DROGA: QUANTA SE NE CONSUMA IN ITALIA (www.laleggepertutti.it)

 

 

Si parla molto di sostanze stupefacenti soprattutto in questi giorni, all’indomani della sentenza della Cassazione secondo cui coltivare cannabis in casa non è più reato e dal mondo politico si registrano le più varie reazioni e prese di posizione; ma, come spesso accade in molti fenomeni sociali, si dimentica di ragionare sulle cifre e sui dati concreti. Eppure in questo caso ci sono, ma giacciono in una recente relazione che è passata inosservata in Parlamento.

Ad inizio dicembre di quest’anno il Dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio ha diffuso la sua relazione annuale al Parlamento. È un documento ufficiale, frutto del lavoro svolto in collaborazione con le amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, con l’apporto dell’Osservatorio nazionale sul fenomeno delle tossicodipendenze e con il contributo dei soggetti del pubblico e del privato sociale competenti nello specifico settore.

In sostanza, il documento – composto di circa 300 pagine e liberamente scaricabile dal sito http://www.politicheantidroga.gov.it/ – ci dice quante e quali droghe si consumano in Italia. Il rapporto 2019 contiene i dati statistici completi riferiti all’intero anno 2018.

Dal documento emerge che un terzo degli studenti italiani, pari a 870.000 ragazzi circa, ha fatto uso di almeno una sostanza drogante durante la propria vita; un quarto di essi, pari a 660.000, ne ha fatto uso nel corso dell’anno 2018. Quali sostanze vengono consumate? L’analisi evidenzia che gli stupefacenti più diffusi sono i derivati della cannabis, che sono il 96% delle sostanze sequestrate; le piante di cannabis sequestrate sono state più di mezzo milione in un anno, la loro quantità è cresciuta in un anno del 93,9% (quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente), e l’intero mercato illecito degli stupefacenti è in crescita, con sequestri per oltre 123 mila chili, in cui spiccano le sostanze sintetiche.

Il rapporto evidenzia anche che aumentano, rispetto al precedente anno, i ricoveri ospedalieri droga-correlati (+14%), le infrazioni alla guida per uso di droga al volante (+12%), i decessi derivanti dall’assunzione di stupefacenti (+12.8%). Oggi il Centro studi Livatino, in una nota diramata attraverso l’agenzia stampa Adnkronos, evidenzia questi dati e denuncia che “I dati sulla diffusione della droga, in particolare la cannabis, sono allarmanti, eppure c’è una dissociazione dalla realtà da parte delle istituzioni preoccupante”.

In particolare, sottolinea il Centro studi Livatino, “la relazione, pur diretta al Parlamento, non è stata discussa nell’Aula della Camera o del Senato né in alcuna Commissione. Pur se il Dipartimento che l’ha redatta rientra nella competenza politica del presidente del Consiglio, né il premier né il Governo hanno detto una parola su di essa. Ci sono state le risposte istituzionali, ma sono andate nella direzione opposta all’allarme che viene dai dati, dall’emendamento che ha tentato di inserire nella manovra la vendita di hashish e marijuana nei cannabis shop alla sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione del 19 dicembre, di cui ieri è stato reso noto il principio di diritto. Preoccupa una tale dissociazione dalla realtà. Suona ipocrita”, conclude la nota.

Il vicepresidente del Centro, il magistrato di Cassazione Alfredo Mantovano, coglie l’occasione per dichiarare ad Adnkronos che la decisione della Cassazione, che ha stabilito che non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa, “è un oggettivo incentivo a moltiplicare la coltivazione domestica senza freni, nè controlli particolari, nè tutele per i minori che di fronte a questa coltivazione domestica possono essere incentivati al ‘fai da te’ per detenzione e consumo”.

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente  link: https://www.laleggepertutti.it/351607_droga-quanta-se-ne-consuma-in-italia

 


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:45010

 

TOTALE VISITE: 65340

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni51

 

Dati aggiornati

al 25-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/