TRAUMA E PERDONO. Una via Psicodinamica al Trattamento del Trauma (www.istitutopsicologia.com)

WORKSHOP | TORINO

 

Venerdì 27 Marzo

Sabato 28 Marzo

9.30-17.30

ECM Richiesti (circa 10)

 

COSTI

186 euro per iscrizioni entro 29 febbraio

200 euro per iscrizioni entro 15 marzo

225 euro iscrizioni successive

 

PROGRAMMA DELLE GIORNATE

 

I Giornata

 

9.30-11.15 

Introduzione: Distinzione tra traumi da mano umana e trauma catastrofico.

Perché solo il trauma da mano umana crea dissociazione.

Che cos’è la dissociazione, i vari livelli e come riconoscerli.

Traumi di primo, secondo e terzo livello da mano umana. Conseguenze neurobiologiche.PTSD e PTSD Complex.

 

11,30-12.45

Differenze nella conseguenze tra dissintonia (primo livello) e maltrattamento, deprivazione  e abuso (secondo livello). Identificazione con l’aggressore.

Ferenczi e modernità ed efficacia delle sue teorie sul trauma di secondo livello.

Attacchi al se’ come identificazione con l’aggressore.

Diade internalizzata vittima-persecutore (colpa, vergogna, distruttività autodiretta e eterodiretta.

Patologia grave di origine traumatica.

 

14,30-16.

PTSD complex e mancato riconoscimento nel DSM.

Traumi di terzo livello (genocidio, sterminio, Shoah) e conseguenze intergenerazionali.

Sintomi per la prima e seconda generazione.

Trauma reale e trauma fantastico.

Conseguenze oggi per la terza e la quarta generazione. 

 

16. 15-17.30

Livelli di trasmissione: autori che hanno studiato la trasmissione tra le generazioni.

Abraham e Torok ma soprattutto Dori Laub, Kogan, Kestenberg, Grubrich-Simitis, Danieli e Krystal.

Il Fortunoff Archive for Video-Testimonies.

Mie impressioni dalla visione dei video del Fortunoff Archive. 

 

 

II giornata

 

9.30-11.15

Prima, seconda e terza generazione: enactment tra le generazioni, identificazioni, traumatizzazioni vicarie o secondaria o fantasmatica.

Istinto di morte che sarebbe in realtà un lascito intergenerazionale o identificazione con l’aggressore volto verso il se’ corporeo.

Segreto e silenzio nelle famiglie traumatiche.

 

11.30-12.45

Come agiscono le dinamiche dell’attaccamento nella trasmissione intergenerazionale.

Attaccamento disorganizzato e predisposizione a dissociazioni future. Di chi e’ il corpo (e la mente) che ho ereditato?

Ancora neurobiologia del trauma, epigenetica e quello che l’ambiente può’ fare nel bene e nel male.

Individuo e collettività (Judith Herman).

 

14.30-16,00

Il trattamento e le sue fasi:

 

FASE 1: ricostruzione del trauma (perché è necessario avvicinarsi il più’ possibile alla verità della vittima);

FASE 2: lavoro sulle emozioni negative (rabbia, frustrazione, depressione, vendetta);

FASE 3: lavoro sul lutto per quello che non c’è stato e non si potrà riavere mai più; possibili esiti anche creativi e artistici di elaborazione.

 

16.15-17.30.

FASE 4: il perdono; non e’ necessario arrivarci, ma sarebbe il lascito finale: il perdono per se stessi, per il persecutore interno, per la vittima che siamo stati.

Lasciare andare la diade vittima-persecutore ci libera dalla volontà di avere vendetta o una forma di risarcimento; siamo ancora nelle grinfie del persecutore?

Importanza della collettività ( e della famiglia) per il recupero della vittima.

Il significato della traumatizzazione è anche elaborato in una cornice culturale e sociale più’ ampia.

Comunità di testimonianza.

 

ISCRIVITI

 

BIOGRAFIA di CLARA MUCCI

 


Clara Mucci è Professore Ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università di Chieti dove è stata per anni Professore Ordinario di Letteratura inglese e teatro shakespeariano.


Psicoterapeuta a orientamento psicoanalitico e docente presso la SIPP di Milano (Società Italiana Psicoterapia Psicoanalitica), analista didatta e supervisore per la Societa' Italiana Psicoterapia e Psicoanalisi-Sandor Ferenczi, ha conseguito un PhD in Letteratura e psicoanalisi presso la Emory University (Atlanta), e ha effettuato (dopo la seconda laurea in psicologia clinica e la specializzazione presso la SIPP di Milano) un tirocinio presso l’Istituto per i Disturbi di Personalità di New York diretto da Otto Kernberg.


E’ autrice di varie monografie sul trauma e la Shoah (Il dolore estremo, 2008; Beyond Individual and collective Trauma. Psychoanalytic TreatmentIntergenerational Transmission and the Dynamics of Forgiveness, 2013 ristampa Routledge 2018); Trauma e perdono, 2014) e con G Craparo ha curato un volume di psicoanalisi e neuroscienze, Unrepressed Unconscious, Implicit Memory and Clinical Work (Karnac Books, Londra, 2017).


Di recentissima pubblicazione, Borderline Bodies Affect Regulation Therapy for personality disorders, per la serie Interpersonal Neurobiology fondata da Siegel e diretta da Allan Schore e Louis Cozolino della WW. Norton New York, con introduzione di Allan Schore. Tradotto e pubblicato in Italia da Raffaello Cortina (Corpi Borderline). 


E’ reviewer per le riviste International Forum of Psychoanalysis e American Journal of Psychoanalysis.

 

 

ISCRIVITI

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 88785

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 80

Dati aggiornati

al 26-1-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Ernesto Venturini

IL SALE E GLI ALBERI

La linea curva della deistituzionalizzazione

 

Editore: Negretto

 

 

È un libro che racconta una piccola storia, parte effettuale di una grande storia. La piccola storia - che l'autore chiama "Riabilitare la città" - riguarda il superamento degli ospedali psichiatrici di Imola negli anni 80-90, attraverso la partecipazione attiva della comunità, uno tra gli esempi più importanti di salute mentale comunitaria. La grande storia è il processo di liberazione dell'essere umano, che cerca, nelle contraddizioni storiche e sociali, i riferimenti ideali per promuovere i cambiamenti. In questa circostanza l'orientamento è il pensiero basagliano della "Deistituzionalizzazione": un processo dialettico, che va al di là di una semplice riforma e che cerca di dare concretezza ai valori di un'utopia - quella di una società senza manicomi.

 

PER ANDARE ALLA PAGINA DEL LIBRO

CLICCA QUI 

-------------------------------------

 

Cuneotrekking

 

Cuneotrekking è il principale portale dedicato alle escursioni nelle Alpi cuneesi. Nato nel 2007 dalla passione per la montagna di Elio e Valerio Dutto, padre e figlio, nel corso degli anni ha visto il team crescere e si è affermato come punto di riferimento per l’escursionismo, superando le 500 escursioni descritte e i 2 milioni di visitatori nei soli primi sei mesi del 2020.

 

Per visitare il sito

 

CLICCA QUI

----------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI