QUELLO CHE È DIFFICILE RACCONTARE (lafenice.varieventuali.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Probabilmente voi lettori, di questa redazione, volete prendere conoscenza. Sapere come si vive, come si sta tra queste mure, cosa succede.
Beh, io direi che dipende dal lettore, sono così anche io, curioso.
Qual’è la vostra vicinanza o distanza da un carcere? Quali sono state le vostre più grandi sofferenze? Quelle che non avete saputo affrontare, talvolta neanche raccontare? Quelle sofferenze da cui non potete liberarvi?
Credo ci siano tante persone che abbiano passato brutti periodi nella vita, credo che ci siano cose peggiori al carcere.
Credo anche che a molti la vita abbia sempre sorriso, contraccambiata; molti che non hanno mai dovuto affrontare un dolore che li segnasse a vita, per la vita.
Come poter scrivere, raccontando ciò che non si può spiegare?
Direi quel sorriso, che tanti nelle carceri non hanno, che forse non hanno mai avuto, a cui nessuno ha saputo donare vita, o a cui non hanno saputo contraccambiare.
Un sorriso, a volte già spento da tanto tempo, o che non è nato a suo tempo, che il carcere ha chiuso per sempre in una cella.
Sì, una vita spenta, che nessun articolo di giornale può realmente raccontare.
Sono mediamente 750 sorrisi in vite spente all’anno, spente per sempre, nelle nostre celle, in un qualsiasi carcere italiano, vita ormai dissolta per sempre.
La maggior parte sono detenuti in custodia cautelare, giudicabili, o in attesa di processo.
Ciò che succede, quello che si prova, tra le mura di un carcere, resta nel carcere.
Non lo si può descrivere, raccontare, cosi da far prendere conoscenza al lettore.
Come si potrebbe dire, scrivere, che l’unica via di uscita è un cordino legato al collo o del gas, con cui potersi spegnere o liberare. Spenti, come il loro sorriso, come una luce di una candela appesa, ormai spenta.
Non tutti nelle carceri riescono a rinascere come L’Araba Fenice, volatile biblico, che risorge dalle proprie ceneri.
Molti trovano fine alle loro sofferenze, alla loro mancanza di sorriso, alla loro ricercata libertà.
Prigionieri o fuori dal carcere, la Fenice li porta con sé in cenere, in libertà, e non sappiamo se avrebbero potuto trovare il risorgere di quel sorriso.

 

Robert M.

 

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI