QUEL BACIAMANO E QUELLA LETTERA DI SCUSE Riflessioni sul conformismo (Gianfranco Conforti)

 

 

È recente la sentenza della Corte d’Assise di Roma sulla morte di Stefano Cucchi. Non entro nel merito. Una cosa, però, mi ha colpito: il baciamano fatto dal Maresciallo superiore Salvatore Caporaso alla sorella del geometra morto a causa delle percosse subite. Il maresciallo ha affermato che è stato un gesto spontaneo, determinato dalla conoscenza della famiglia Cucchi avvenuta in questi anni di dibattimento processuale.

Ma, oltre al gesto di educazione e di galanteria, ho percepito altro. Sarà una mia impressione, anzi senz’altro lo è, ma in quel gesto ho visto la voglia di liberarsi di un peso. Vi ho visto il desiderio di lavare l’uniforme dell’Arma a cui lui appartiene e che è stata oltraggiata dal comportamento di alcuni commilitoni.

Ecco che inizio ad affrontare il senso di queste mie riflessioni: anche in ambienti in cui vige l’ordine dell’obbedienza ai superiori e dell’uniformità (dove non a caso si indossa un’uniforme) si può alzare la testa, ci si può esporre per ciò che è giusto e non adagiarsi nell’opportunismo.

Un fatto analogo, seppur con molto meno clamore mediatico, è avvenuto in ambito psichiatrico. Mi riferisco al caso della morte di Francesco Mastrogiovanni, ricoverato in regime di Trattamento Sanitario Obbligatorio presso la psichiatria di Vallo della Lucania, avvenuta dieci anni fa; nel 2009, proprio come Stefano Cucchi. È notizia di questi giorni la lettera1 in cui un infermiere del reparto chiede scusa alla famiglia di Mastrogiovanni, ammettendo che il comportamento di chi doveva assisterlo fu barbaro. Anche in questo caso non entro nel merito ma mi limito a sottolineare che tutti gli articoli sottolineano come il paziente fu tenuto legato per più di 80 ore senza mangiare né bere e la constatazione della morte avvenne sei ore dopo il decesso.

Si può mantenere l’umanità anche in trincea? Mi ritornano in mente le parole che scrisse Luciano Jolly: “affermare il diritto al sentimento, nel maschio, è quasi un atto rivoluzionario: in tutte le caserme del mondo si è insegnato che esso è una debolezza”2. In certi ambienti sembra che non ci possa essere spazio per tentennamenti romantici, perché chiamati ad assolvere compiti a contatto con l’urgenza, con la violenza, con pericoli da gestire. Eppure vi è chi non accetta l’omologazione all’urlo, alla sopraffazione, alla cieca obbedienza agli ordini, all’essere sbrigativi. Penso che anche dove il conformismo ti induce a violare o, nella migliore delle ipotesi, a non curarti dei diritti di chi viene a contatto con te in una posizione più debole sia giusto opporsi. Certo ciò non rende la vita facile perché si entra nel campo dell’eresia. Lo sottolineano chiaramente Giulia Bonavia e Alessandra Ferrari quando scrivono che “eretico è chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie”3. Eppure opporsi alla violenza è non solo eticamente giusto ma anche utile onde impedire che il sonno della ragione causato dal conformismo e dall’abbruttimento generi effetti non calcolati, non voluti. Ma mi preme, qui e ora, sottolineare che occorre saper dire no a certi comportamenti non solo perché possono essere egoisticamente dannosi.

Occorre farlo perché è giusto e basta.

 

Gianfranco Conforti

 

1       – Vedi, tra i molti articoli, https://www.ilmattino.it/salerno/caso_mastrogiovanni_la_lettera_siamo_stati_barbari_nell_assistere_franco-4869146.html;

2       – Luciano Jolly, Un ciclo della vita, in Gianfranco Conforti, Sarà bello rivederti, Fusta Editore, Saluzzo, 2011, pag.4;

3       – Giulia Bonavia e Alessandra Ferrari, La scia di un aereo, in Rendiconti Cuneo 2019, pag.172.

 

 

questo articolo uscirà anche su IL GRANELLO DI SENAPE di Dicembre 2019

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44718

 

TOTALE VISITE: 64893

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni36

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:49

 

Dati aggiornati

al 17-02-2020

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

 

 

Dall'indice: 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento!

 

Gazpacho

La ricetta che seguo da anni è quella che più mi piace portare a tavola quando i pomodori sono al giusto grado di maturazione e la calura estiva ha bisogno di una zuppa fredda rinfrescante come questa! Di solito porto in tavola il Gazpacho con crostini e cubetti di cetriolo o di peperone verde. La cremosità e il gusto di questo piatto sapranno conquistarti, è semplice da preparare e non occorre cottura, ma un riposo in frigo di circa un’ora prima della sua consumazione. Se non disponi di mixer con lama grande, puoi sempre usare un frullatore classico!

 

Per la ricetta e la preparazione clicca su

https://unabloggerincucina.it/gazpacho-2/