L'INNAMORAMENTO E IL DISTURBO OSSESSIVO (www.cufrad.it)

Se sei innamorato, rischi di più. Siamo nel territorio del Disturbo ossessivo-compulsivo (Doc) in cui il pensiero si fissa, la testa può venire occupata da numeri o musiche non volute, c’è un idea dominante che, appunto, domina. Notate qualche somiglianza con la fissità mentale sull’amato/a di chi è “caduto nell’amore”, come dicono gli inglesi?

LA RICERCA

A tirar fuori la passione e a metterla in laboratorio è una studiosa australiana, Emma M. Thompson partita da questa osservazione: in chi ha già alcuni sintomi tipici del Doc (grande precisione, idee fisse, maniacalità nel mettere in ordine ecc,..) il passaggio al disturbo completo è più rapido, impiega circa sette anni. La distanza si accorcia a cinque anni quando siano presenti queste caratteristiche: sesso maschile, altri disturbi psichiatrici, vissuto romantico. Gli studiosi della Monash University hanno esaminato i dati di 954 pazienti sotto cura, d’età media 35 anni, 358 sposati, 520 single, 62 divorziati. La gran parte di loro non lavorava all’epoca dell’indagine e circa la metà aveva una storia di disturbo ossessivo-compulsivo in famiglia.

L’UOMO PIU’ PORTATO ALL’OSSESSIONE

I ricercatori australiani per accedere a un così alto numero di pazienti sotto esame hanno potuto avvalersi di un noto Consorzio brasiliano concentrato sullo spettro del Disturbo ossessivo-compulsivo. La ricerca è stata, poi, pubblicata sul Journal of Affective Disorders. Ogni tre anni i ricercatori visitavano i quasi mille sotto esame e stabilivano lo stadio della malattia secondo consolidate scale di valutazione. Hanno così scoperto che i pazienti di sesso maschile, quelli sofferenti di agorafobia (paura degli spazi aperti o affollati) ma senza disturbo di panico, infine le persone affette da disturbo bipolare 2 di solito transitavano dal doc sotto soglia al doc pieno in cinque anni.

L’INNAMORAMENTO E I SUOI EFFETTI SUL CERVELLO

Altre caratteristiche che si sono rivelate pesare sulla velocità nell’aggravarsi del disturbo ossessivo-compulsivo: il maggior rigore nei sintomi religiosi/sessuali, più alti livelli di disturbo d'ansia generalizzata (Gad). Più veloci degli altri, come già accennato, nell’entrare in pieno nel doc sono gli innamorati che nella rivista scientifica sono descritti in stato di amorosa attrazione, di persone agli inizi di una storia intima o in procinto di sposarsi. Quelle palpitazioni in più in certi momenti di una storia d’amore sarebbero parenti prossimi del pensiero patologico che “palpita” sempre sugli stessi tasti.

LA PRIMA RICERCA SULLA SCARSA SEROTONINA

Ma questa ricerca, così suggestiva, ha avuto dei precedenti proprio nel nostro paese. Come rievoca una delle autrici dell’indagine, la dottoressa Donatella Marazziti, psichiatra dell’Università di Pisa: «Che l’amore "renda pazzi" è un’opinione comune e condivisa, da sempre, ma oggi supportata anche da numerosi dati scientifici. Il primo lavoro che ha dimostrato come alcuni innamorati avessero un basso livello di serotonina, un messaggero chimico del cervello, simile a quello in pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo, risale infatti al 1999».

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/neuroscienze/se-lamore-diventa-doc-linnamoramento-e-il-disturbo-ossessivo

 


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:45010

 

TOTALE VISITE: 65340

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni51

 

Dati aggiornati

al 25-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/