conoscere e far conoscere le evidenze sul ruolo della psiche nella bilancia tra salute e malattia, che vuol dire più in generale negli equilibri adattivi e qualità dell’esistenza. La società deve confrontarsi con questo tema in modo non retorico ma concreto e costruttivo. Si possono evitare molti disagi e sofferenze e anche risparmiare risorse individuali e collettive.

 

tratto da quotidianosanità.it

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=77520&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:43630

 

TOTALE VISITE: 63436

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni31

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:41

 

Dati aggiornati

al 18-01-2020

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie-France Hirigoyen

Molestie morali

La violenza perversa nella famiglia e nel lavoro

 

Einaudi editore

 

Questo libro affronta un tema di drammatica attualità, che comincia a essere studiato dagli psicologi e considerato anche dalle organizzazioni del lavoro. Il "mobbing" è al centro dell'attenzione di molte riviste e giornali.

È possibile distruggere qualcuno con le parole, gli sguardi, i sottintesi: espressioni come violenza perversa o molestia morale si rifescono a questo tipo di situazioni.

Con l'apporto di numerose testimonianze, l'autrice analizza le peculiarità dei rapporti perversi e mette in guardia contro ogni tentativo di banalizzazione. Che si tratti di una coppia, di una famiglia o degli impiegati di un'azienda, il processo che porta le vittime nella spirale della depressione, se non al suicidio, è lo stesso.

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento!

 

Gazpacho

La ricetta che seguo da anni è quella che più mi piace portare a tavola quando i pomodori sono al giusto grado di maturazione e la calura estiva ha bisogno di una zuppa fredda rinfrescante come questa! Di solito porto in tavola il Gazpacho con crostini e cubetti di cetriolo o di peperone verde. La cremosità e il gusto di questo piatto sapranno conquistarti, è semplice da preparare e non occorre cottura, ma un riposo in frigo di circa un’ora prima della sua consumazione. Se non disponi di mixer con lama grande, puoi sempre usare un frullatore classico!

 

Per la ricetta e la preparazione clicca su

https://unabloggerincucina.it/gazpacho-2/