FILOFOBIA: LA PAURA DI AMARE (Teresita Forlano)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La parola filofobia deriva dal greco “philos” (amore) e “fobia” paura irrazionale; è la paura di amare o di innamorarsi, che impedisce di instaurare relazioni sentimentali, anche quando si provano sentimenti intensi per l’altra persona.

La filofobia è diffusa sia tra uomini, che tra le donne ed insorge quando si è in procinto di intraprendere o approfondire una relazione sentimentale.

Si manifesta con gli stessi sintomi dell’ansia, e nei casi più estremi con attacchi di panico. I filofobici, quando avvertono i presupposti per una relazione coinvolgente oppure la possibilità di instaurare un rapporto più stabile, sentono di non essere in grado di gestire le emozioni che l’esperienza comporta.

Per difendersi mettono in atto comportamenti di evitamento, come: mostrarsi distaccati, poco interessati, ridurre i contatti fino ad allontanarsi o interrompere la relazione. Maggiore è la tendenza a scappare, più forte è la paura.

Alcuni filofobici razionalizzano il problema con riflessioni tipo: “ Non era il momento….non poteva funzionare”, riversando le cause del fallimento relazionale all’altro o alla situazione.

Altri invece soffrono per la propria condizione, riconoscendo che le difficoltà affettive sono dovute alle proprie resistenze, ma preferiscono non rischiare e restare ancorati al proprio guscio protettivo.

Spesso si tratta di persone realizzate nel lavoro, integrate socialmente, dedite a numerose attività con cui compensare il senso di solitudine interiore. Quando decidono di intraprendere una relazione sentimentale, scelgono storie complicate, poco impegnative, o a distanza, in modo da evitare di provare sentimenti intensi.  In questo modo, possono coinvolgersi in modo limitato, senza oltrepassare una certa soglia emozionale. Provocano litigi per far si che sia il partner a chiudere la relazione. Oppure ricercano difetti nel loro partner per utilizzare questi presunti difetti come giustificazione per non andare più a fondo nei loro sentimenti. Altri, si tirano indietro quando sentono che la relazione sta per diventare più seria, smettono di uscire con il partner, evitano di rispondere al telefono e inventano continuamente scuse per non vederlo.

Alla base di questi comportamenti c’è la paura di instaurare relazioni intime, percepite come una minaccia alla propria stabilità emotiva, la convinzione che amare equivale a soffrire, per tanto il coinvolgimento affettivo è vissuto come un’esperienza da cui è necessario proteggersi.

Ogni persona possiede le proprie predisposizioni individuali ed ha una sua storia affettiva e familiare, per tanto la paura di amare può avere diversi nuclei portanti.

  • Una delusione amorosa o una serie di rapporti fallimentari possono inibire la possibilità di intraprendere una nuova relazione, per tutelarsi dal rischio di un’altra delusione e della conseguente sofferenza.
  • Contesti familiari affettivamente freddi, svalutanti o in cui si sono verificati lutti, abbandoni, separazioni, generano vissuti di insicurezza affettiva da cui deriva un atteggiamento di diffidenza verso l’altro. Spesso queste persone tendono a proteggersi dall’innamoramento per paura di essere nuovamente rifiutate o abbandonate, com’è accaduto con i propri genitori.
  • Questa fobia può essere presente in persone che non sono disposte a perdere il controllo e a mostrare le proprie debolezze. Anche perché amare e instaurare una relazione comporta l’esposizione di sé all’altro, comprese le proprie debolezze.

È possibile curare e guarire la filofobia chiedendo aiuto ad uno psicoterapeuta, se realmente motivati e consapevoli del proprio problema/ disagio, e delle conseguenze che il comportamento fobico sta provocando nella propria vita, ossia il vissuto di solitudine che può cronicizzarsi e, la perdita di fiducia in sé e negli altri.

 

Teresita Forlano

Psicolopga, Psicoterapeuta e Sessuologa 

Aversa

tratto da: https://www.teresitaforlano.it/filofobia.html

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:51408

 

TOTALE VISITE:  75531

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 60

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni: 91

 

Dati aggiornati

al 01-06-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 FILMOGRAFIA

INDIVIDUAL-PSICOLOGICA

Quaderni del Sestante 3

 

Effatà Editrice

 

Una raccolta di saggi a sfondo psicoterapico con l’intento di guidare il lettore in un viaggio nel mondo interno di ciascun uomo facendo ricorso alle narrazioni proposte da alcuni film, serie televisive e cartoni animati. Disagio, solitudine, fragilità, soft skills, narcisismo, identità, crescita, emancipazione, affettività, aggressività sono alcuni degli aspetti analizzati attraverso i personaggi di JokerIl trono di spadeIl Re LeoneRalphLa storia infinitaMulholland DriveVenom e altri contenuti cinematografici.

 

 

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 

ZUPPETTA DI FAGIOLO CUNEO IGP CON COZZE E TEFF 

 

Oggi ti parlo di un prodotto d’eccellenza della provincia di Cuneo: il fagiolo borlotto Cuneo IGP, una varietà tipica del Nord Italia e in particolare del Piemonte. Si tratta di una specie rampicante dalla polpa carnosa e pregiata la cui coltura, prevalentemente a conduzione famigliare, è concentrata nel territorio del cuneese. Con il fagiolo Cuneo IGP ho preparato svariate ricette tra cui la zuppa di fagioli e salsiccia Val Maira che trovi anche sul mio libro di cucina Tu di che taglio sei.

 

per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/zuppetta-di-fagiolo-cuneo-igp-con-cozze-e-teff/