QUELLO CHE È DIFFICILE RACCONTARE (lafenice.varieventuali.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Probabilmente voi lettori, di questa redazione, volete prendere conoscenza. Sapere come si vive, come si sta tra queste mure, cosa succede.
Beh, io direi che dipende dal lettore, sono così anche io, curioso.
Qual’è la vostra vicinanza o distanza da un carcere? Quali sono state le vostre più grandi sofferenze? Quelle che non avete saputo affrontare, talvolta neanche raccontare? Quelle sofferenze da cui non potete liberarvi?
Credo ci siano tante persone che abbiano passato brutti periodi nella vita, credo che ci siano cose peggiori al carcere.
Credo anche che a molti la vita abbia sempre sorriso, contraccambiata; molti che non hanno mai dovuto affrontare un dolore che li segnasse a vita, per la vita.
Come poter scrivere, raccontando ciò che non si può spiegare?
Direi quel sorriso, che tanti nelle carceri non hanno, che forse non hanno mai avuto, a cui nessuno ha saputo donare vita, o a cui non hanno saputo contraccambiare.
Un sorriso, a volte già spento da tanto tempo, o che non è nato a suo tempo, che il carcere ha chiuso per sempre in una cella.
Sì, una vita spenta, che nessun articolo di giornale può realmente raccontare.
Sono mediamente 750 sorrisi in vite spente all’anno, spente per sempre, nelle nostre celle, in un qualsiasi carcere italiano, vita ormai dissolta per sempre.
La maggior parte sono detenuti in custodia cautelare, giudicabili, o in attesa di processo.
Ciò che succede, quello che si prova, tra le mura di un carcere, resta nel carcere.
Non lo si può descrivere, raccontare, cosi da far prendere conoscenza al lettore.
Come si potrebbe dire, scrivere, che l’unica via di uscita è un cordino legato al collo o del gas, con cui potersi spegnere o liberare. Spenti, come il loro sorriso, come una luce di una candela appesa, ormai spenta.
Non tutti nelle carceri riescono a rinascere come L’Araba Fenice, volatile biblico, che risorge dalle proprie ceneri.
Molti trovano fine alle loro sofferenze, alla loro mancanza di sorriso, alla loro ricercata libertà.
Prigionieri o fuori dal carcere, la Fenice li porta con sé in cenere, in libertà, e non sappiamo se avrebbero potuto trovare il risorgere di quel sorriso.

 

Robert M.

 

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:52830

 

TOTALE VISITE:  77590

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

32

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

44

 

Dati aggiornati

al 12-07-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Fabrizio Pellegrino

La coscienza dell'ombra

L’espiazione della pena come cammino di liberazione

 

Nerosubianco Edizioni

 

L’autore racconta la lotta interiore di un uomo privato della libertà, che cerca tra le rovine della sua vita le motivazioni per ricostruirla.
Condizione indispensabile per innescare questa lotta è la conoscenza di sé, che passa attraverso l’esplorazione delle proprie ombre, delle pulsioni istintive, di solito ben chiuse in una camera blindata della mente. La coscienza dell’ombra è il viatico del cammino di liberazione dell’autore.
Un cammino che ha trovato nella scrittura non soltanto uno strumento di espressione, ma anche e soprattutto una compagna disposta ad ascoltare, a spronare, a richiamare, a sventare fughe o scorciatoie: la scrittura è stata la zattera che mi ha permesso di attraversare la tempesta.

Nella seconda parte del volume sono proposti i testi scritti da alcuni partecipanti al laboratorio di scrittura autobiografica attivato presso la Casa Circondariale di Biella. 

 

https://www.nerosubianco-cn.com/it/le-zattere/la-coscienza-dellombra

 

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/