ABUSO DI ALCOL E VELOCITÀ, MIX MICIDIALE (www.cufrad.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abuso di alcol e velocità con l’aggiunta di una buona dose di incoscienza. È un cocktail micidiale, spesso letale, quello che ha portato alla morte di sette ragazzi tedeschi investiti e uccisi da un’auto condotta da un 27enne altoatesino. È una tragedia che poteva accadere sulle strade del Trentino dove il consumo eccessivo di alcolici, specie tra i giovani, è un problema irrisolto: nella nostra provincia due giovani su tre consumano abitualmente alcolici e spesso, in genere il sabato sera, eccedono.

Il problema di chi, nonostante pesanti sanzioni penali e ripetute campagne di sensibilizzazione, continua a mettersi al volante dopo aver alzato il gomito è stato segnalato anche dal procuratore generale Giovanni Ilarda in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Erano 38 i fascicoli aperti per automobilisti che si sono messi alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (+5%). In aumento - aveva sottolineato il procuratore generale - anche gli incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebbrezza: da 89 a 115.

I controlli ci sono. Pattuglie della Polizia stradale, ma anche di carabinieri e polizia locale, sono sulle strade “armate” di etilometri. Le denunce per guida in stato di ebbrezza non mancano: nei giorni di Halloween i carabinieri della Compagnia di Cles hanno ritirato 8 patenti in 6 giorni di controlli (in 7 casi per abuso di alcol e in uno per guida sotto l’effetto di stupefacenti).

«I controlli ci sono - sottolinea il comandante della Polizia stradale del Trentino, Giansante Tognarelli - ma certo non bastano ad arginare un problema che è di natura culturale. Chiunque si metta alla guida di un’auto deve capire che ci sono comportamenti altamente pericolosi per sé e per gli altri: la guida in stato di ebbrezza è uno di questi. Finché la gente non capirà questo concetto, continueremo ad avere incidenti stradali provocati da conducenti che non erano in condizioni di guidare. Accanto ai controlli, facciamo anche un’intensa attività di prevenzione con campagne mirate nelle scuole perché i giovani siano coscienti dei pericoli dell’alcol al volante e li evitino. Piano piano, comunque, notiamo una modifica dei costumi in senso positivo: sono sempre di più le persone che trascorrono una serata bevendo e poi si fanno riaccompagnare a casa in taxi o da qualcuno della comitiva rimasto sobrio proprio perché tutto il gruppo possa tornare a casa in sicurezza. È un’abitudine più difficile da fare passare tra i giovani che cercano lo sballo. Ma anche se mettessimo una pattuglia ogni chilometro non basterebbe perché l’abuso di alcol non è un problema di polizia ma sociale, occorre maturare la consapevolezza dei rischi e dunque adottare comportamenti conseguenti improntati alla prudenza e al rispetto del codice della strada».

I pericoli connessi all’abuso di alcol tra i giovani - conferma anche il direttore per l’integrazione socio sanitaria dell’Azienda sanitaria, Enrico Nava - sono purtroppo sottovalutati soprattutto per ragioni culturali. «Una volta l’ubriacone veniva deriso ed emarginato dal villaggio, oggi invece il consumo avviene all’interno del gruppo di giovani senza che ci sia alcun controllo reciproco. Il consumo tra i ragazzi è magari limitato al sabato sera o alle feste, ma in quelle occasioni spesso si beve oltre ogni misura. Leggo che il giovane arrestato per la tragedia della valle Aurina aveva 2 grammi di alcol per litro di sangue: è un’enormità.

Con quei valori fatichi stare in piedi, la vista diventa a cannocchiale, c’è una sensazione di ottundimento, i riflessi sono ritardati, ma la perdita di intelletto dovuta all’alcol impedisce al soggetto di percepire il pericolo al punto che, leggo sui giornali, non stava andando a casa ma correva a finire la serata altrove. Il pericolo era elevatissimo e infatti ora ci troviamo di fronte ad una strage agghiacciante».

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://www.ladige.it/news/cronaca/2020/01/08/si-inizia-bere-anche-12-anni-abuso-alcol-velocit-mix-micidiale-giovani

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.001

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 88

Dati aggiornati

al 21-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

GIANLUIGI PASSARO

SULLA PELLE

DEL MARE

tra migrazione,

memoria e futuro

 

Moretti&Vitali Editori

 

Gli innumerevoli naufragi degli ultimi anni al largo delle coste italiane ci restituiscono il tragico rischio che le persone migranti sono disposte a correre per guadagnare la possibilità di un futuro e, al contempo, evidenziano con forza le responsabilità di chi, sulla riva dell’Europa, è invitato a contemplare la propria e l’altrui alterità così da accogliere, cambiare e lasciarsi cambiare.

Questo  libro  racconta  del  percorso terapeutico di un giovane uomo, Ouro, del suo viaggio di migrazione dal Togo all’Italia e, soprattutto, del viaggio intimo ed esistenziale intrapreso  per  avverare  la  sua  “fiaba  interiore”  −  la  propria  autentica  essenza −,  per  compiere  ciò  che  Jung  ha  definito cammino di individuazione.

L’idea di psicoterapia che qui si propone è quella di un incontro di storie e  di  narrazioni,  di  uno  spazio  e  di  un luogo intimi in cui è possibile ri-raccontarsi  per  tracciare  nuovi  significati e nuove prospettive.

La psicoterapia sarà uno dei luoghi in cui  rivivere  il  ricongiungimento  poetico con l’altro da sé per mezzo del quale è possibile scorgere la sostanza stessa dell’umano.

Il processo terapeutico sarà promosso dalla dimensione immaginale della vita  e  dalla  finzione  narrativa  creata dalla  coppia  terapeutica  attraverso il Disegno  Narrativo  Condiviso  (Dnc) e grazie al racconto di credenze, riti e f iabe della terra di Ouro.

Per partecipare alla vita bisogna fare di essa un cammino, una migrazione tra luoghi di anima differenti, per contribuire  −  assieme  a  coloro  che  si incontrano  −  a  migliorare  il  mondo, a continuarne il racconto, ad avverare storie, perché, al fondo, prestare ascolto alla storia di un altro vuol dire rendere la propria reale.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI