POVERTÀ, EMARGINAZIONE SOCIALE E SENZATETTO: IL DIFFICILE COMPITO DELLA CARITAS E DEI SERVIZI SOCIALI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS (Andrea Bertolino)

Tante persone, prima che l’emergenza scoppiasse, facevano affidamento ad operatori sociali, volontari o enti di promozione sociale per veder soddisfatti i loro bisogni. E adesso? L’appello di Emiliano Ricci (Caritas Ivrea): «la nostra emergenza sono le mascherine»

 

È oramai trascorsa una settimana da quando l’emergenza coronavirus ha costretto la maggior parte di noi a #restareacasa. Le decisioni del governo italiano unite da un senso di responsabilità collettiva (imperfetto, certo, ma decisamente maggioritaria) hanno decretato l’inizio di un percorso che, volenti o nolenti, ci accompagnerà per diverso tempo a venire.

È infatti difficile pensare che il 3 aprile tutto possa tornare alla normalità e non c’è modo di prevedere come si evolverà la situazione: navighiamo a vista, ponderando scelte difficili e spesso in contrasto con i nostri stili di vita e per la prima volta ci troviamo a scoprire che esistono tanti modi di stare da soli: si passa il tempo a leggere le notizie, a cucinare, a telefonare agli amici e ai parenti o a sperimentare nuovi strumenti di comunicazione (come le video-chiamate di gruppo). Si ascolta musica, si suona musica (possibilmente dai balconi!), si chiacchiera col vicino attraverso le finestre e si programma l’elenco delle cose da fare quando tutto questo passerà.

Esiste, tuttavia, un’altra forma di solitudine, più pericolosa ed endemica di quella che ci troviamo ad affrontare: la solitudine sociale.

Nei dieci anni trascorsi tra il 2008 e il 2018, infatti, gli italiani che non fanno pasti adeguati, non riescono a scaldarsi d’inverno e hanno problemi ad acquistare vestiti (la definizione ISTAT di “povertà assoluta“) sono passati da 2,5 a 5 milioni. Sul nostro territorio, in particolare nel bacino di utenze che si appoggiano ai servizi del Consorzio In.Re.Te, il numero di persone che annualmente fa richiesta di assistenza economica si è pressoché stabilizzato intorno alle 1.200 persone). A questi numeri se ne dovrebbero aggiungere tanti altri: minori non accompagnati, disabili, anziani nella condizione di non potersi muovere di casa, persone con problemi psicologici o psichiatrici e senzatetto. Numeri difficili da quantificare, ma che prima che l’emergenza scoppiasse potevano contare, se non altro, sull’appoggio e sul sostegno di associazioni di volontariato, istituzioni, operatori socio sanitari, operatori sociali ed enti di promozione sociale.
Se questa rete sociale viene meno e diventa impossibile per molti operatori e volontari portare un sostegno, un abbraccio, un aiuto mirato all’interno delle abitazioni, come fare per impedire che il #restiamoacasa si trasformi, per alcuni, in solitudine sociale?

 

La Caritas d’Ivrea: siamo quasi completamente fermi, ma c’è tanta voglia di aiutare

«Abbiamo dovuto chiudere tutti i servizi, con eccezione della distribuzione alimentare» ci racconta Emiliano Ricci, direttore della Caritas d’Ivrea. «L’ascolto, il pagamento delle bollette, il modesto aiuto economico che potevamo offrire e la mensa sono tutti servizi sospesi» prosegue a malincuore il direttore. Sul servizio mensa, inoltre, la scelta è stata praticamente obbligata, non avendo più la possibilità di ritirare il cibo che veniva offerto dalle scuole (chiuse per prime), dai ristoranti (come Cibò) o dalle varie mense sulle quali la Caritas faceva affidamento per mantenere la gratuità del servizio. Consci del momento difficile, tuttavia, i pochi volontari ancora operativi («molti dei quali ultraottantenni» ci tiene a sottolineare Ricci «e quindi, anche loro da tutelare») continuano a distribuire due volte al mese prodotti a lunga conservazione alle famiglie più bisognose. Anche i prodotti freschi continuano ad essere distribuiti (sempre con duplice cadenza ogni mese), se pur solo a quelle 140 famiglie in condizione di estrema povertà (con redditi annuali inferiori ai 3.000€). La distribuzione viene effettuata rigorosamente sulla porta d’ingresso della Caritas Eporediese (in piazza Castello) e nessun utente può entrare all’interno dei locali.

Nel dormitorio non vengono accettati nuovi ospiti, con eccezione di quelle famiglie già presenti allo scoppio dell’emergenza e che hanno beneficiato di un prolungamento del tempo di permanenza fino a quando tutto non sarà passato. Lo stesso per quanto riguarda le persone ospitate presso le stanze dedicate all'”Emergenza Abitativa Temporanea“.

Nonostante la difficile situazione che l’ente sta affrontando, tuttavia, qualche segnale positivo ha cominciato a mettersi in moto. In accordo con il Comune d’Ivrea e con il Corsorzio In.Re.Te è stato possibile attivare quattro giovani disponibili ad aiutare nella consegna degli alimenti verso quelle famiglie che, per varie ragioni, non possono allontanarsi da casa. Inoltre sono arrivate «anche tante disponibilità a fare volontariato, persone che volevano venire qua a dare una mano o rendersi utili in qualche modo» racconta fiducioso Ricci. Dovendo attenersi alle necessarie misure di sicurezza (una ragionevole distanza tra i volontari) e non avendo mascherine per poter operare in relativa sicurezza, tuttavia, il direttore ha dovuto a malincuore rifiutare queste richieste, specificando: «ci tengo a ringraziare queste persone, ma non potrei garantire la sicurezza necessaria per tutti quanti».

Lo spaccato di vita quotidiana della Caritas Eporediese riflette perfettamente le criticità che Ivrea, il Canavese e il resto d’Italia si trovano ad affrontare: da un lato permane, infatti, l’interrogativo su come poter soddisfare efficacemente i bisogni di quelle tante persone che, per un motivo o per un altro, si erano affidate ai servizi sociali e, dall’altro lato, cresce la voglia di manifestare solidarietà e di rendersi utili come meglio possibile, se pur nella consapevolezza che la solidarietà dei cittadini ai tempi del coronavirus incontra necessariamente dei limiti invalicabili (banalmente, il fatto di non poter uscire di casa se non per poche, indispensabili motivazioni).

#Iorestoacasa è l’imperativo corretto da adottare, ma per evitare che quest’hashtag si trasformi, per alcuni, in solitudine, disperazione, rassegnazione o ulteriore emarginazione sociale e per limitare i danni che una condizione d’isolamento rischia di generare all’interno delle famiglie più bisognose sarà fondamentale l’intervento del pubblico e dei Servizi Sociali. La rapidità con cui sono cambiate le nostre vite ha reso difficile una pianificazione delle misure da adottare ed è per questo motivo che, per il momento, il Consorzio In.Re.Te. ha “attivato un’unità di crisi per raccogliere le disponibilità di collaborazione delle associazioni del territorio, eventuali problematiche rilevate dai servizi territoriali, segnalazioni e coordinare le attività” (è possibile telefonare al numero 0125 646138 dalle 9.00 alle 17.00, oppure scrivendo all’indirizzo consorzio@inrete.to.it).

Forse non abbastanza per fronteggiare l'”emergenza nell’emergenza“, ma certamente un punto di partenza da cui partire.

 

Andrea Bertolino

 

 

Tratto da: http://www.rossetorri.it/poverta-emarginazione-sociale-e-senzatetto-il-difficile-compito-della-caritas-e-dei-servizi-sociali-al-tempo-del-coronavirus/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI