PRANZO DI NATALE: IL SEGRETO PER NON ABBUFFARSI (Marzia Caposio, Popular Science)

 

 

Mangiare meno sotto le feste si può! Come? Giocando con la ‘sazietà sensoriale specifica’, un fenomeno legato all’appetito che viene facilmente manipolato dalla varietà di cibo disponibile. In sostanza: se ci sono poche pietanze, ci si annoia. Se ce ne sono molte si ottiene l’effetto opposto. “Quando una persona mangia qualcosa con una specifica proprietà sensoriale (come un gusto, una consistenza o un colore), si annoia e smette di mangiarlo dopo un certo punto, anche se ha ancora fame. Lo stesso vale se accade il contrario. Se tale proprietà sensoriale viene cambiata, ha un appetito rinnovato”, spiega Lenny Vartanian, ricercatore e psicologo dell’Università del Nuovo Galles del Sud, a Sidney.

Per gestire l’impulso di provare tutto ciò che viene offerto durante il pranzo di Natale, Vartanian suggerisce di creare un limite autoimposto. “Stabilisci un limite al numero di piatti diversi da provare – spiega il ricercatore in una intervista diffusa dalla stessa università australiana – Dì a te stesso, ‘So che ci saranno molti dolci, il che mi farà desiderare di avere un po’ di tutto, ma forse ne prenderò solo uno o due'”. Questo limite dovrebbe essere imposto anche prima che il piatto arrivi a tavola e, se ciò è impossibile, si può chiedere di mettere la parte eccedente in una ‘doggy bag’ per portarla a casa e mangiarla nei giorni successivi.

C’e’ comunque un altro aspetto da tener presente sotto le feste: le abitudini di chi ci circonda. Infatti, prosegue Vartanian, c’è un motivo scientifico attorno alle ‘abbuffate’ natalizie: si mangia di più in gruppo rispetto a quando si è soli e c’è una sorta di ‘tolleranza condivisa’ sui chili di troppo presi a fine anno.

“Se tutti hanno quell’aspettativa condivisa, allora c’è la comprensione comune che va bene farlo”, dice. “Molti di noi hanno un membro della famiglia che ci incoraggia a mangiare di più e ti farà sentire in colpa se non lo fai”, prosegue. In questo caso, davanti allo zio che ti invita a chiudere un occhio e prendere una forchettata in più, il consiglio è di “prepararsi mentalmente a questa pressione e considerare come si potrebbe rispondere. Pianificare in anticipo può aiutarti a navigare in situazioni potenzialmente scomode”.

Anche la scelta del vicino a tavola potrebbe essere importante. Le persone, spiega lo psicologo, corrispondono alle abitudini alimentari di coloro che li circondano, quindi potrebbe essere decisivo scegliere con cura chi e’ accanto.

 

Tratto da  Popular Science (www.popsc.it)

 

http://www.popsci.it/pranzo-di-natale-il-segreto-per-non-abbuffarsi.html

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.736

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 100

Dati aggiornati

al 27-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Claudio Giunta

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?»

L'educazione civica, la scuola, l'Italia

Rizzoli, 2021

 

Agile, ironico, allo stesso tempo equilibrato e tagliente, ma soprattutto profondamente antimanicheo, questo libro riflette con intelligenza sugli spazi, i tempi, i metodi e i contenuti di un approccio alla scuola che non sembra più in grado di intercettare i veri bisogni educativi dei ragazzi italiani, e osserva secondo una prospettiva nuova un insegnamento cruciale che fin qui è stato affrontato in maniera sconclusionata, retorica e persino controproducente.

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente, perché mai la scuola e lo Stato dovrebbero impedirmelo?» Claudio Giunta se l'è sentito chiedere da una studentessa alla fine di una lezione in un liceo. Una domanda niente affatto banale – anzi, acuta e attualissima – che avrebbe meritato una risposta chiara e articolata, se un insegnante non l'avesse subito bollata come «provocazione», troncando ogni possibilità di dialogo. Questo libro nasce anche dal desiderio di dare una risposta sensata al quesito che la studentessa ha posto con ovvio intento polemico: «Lo Stato e la scuola» osserva Giunta «non dovrebbero impedirle di diventare una fascista intelligente, ma dovrebbero agire in modo tale da non fargliene venire la voglia, e prima della voglia l'idea».

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI