UN GRAZIE ALLA PSICHIATRIA DEL SANTA CROCE DI CUNEO (targatocn.it)

A scriverci una lettrice, che si complimenta per la professionalità e l'umanità con la quale vengono seguiti i pazienti e i loro familiari

 

Gentilissimo Direttore,

per diretta esperienza personale, desidero informare e rassicurare tutte le famiglie e le persone affette da disturbo psichico che nella nostra realtà locale Cuneese è presente una struttura di Psichiatria che rappresenta una rara eccellenza in una disciplina così difficile.

Ad oggi, purtroppo, la diagnosi e la cura del disturbo psichico, a differenza di altri problemi di salute, non può avvalersi degli esami di laboratorio, della diagnostica strumentale o in generale del supporto della tecnologia e di conseguenza il contributo del medico Specialista è fortemente determinante.

 

In questo ambito l’appropriatezza e l’efficacia della terapia si fondano prevalentemente sul valore dello Psichiatra in termini di conoscenze, competenze, sensibilità, capacità analitica e senso clinico. Nella Struttura di Psichiatria dell’Ospedale Santa Croce e Carle siamo stati accolti, paziente e famiglia, con grande umanità, delicatezza e attenzione ai bisogni specifici della persona ricoverata e tutta l’equipe medica e infermieristica si è prodigata con empatia e professionalità per risolvere il problema di salute nel minor tempo possibile. Il recupero, che è stato definito sbalorditivo, ha concesso il ritorno ad una vita autentica, in particolar modo grazie alle cure della dott.ssa Corradina Esposito, le cui qualità umane e di clinico sono note su tutto il territorio nazionale. Naturalmente a tutta l’equipe va la nostra profonda gratitudine e riconoscenza per l’accoglienza e le cure ricevute.

 

Lettera firmata

 

 

 

Tratto da: http://www.targatocn.it/2020/02/14/leggi-notizia/argomenti/salute-e-benessere/articolo/un-grazie-a-tutta-la-struttura-di-psichiatria-del-santa-croce-di-cuneo.html

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97635

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesca Mannocchi

Bianco è il colore del danno

Giulio Einaudi Editore

 

Il corpo di una scrittrice, in apparenza integro eppure danneggiato, diventa lo specchio della fragilità umana e insieme della nostra inarrestabile pulsione di vita. Francesca Mannocchi guarda il mondo attraverso la lente della malattia per rivelare, con una voce letteraria nuda, luminosa, incandescente, tutto ciò che è inconfessabile.


Quattro anni fa Francesca Mannocchi scopre di avere una patologia cronica per la quale non esiste cura. È una giornalista che lavora anche in zone di guerra, viaggia in luoghi dove morte e sofferenza sono all'ordine del giorno, ma questa nuova, personale convivenza con l'imponderabile cambia il suo modo di essere madre, figlia, compagna, cittadina. La spinge a indagare sé stessa e gli altri, a scavare nelle pieghe delle relazioni piú intime, dei non detti piú dolorosi, e a confrontarsi con un corpo diventato d'un tratto nemico. La spinge a domandarsi come crescere suo figlio correndo il rischio di diventare disabile all'improvviso e non potersi quindi occupare di lui come prima. Essere malata l'ha costretta a conoscere il Paese attraverso le maglie della sanità pubblica, e ad abitare una vergogna privata e collettiva che solo attraverso l'onestà senza sconti della letteratura lei ha trovato il coraggio di raccontare.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI