DROGA: QUANTA SE NE CONSUMA IN ITALIA (www.laleggepertutti.it)

 

 

Si parla molto di sostanze stupefacenti soprattutto in questi giorni, all’indomani della sentenza della Cassazione secondo cui coltivare cannabis in casa non è più reato e dal mondo politico si registrano le più varie reazioni e prese di posizione; ma, come spesso accade in molti fenomeni sociali, si dimentica di ragionare sulle cifre e sui dati concreti. Eppure in questo caso ci sono, ma giacciono in una recente relazione che è passata inosservata in Parlamento.

Ad inizio dicembre di quest’anno il Dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio ha diffuso la sua relazione annuale al Parlamento. È un documento ufficiale, frutto del lavoro svolto in collaborazione con le amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, con l’apporto dell’Osservatorio nazionale sul fenomeno delle tossicodipendenze e con il contributo dei soggetti del pubblico e del privato sociale competenti nello specifico settore.

In sostanza, il documento – composto di circa 300 pagine e liberamente scaricabile dal sito http://www.politicheantidroga.gov.it/ – ci dice quante e quali droghe si consumano in Italia. Il rapporto 2019 contiene i dati statistici completi riferiti all’intero anno 2018.

Dal documento emerge che un terzo degli studenti italiani, pari a 870.000 ragazzi circa, ha fatto uso di almeno una sostanza drogante durante la propria vita; un quarto di essi, pari a 660.000, ne ha fatto uso nel corso dell’anno 2018. Quali sostanze vengono consumate? L’analisi evidenzia che gli stupefacenti più diffusi sono i derivati della cannabis, che sono il 96% delle sostanze sequestrate; le piante di cannabis sequestrate sono state più di mezzo milione in un anno, la loro quantità è cresciuta in un anno del 93,9% (quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente), e l’intero mercato illecito degli stupefacenti è in crescita, con sequestri per oltre 123 mila chili, in cui spiccano le sostanze sintetiche.

Il rapporto evidenzia anche che aumentano, rispetto al precedente anno, i ricoveri ospedalieri droga-correlati (+14%), le infrazioni alla guida per uso di droga al volante (+12%), i decessi derivanti dall’assunzione di stupefacenti (+12.8%). Oggi il Centro studi Livatino, in una nota diramata attraverso l’agenzia stampa Adnkronos, evidenzia questi dati e denuncia che “I dati sulla diffusione della droga, in particolare la cannabis, sono allarmanti, eppure c’è una dissociazione dalla realtà da parte delle istituzioni preoccupante”.

In particolare, sottolinea il Centro studi Livatino, “la relazione, pur diretta al Parlamento, non è stata discussa nell’Aula della Camera o del Senato né in alcuna Commissione. Pur se il Dipartimento che l’ha redatta rientra nella competenza politica del presidente del Consiglio, né il premier né il Governo hanno detto una parola su di essa. Ci sono state le risposte istituzionali, ma sono andate nella direzione opposta all’allarme che viene dai dati, dall’emendamento che ha tentato di inserire nella manovra la vendita di hashish e marijuana nei cannabis shop alla sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione del 19 dicembre, di cui ieri è stato reso noto il principio di diritto. Preoccupa una tale dissociazione dalla realtà. Suona ipocrita”, conclude la nota.

Il vicepresidente del Centro, il magistrato di Cassazione Alfredo Mantovano, coglie l’occasione per dichiarare ad Adnkronos che la decisione della Cassazione, che ha stabilito che non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa, “è un oggettivo incentivo a moltiplicare la coltivazione domestica senza freni, nè controlli particolari, nè tutele per i minori che di fronte a questa coltivazione domestica possono essere incentivati al ‘fai da te’ per detenzione e consumo”.

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente  link: https://www.laleggepertutti.it/351607_droga-quanta-se-ne-consuma-in-italia

 


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 94254

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 67

Dati aggiornati

al 22-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Matteo Spicuglia

Noi due siamo uno

Storia di Andrea Soldi, morto per un Tso

add editore

 

Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere.

Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina sempre, in ogni stagione. Lì si rifugia quando i pensieri lo assalgono, lì trova conforto e si sente a casa. Andrea soffre da anni di schizofrenia, la madre, il padre e la sorella sono il suo sostegno e piazza Umbria il posto del cuore.

Ha quarantacinque anni, non è violento, non è mai stato pericoloso, eppure, quel 5 agosto morirà a causa di un Trattamento sanitario obbligatorio eseguito da alcuni vigili urbani e dal personale medico. Il processo è arrivato ora alla fase d’appello, ma questa forse è la cosa meno importante della storia.

Dopo la morte, la famiglia Soldi ha trovato alcune pagine che erano il diario di Andrea in cui la trascrizione lucidissima della sofferenza illumina il percorso psicologico e i silenzi che per anni lo avevano avvolto.

Matteo Spicuglia è un giornalista che ha seguito il caso e che non ha voluto fermarsi alla cronaca: a partire da quel diario allarga lo sguardo dalla panchina su cui è morto Andrea alla realtà dei TSO, dalla sua esistenza difficile al mondo della malattia psichica, dalla famiglia torinese alle tante altre che si trovano a convivere con pregiudizi e inadeguatezza dei servizi medici e sociali nella gestione di patologie che soffrono ancora lo stigma sociale.

Nel diario Andrea aveva scritto di sperare che la sua fatica e il suo dolore non passassero invano; questo libro è il motivo per cui ciò non avverrà.

 

Per visualizzare il sito della casa editrice e la pagina dedicata al libro

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI