LA PASSIONE (Edizioni Paoline)

 

 

A volte, leggendo alcuni brani del vangelo, spesso asciutti e sintetici, avremmo voglia di andare più a fondo, conoscere meglio cosa può essere accaduto, capire le reazioni della folla che seguiva Gesù quando egli insegnava in un modo così nuovo rispetto agli scribi e farisei o quando agiva liberamente rispetto alla Legge e alle sue prescrizioni.

 

Vorremmo entrare nei sentimenti, nelle paure, nello sbigottimento degli Apostoli di fronte all'arresto del loro Maestro e alla sua atroce morte in croce, vorremmo capire meglio come Gesù e i suoi amici hanno vissuto gli ultimi giorni della sua vita terrena e cosa può essere avvenuto quel mattino di Pasqua se anche gli evangelisti sembrano non essere concordi nel raccontare quel fatto inaudito.

Il libro La Passione (Paoline) cerca di soddisfare questi legittimi desideri. L'autore, José María Rodríguez Olaizola, noto teologo-sociologo gesuita, applicando il metodo ignaziano dell'immaginazione, una facoltà utile alla crescita spirituale, ci fa rivivere gli ultimi racconti evangelici in maniera molto coinvolgente.

"Il fatto"

Nella prima parte di ogni capitolo nominata "Il fatto" (il libro è composto da 15 capitoli più un Epilogo) seguiamo passo passo gli ultimi tre giorni della vita terrena di Gesù, dal gesto della lavanda dei piedi alla Risurrezione. L'autore, immaginando come può essersi svolta ogni singola vicenda, con dovizia di particolari che non troviamo nei Vangeli scritti ma che supponiamo possano essere accaduti, con rara capacità introspettiva ci fa entrare nel vivo delle scene, ci rende protagonisti e veri attori delle vicende contemplate, ci aiuta ad andare in profondità. E ci troviamo anche noi lì, seduti con Gesù, nella sala alta, per vivere la sua ultima cena pasquale, e siamo anche noi lì, nell'orto del Getsemani, accanto a Giovanni, soffrendo con lui perché vorrebbe vegliare con il Maestro ma non riesce a stare sveglio. Mentre leggiamo queste pagine riviviamo l'amarezza di Pietro che rinnega Gesù per tre volte e il dramma di Giuda che, disperato per le conseguenze del suo tradimento, si impicca ad un albero.

I vari episodi evangelici, conosciuti in maniera essenziale, in queste pagine si arricchiscono di dettagli e particolari, diventano vivi, ma soprattutto attuali, perché la vicenda di Gesù non è solo un bel ricordo del passato. Infatti la seconda parte di ogni capitolo prende in considerazione gli atteggiamenti di vita nuova racchiusi nei vari eventi raccontati e li attualizza.

Cosa vuol dire per noi, oggi, vivere con spirito di servizio e non di potere? Siamo consapevoli che il denaro, la cultura, il benessere, la salute, l'informazione, il successo... sono fonti di potere? Come esercitare, oggi, il ruolo dell'autorità, come reagire, oggi, di fronte a delusioni e frustrazioni? Ogni lettore è invitato a confrontare la propria vita con quella di Gesù. I racconti allora non sono pie edificazioni ma sono propedeutici per vivere nell'oggi gli stessi atteggiamenti e insegnamenti di Gesù.

Alla fine l'operazione svolta dall'Autore, coniugare la fede con la vita quotidiana, risulta interessante ed efficace. Nella prima parte riesce a coinvolgere il cuore facendoci rivivere le scene evangeliche attraverso i sentimenti dei protagonisti dei brani presi in considerazioni ma poi ci stimola a rivedere la nostra vita e a convertirci alla logica dell'Evangelo coinvolgendo la mente e la volontà. La totalità della nostra persona è tesa verso un unico obiettivo: far vivere in noi Cristo. E in questo percorso non poteva mancare la preghiera o una sintesi poetica a conclusione e sigillo di ogni capitolo.

Consiglio questo libro a tutti coloro che vogliono entrare più in profondità nei racconti evangelici della Passione e che dal vangelo desiderano anche ricevere quella spinta a diventare veri apostoli di Gesù e vivere nella propria vita la vita stessa del Maestro.

Pagine da meditare nella calma e nel silenzio, da bere a piccoli sorsi perché penetrino nella nostra vita e irrorino quel terreno, spesso inaridito, che impedisce la piena adesione a vivere la vita indicataci da Gesù.

 

 

Tratto da: https://www.paoline.it/blog/liturgia/3059-la-  passione.html?utm_source=paoline&utm_medium=blog&utm_campaign=liturgia&utm_content=passione

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI