TABACCO E TUMORE ALLA PROSTATA: CORRELAZIONI (www.cufrad.it)

Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

 

 

Il fumo è riconosciuto come uno dei principali fattori di rischio del tumore alla prostata, ma nulla si sa, fino a questo momento, dei potenziali effetti cancerogeni che potrebbe avere il tabacco essiccato da succhiare. Questo prodotto, noto con il nome di snus e molto utilizzato in particolare nei paesi scandinavi, non è combustibile, ma contiene comunque nicotina. È una sostanza che viene venduta in polvere, sfusa o in bustine, e viene posizionata in bocca tra labbro e gengiva per un periodo di tempo variabile.

Una ricerca, pubblicata sull’International Journal of Cancer, ha analizzato i dati di uno studio prospettico di coorte svedese, svoltosi tra il 1971 e il 1992. Gli oltre 330.000 partecipanti erano uomini che lavoravano nel settore edilizio e 9.582 di questi avevano sviluppato un tumore alla prostata, mortale in 2.489 casi.
I risultati confermano che l’abitudine al fumo aumenta il rischio di mortalità per tumore alla prostata, ma evidenziano anche un possibile legame tra il consumo di sostanze a base di tabacco, anche in assenza di combustione, e la progressione del tumore alla prostata.
Sembra, infatti, che gli uomini con questa malattia, non fumatori ma consumatori di snus, abbiano un rischio del 24% maggiore di sviluppare una forma letale di tumore alla prostata, rispetto a coloro che non hanno mai consumato tabacco.

«Si pensava che lo snus costituisse un’alternativa meno dannosa al fumo, perché non genera i prodotti della combustione associati al rischio tumorale. Tuttavia, abbiamo scoperto che gli uomini con tumore alla prostata che usano abitualmente lo snus avrebbero un rischio aumentato di morte prematura», ha spiegato Kathryn Wilson, ricercatrice presso il dipartimento di Epidemiologia della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston e co-autrice dello studio.

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://prostatanonseisolo.it/le-nostre-notizie/tabacco-e-tumore-alla-prostata/260

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI