MOSTRA DEI DETENUTI DI ALESSANDRIA AD ALBA (targatocn)

Ad Alba la mostra “Nel mezzo del cammin di nostra vita…”, la Divina Commedia vista dal carcere.

 

Esposte le tavole frutto di un progetto fotografico dell’associazione PASSOdopoPASSO con i detenuti della Casa di Reclusione San Michele di Alessandria.

Sabato 14 marzo alle ore 16.30 nel Palazzo Banca d’Alba, in via Cavour, 4 ad Alba sarà inaugurata la mostra fotografica che prende il nome dall’incipit della Divina Commedia di Dante Alighieri. “Nel mezzo del cammin di nostra vita…” è il nome del progetto realizzato dai fotografi dell’associazione PassodopoPasso e da un gruppo di detenuti della Casa di Reclusione di San Michele di Alessandria. L’iniziativa parte dalla profonda convinzione che la strategia della cultura che entra nelle carceri può produrre una prospettiva importante di recupero; è stata promossa la partecipazione dei detenuti stimolandone le capacità, dando loro la possibilità di esaltare le loro doti nascoste attraverso la fotografia scoprendo forme alternative per riappropriarsi della propria dignità personale. Momenti di condivisione in cui la fotografia diventa un pretesto ed un mezzo per raccontarsi. 

 

Il progetto, realizzato in collaborazione con ICS Onlus e con il contributo della Fondazione Cassa Risparmio di Alessandria, ha come sfondo la “Divina Commedia” di Dante e, nello specifico, L’Inferno.Il tutto è nato nel laboratorio di xilografia e di pittura, istituito nel carcere alessandrino. Gli allievi hanno creato delle tavole rappresentanti le parti più significative del poema usate come fondale, nel quale sono stati inseriti i ritratti delle persone detenute coinvolte.Al momento inaugurale interverranno una fotografa dell’associazione alessandrina e tra gli autori del progetto, il presidente dell’Associazione di volontariato penitenziario Arcobaleno, il Sindaco di Alba, i Garanti regionale e comunale delle persone private della libertà personale, i rappresentanti della direzione della Casa di Reclusione di Alba e i rappresentanti della Banca d’Alba che ha concesso l’utilizzo dei locali. L’iniziativa si inserisce all’interno delle attività previste dalla rassegna “TuttiDiritti – Carcere, Legalità, Persone” progetto che tradizionalmente propone alla cittadinanza albese una serie di iniziative e attività sui temi legati alla detenzione, alla legalità e ai diritti umani.“TuttiDiritti”, patrocinato dalla Città di Alba, vede come capofila l’associazione di volontariato penitenziario Arcobaleno di Alba in collaborazione con la Casa di reclusione “Giuseppe Montalto” di Alba, i garanti regionale e comunale delle persone private della libertà personale, la Compagnia di Iniziative Sociali - CIS, l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo bianco d'Alba, il Mercato della Terra “Italo Seletto”, Libera Piemonte - presidio di Alba "Mauro Rostagno", l’Istituto di Istruzione Statale “Umberto I°”.TuttiDiritti gode del supporto del Centro Servizi per il Volontariato di Cuneo, “Società Solidale”. 

 

La mostra durerà dal 14 al 29 marzo. Giorni di apertura: venerdì dalle ore 15 alle 19; sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Per visite di gruppo in giorni diversi dai precedenti contattare il numero 320 630 8456.

 

Tratto da: http://www.targatocn.it/2020/02/26/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/ad-alba-la-mostra-nel-mezzo-del-cammin-di-nostra-vita-la-divina-commedia-vista-dal-carcere.html

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.714

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 101

Dati aggiornati

al 05-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Umberto Galimberti 

Il libro delle emozioni

Feltrinelli, 2021

 

La mente e il cuore. Platone invita a privilegiare la mente razionale capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni. Anzi, prima che la mente giungesse a guidare la vita dell’uomo, per i nostri antenati la vita era governata dal cuore, che con le sue sensazioni giungeva a capire, come peraltro fanno gli animali, in modo rapido e senza riflettere, che cosa è vantaggioso e che cosa è pericoloso per il mantenimento della vita. Il cuore promuove le azioni più rapidamente della ragione e senza troppo indugiare sul da farsi, perché il mondo non è ospitale e i pericoli, che sono a ogni passo, richiedono decisioni immediate. Le decisioni del cuore sono promosse dalle emozioni come la paura che il cuore avverte di fronte al pericolo, o come il desiderio che approda all’accoppiamento per la preservazione della specie. Tutto questo senza riflettere, perché la luce della ragione ancora non c’è. La nostra è un’epoca di spaventosa espansione della razionalità tecnica. Da un lato, questa espansione impone la rimozione delle emozioni e dall’altro innesca una reazione di ritirata emotiva nel proprio sentimento, assunto come unica legge di vita. A questo si aggiungono la ricerca costante di visibilità e di notorietà, che trasformano le nostre emozioni in merci. Ma allora siamo ancora capaci di riconoscere che cosa sia un’emozione? Umberto Galimberti costruisce un cammino straordinario nelle profondità del nostro vissuto e ci insegna a ritrovare il nostro spazio intimo, cioè lo spazio che si nega al pubblico per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI