UN GIORNALE SCRITTO DA DISABILI PSICHICI (Renato La Cara, ilfattoquotidiano.it)

PaperBoy, il giornale scritto interamente da una redazione di disabili: “Diamo a questi ragazzi spazi anche per attività intellettuali”

 

Il periodico cartaceo, che ora arriva anche online, è edito dalla cooperativa sociale Il Villaggio di Esteban: nasce dall'idea di Carlo Noviello ed è diretto da Umberto Adinolfi. Marinella Marino, una delle autrici: "Mi sono appassionata tanto da farmi pensare che forse anch’io avrei potuto cimentarmi in questa cosa dello scrivere. Ed è stato proprio così". Il collega Luca Boffa: "Lo consiglio a tutti".

 

di Renato La Cara | 7 NOVEMBRE 2019

 

E’ online dal 4 novembre il sito di PaperBoy, periodico edito dalla cooperativa sociale Il Villaggio di Esteban e realizzato quasi interamente da redattori con disabilità. Si tratta di una testata regolarmente registrata che permette di conseguire il tesserino e l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti. Vi lavorano venti redattori disabili in tutto, di cui quattro già pubblicisti e due lo diventeranno a metà mese. Gli ideatori del progetto affermano che “si tratta dell’unica esperienza di questo tipo nel Sud Italia”. Consultando il portale sarà possibile essere informati in “real time”, grazie al lavoro giornalistico della redazione “speciale” gestita dalla coop sociale presieduta da Carlo Noviello e diretto dal giornalista Umberto Adinolfi. La testata cartacea Paperboy ora ha anche una veste web, grazie ad un portale ricco di contenuti. Il progetto nasce nel 2013 da un’idea del giornalista salernitano Adinolfi e di Noviello come laboratorio giornalistico dedicato a persone con disabilità.

“Tutto è partito come un’attività laboratoriale per avvicinare alcuni disabili al lavoro giornalistico e poi siamo riusciti a formare una redazione vera – dice a Ilfattoquotidiano.it Noviello -. Ciò rappresentava un elemento imprescindibile, volevamo che le attività non fossero fini a se stesse, ma rappresentassero un elemento professionalizzante della loro vita, che li accompagnasse in un percorso di praticantato fino ad arrivare all’iscrizione all’Albo”. Le principali difficoltà sono state quelle di avere a disposizione uno spazio dedicato, la relativa attrezzatura e i costi di stampa. “Riguardo al luogo della redazione – aggiunge – ci è stato vicino il Comune di Salerno, che ci ha messo a disposizione uno spazio che potesse ospitarci. Per le attrezzature, inizialmente, ci sono state vicine altre realtà locali, poi pian piano siamo riusciti a provvedere da soli”. Perché siete partiti con il cartaceo? “Ci piaceva far toccar con mano ai redattori il frutto del loro lavoro e dimostrare che potevano realizzare un giornale. Abbiamo sempre avuto chiaro che lo sviluppo naturale delle cose prevedeva anche la realizzazione di un sito web dedicato e così è stato. Il più grande traguardo è certamente quello di aver accompagnato sei (per il momento) di questi ragazzi all’iscrizione all’Ordine”. La maggior parte dei redattori ha una disabilità psico-relazionale, altri hanno un disturbo psichico. L’età va dai vent’anni fino ai sessantacinque e abitano perlopiù a Salerno.

Le attività sono dirette da Adinolfi e dal giornalista Stefano Masucci, che è il vicedirettore. Al loro fianco c’è il segretariato sociale della cooperativa, composto da operatori e assistenti sociali, oltre che psicologi che supportano l’intero lavoro dal punto di vista educativo. Che tipo di valori volete diffondere? “Questo è un progetto a cui abbiamo sempre tenuto molto – risponde Noviello -. Il senso profondo è sempre stato quello di realizzare attività che andassero oltre i lavori manuali che normalmente vengono messi in campo per le persone con disabilità e/o disagio psichico. Senza nulla togliere a questi, che hanno un’importanza fondamentale durante la riabilitazione, c’era la voglia di gridare al mondo che questi ragazzi possono svolgere a piano titolo anche attività intellettuali. L’iscrizione all’Ordine è il raggiungimento di questo grande obiettivo e dimostra che tutto ciò era ed è possibile. Ma soprattutto diamo prova che si può crescere sempre di più, visto che assieme al giornale cartaceo e al sito web, abbiamo creato anche una web radio: Radio Salerno Village”.

 

Marinella Marino è di Salerno, da un anno fa parte della redazione e ha un problema psichiatrico. “Mi sono avvicinata a questa avventura – dice al Fatto.it Marino – perché ne faceva già parte un amico che me ne aveva parlato molto bene. Mi sono appassionata tanto da farmi pensare che forse anch’io avrei potuto cimentarmi in questa cosa dello scrivere. Ed è stato proprio così”. Come valuti l’esperienza? “Mi fa molto piacere, mi dà molte soddisfazioni, mi permette di imparare tanto da Umberto e Stefano e anche di esprimermi con creatività”. Nella redazione inclusiva non ci sono distinzioni di genere, limiti anagrafici né esclusioni per tipo di disabilità. Tra i tanti redattori c’è anche Luca Boffa, con sindrome di Asperger, che ha 26 anni e partecipa alle attività fin dagli inizi. “I miei interessi sono soprattutto la religione, la politica internazionale, direi l’attualità in genere – racconta Boffa -. Porto avanti questo bel progetto con passione ed entusiasmo, sperando che continui e diventi sempre più grande. Sono anche speaker di Radio Salerno Village. Ho conseguito il tesserino di pubblicista nel 2016 e se dovessi definire PaperBoy lo definirei meraviglioso, una realtà che consiglio a tutti. Dovrebbero esserci più esempi del genere in Italia”.

 

tratto da ilfattoquotidiano.it

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/11/07/paperboy-il-giornale-scritto-interamente-da-una-redazione-di-disabili-diamo-a-questi-ragazzi-spazi-anche-per-attivita-intellettuali/5551235/

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41319

TOTALE VISITE

60205

Dati aggiornati

al 11-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Paola Bolla

PROTEGGIMI

DA ME

Edizioni EBS Print - 2018

 

 

Immagina di partire per un viaggio all'interno di te, di toccare quei lati spigolosi, quegli spruzzi della vita che arrivano sulla faccia fastidiosi. Io sono partita con una valigia pesante, colma di timori e insicurezze. Ho spolverato tra i miei dolori e ho preso di petto quello che mi faceva più male. Mi sono guardata dentro e ho sentito di provare qualcos'altro oltre l'odio ingoiato per anni. Questo è stato il mio vero riscatto o, come mi piace dire, "ciò che ridà la giusta luce al sole". Desidero che questa raccolta di poesie possa arrivare a te, creatura speciale che la vita ha messo alla prova, perché il male, spesso, è solo un trampolino troppo alto da cui tuffarsi e serve tanto coraggio, forse anche un po' di fortuna, per circondarsi di nobili anime che allungano le mani nella paura. Prefazione di Paola Bianchini.

 

Biografia dell'Autrice

Paola Bolla è nata in Piemonte, in provincia di Cuneo nell’aprile del 1985. Si è diplomata al Liceo Linguistico.

É coadiuvante presso l’azienda agricola di famiglia. Ama l’arte, il cinema e il teatro, lo sport e la campagna, leggere e ascoltare musica italiana. Nel tempo libero si diletta nella scrittura.

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/