DROGA: QUANTA SE NE CONSUMA IN ITALIA (www.laleggepertutti.it)

 

 

Si parla molto di sostanze stupefacenti soprattutto in questi giorni, all’indomani della sentenza della Cassazione secondo cui coltivare cannabis in casa non è più reato e dal mondo politico si registrano le più varie reazioni e prese di posizione; ma, come spesso accade in molti fenomeni sociali, si dimentica di ragionare sulle cifre e sui dati concreti. Eppure in questo caso ci sono, ma giacciono in una recente relazione che è passata inosservata in Parlamento.

Ad inizio dicembre di quest’anno il Dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio ha diffuso la sua relazione annuale al Parlamento. È un documento ufficiale, frutto del lavoro svolto in collaborazione con le amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, con l’apporto dell’Osservatorio nazionale sul fenomeno delle tossicodipendenze e con il contributo dei soggetti del pubblico e del privato sociale competenti nello specifico settore.

In sostanza, il documento – composto di circa 300 pagine e liberamente scaricabile dal sito http://www.politicheantidroga.gov.it/ – ci dice quante e quali droghe si consumano in Italia. Il rapporto 2019 contiene i dati statistici completi riferiti all’intero anno 2018.

Dal documento emerge che un terzo degli studenti italiani, pari a 870.000 ragazzi circa, ha fatto uso di almeno una sostanza drogante durante la propria vita; un quarto di essi, pari a 660.000, ne ha fatto uso nel corso dell’anno 2018. Quali sostanze vengono consumate? L’analisi evidenzia che gli stupefacenti più diffusi sono i derivati della cannabis, che sono il 96% delle sostanze sequestrate; le piante di cannabis sequestrate sono state più di mezzo milione in un anno, la loro quantità è cresciuta in un anno del 93,9% (quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente), e l’intero mercato illecito degli stupefacenti è in crescita, con sequestri per oltre 123 mila chili, in cui spiccano le sostanze sintetiche.

Il rapporto evidenzia anche che aumentano, rispetto al precedente anno, i ricoveri ospedalieri droga-correlati (+14%), le infrazioni alla guida per uso di droga al volante (+12%), i decessi derivanti dall’assunzione di stupefacenti (+12.8%). Oggi il Centro studi Livatino, in una nota diramata attraverso l’agenzia stampa Adnkronos, evidenzia questi dati e denuncia che “I dati sulla diffusione della droga, in particolare la cannabis, sono allarmanti, eppure c’è una dissociazione dalla realtà da parte delle istituzioni preoccupante”.

In particolare, sottolinea il Centro studi Livatino, “la relazione, pur diretta al Parlamento, non è stata discussa nell’Aula della Camera o del Senato né in alcuna Commissione. Pur se il Dipartimento che l’ha redatta rientra nella competenza politica del presidente del Consiglio, né il premier né il Governo hanno detto una parola su di essa. Ci sono state le risposte istituzionali, ma sono andate nella direzione opposta all’allarme che viene dai dati, dall’emendamento che ha tentato di inserire nella manovra la vendita di hashish e marijuana nei cannabis shop alla sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione del 19 dicembre, di cui ieri è stato reso noto il principio di diritto. Preoccupa una tale dissociazione dalla realtà. Suona ipocrita”, conclude la nota.

Il vicepresidente del Centro, il magistrato di Cassazione Alfredo Mantovano, coglie l’occasione per dichiarare ad Adnkronos che la decisione della Cassazione, che ha stabilito che non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa, “è un oggettivo incentivo a moltiplicare la coltivazione domestica senza freni, nè controlli particolari, nè tutele per i minori che di fronte a questa coltivazione domestica possono essere incentivati al ‘fai da te’ per detenzione e consumo”.

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente  link: https://www.laleggepertutti.it/351607_droga-quanta-se-ne-consuma-in-italia

 


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:51408

 

TOTALE VISITE:  75531

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 60

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni: 91

 

Dati aggiornati

al 01-06-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 FILMOGRAFIA

INDIVIDUAL-PSICOLOGICA

Quaderni del Sestante 3

 

Effatà Editrice

 

Una raccolta di saggi a sfondo psicoterapico con l’intento di guidare il lettore in un viaggio nel mondo interno di ciascun uomo facendo ricorso alle narrazioni proposte da alcuni film, serie televisive e cartoni animati. Disagio, solitudine, fragilità, soft skills, narcisismo, identità, crescita, emancipazione, affettività, aggressività sono alcuni degli aspetti analizzati attraverso i personaggi di JokerIl trono di spadeIl Re LeoneRalphLa storia infinitaMulholland DriveVenom e altri contenuti cinematografici.

 

 

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 

ZUPPETTA DI FAGIOLO CUNEO IGP CON COZZE E TEFF 

 

Oggi ti parlo di un prodotto d’eccellenza della provincia di Cuneo: il fagiolo borlotto Cuneo IGP, una varietà tipica del Nord Italia e in particolare del Piemonte. Si tratta di una specie rampicante dalla polpa carnosa e pregiata la cui coltura, prevalentemente a conduzione famigliare, è concentrata nel territorio del cuneese. Con il fagiolo Cuneo IGP ho preparato svariate ricette tra cui la zuppa di fagioli e salsiccia Val Maira che trovi anche sul mio libro di cucina Tu di che taglio sei.

 

per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/zuppetta-di-fagiolo-cuneo-igp-con-cozze-e-teff/