VAMPING, L’ULTIMA TENDENZA TRA GLI ADOLESCENTI (www.cufrad.it)

Il Vamping è l’abitudine diffusa tra gli adolescenti in cui si sta svegli fino all’alba col cellulare in mano, avendo delle ripercussioni drammatiche

 

 

 

Il cellulare ha sostituito il nostro cervello, senza di esso non ci spostiamo da casa e nemmeno tra le stanze della stessa. Lo usiamo in ogni momento della giornata anche quando non si dovrebbe, anche quando potrebbe distrarci dall’essenziale: una lezione a scuola, il lavoro, lo stare con gli amici attorno ad una pizza. L’uso smisurato del cellulare non conosce limiti di orario: si arriva a tenerlo in mano anche durante la notte, quel momento della giornata in cui il ceverllo dovrebbe riposare e prendersi una pausa soprattutto da questi dispositivi. Tale tendenza è molto diffusa soprattutto tra gli adolescenti, incapaci di mettere un freno, e prende il nome di Vamping. Non a caso, gli adolescenti si comportano come dei vampiri restando svegli fino all’alba solo per chattare con gli amici o semplicemente per scorrere la home di Instagram o Facebook. Questo atteggiamento ha delle ripercussioni non poco drastiche sui ragazzi.

 

VAMPING, GLI ADOLESCENTI CHE SI COMPORTANO COME VAMPIRI

Iniziamo col parlarvi delle conseguenze inevitabili di una tendenza così troppo sottovalutata. Col Vamping i ragazzi iniziano a dormire meno, a svegliarsi meno rilassati, ma sempre stanchi.

Così si arriva ad avere degli sbalzi di umore, facile irritabilità, oltre al deficit di concentrazione e difficoltà nell’apprendimento. Diventano incapaci anche nel prendere delle decisioni.

Da non sottovalutare anche stati d’animo come tristezza e depressione che possono sfociare anche nel suidicio.

Senza parlare del fatto che il Vamping mette in diffocoltà l’andamento scolastico dell’adolescente e i suoi rapporti con gli altri.

 

Per risolvere il problema basterebbe semplicemente evitare un uso smisurato del cellulare, stabilire delle regole sia in classe che in famiglia al fine di evitare una situazione del genere e diminuire il più possibile l’uso del cellulare almeno quando si è svegli.

Prima di questo, sarebbe opportuno che sia la scuola che le famiglie  iniziassero un dialogo con l’adolescente in cui parlare delle conseguenze negative di un uso eccessivo del cellulare.

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://www.notizieora.it/cose-il-vamping-lultima-tendenza-tra-gli-adolescenti/

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI