IL DECLINO DEL SERVIZIO SANITARIO PUBBLICO (Luciano Fassari)

Il lento declino del Ssn. In 10 anni tagliati 200 ospedali, 45 mila letti, 10 mila medici e 11 mila infermieri. In Terapia intensiva un leggero aumento ma i posti letto sono poco più di 5.200

 

Tra chiusura di strutture, riduzioni di personale, privato in crescita e finanziamenti inadeguati anche negli anni '10 del nuovo millennio il Servizio sanitario ha proseguito la sua opera di dimagrimento. E proprio oggi in piena emergenza il Coronavirus ci sta presentando il conto, con il paradosso che il prezzo più alto lo stanno pagando i più fragili e gli operatori sanitari che proprio questa dieta per anni hanno denunciato 

 

19 MAR - Tra il 2007 e il 2017 il nostro Servizio sanitario nazionale ha subito una drastica dieta: in 10 anni sono stati chiusi circa 200 ospedali, tagliati 45 mila posti letto, ridotto di 10 mila unità il personale medico (tra ospedalieri e convenzionati) e di 11 mila quello infermieristico.

Certamente sono gli anni della lunga crisi economica ma purtroppo il trend è lo stesso che già nei dieci anni precedenti registrammo in una nostra analisi. Insomma una parabola che dagli anni 2000 ha visto ogni anno una lenta ed inesorabile erosione della nostra sanità (soprattutto pubblica come vedremo).
 
È migliorata l’appropriatezza delle cure e ci sono nuove tecnologie, per cui si ricovera di meno. E sono anche cresciute (poco) le strutture territoriali ma è purtroppo sotto gli occhi di tutti in questo periodo di emergenza che gli investimenti in sanità negli ultimi 10 anni sono stati inadeguati (nonostante il fondo sanitario tra il 2007 e il 2017 sia cresciuto di 15 miliardi).

E oggi, purtroppo in piena emergenza se ne sono accorti 60 milioni di italiani facendo tornare molti nodi al pettine.

Partiamo dagli ospedali: secondo i dati dell’Annuario del Ssn del Ministero della Salute nel 2007 il Ssn poteva contare su 1.197 strutture ospedaliere mentre nel 2017 sono scese a 1.000, quasi 200 ospedali in meno, il 16%.

Nel 2007 c’erano poi 9.820 strutture per l’assistenza specialistica ambulatoriale. Un numero che nel 2017 è sceso a 8.867, ovvero 953 ambulatori in meno (il 10%).

Trend inverso per l’assistenza territoriale nel 2007 c’erano 5.105 strutture per l’assistenza territoriale residenziale mentre nel 2017 se ne registrano 7.372 (+2.267 pari al 44% in più). In aumento anche le strutture per l’assistenza territoriale semiresidenziale, nel 2007 erano 2.280 mentre nel 2017 sono 3.086. In calo invece le altre strutture di assistenza territoriale (erano 5236 nel 2007 e sono 5.586 nel 2017). In aumento infine le strutture per l’assistenza riabilitativa (erano 912 nel 2007 e sono 1.122 nel 2017).
 
In generale però si è assistito ad un aumento in percentuale della componente privata. Un esempio per tutti nel 2007 gli ospedali privati erano il 45% mentre nel 2017 sono il 48%.

Meno ospedali ma anche meno posti letto. In totale il Ssn nel 2007 poteva contare su 259.476 posti letto contro i 213.669 del 2017, circa 45 mila in meno (il 17%). Un calo in tutti i comparti: degenza ordinaria, day hospital e day surgery.

Di contro le terapie intensive sono aumentate nel 2007 c’erano 4.392 posti letto di terapia intensiva (7,4 per 100.000 ab.) mentre nel 2017 se ne registrano 5.090 (8,42 per 100.000 ab.), ovvero ve ne sono 698 in più (il 16%) anche se, come stiamo vedendo, il numero è in ogni caso insufficiente a gestire un'emergenza come quella causata da Covid-19. Dagli ultimi dati poi risulta che nel 2018 sono saliti fino a 5.284. 
 
Meno ospedali, meno letti e ovviamente anche 
meno personale.

Nel 2007 il Ssn poteva contare su 649.248 unità e risultava così ripartito: il 69,7% ruolo sanitario, il 18,3% ruolo tecnico, il 11,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale. Nel 2017 se ne contano quasi 46 mila in meno. Ovvero ammonta a 603.375 unità e risulta ripartito: il 71,5% ruolo sanitario, il 17,6% ruolo tecnico, il 10,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale.

Nello specifico i medici sono scesi dai 106,8 mila del 2007 ai 101,1 mila del 2017 (-5,7 mila) mentre gli infermieri sono passati dalle 264.177 unità del 2007 ai 253.430 del 2017.

In calo anche i medici del territorio. I medici di famiglia nel 2007 erano 46.961, dieci anni dopo 43.731 (-3.230, il 6,8%). I medici titolari di guardia medica erano 13.109 nel 2007 che sono scesi a 11.688 nel 2017 (-1.421, il 10%). Si sono ridotti anche i pediatri (dai 7.657 del 2007 ai 7.590 del 2017).

Non è certamente questo il momento per attribuire colpe e responsabilità di quello che in tutta evidenza è il declino di uno dei nostri capisaldi di protezione sociale. Ma la dura realtà dei numeri impone certamente a tutti che non possiamo continuare a prestare attenzione al nostro Stato solo quando ci sono le emergenze.
 
Luciano Fassari

 

tratto da quotidianosanita.it

http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=82776&fr=n

 

I commenti all'articolo apparsi su quotidianosanita.it

 

Lucia Di Lorenzo
Lei è molto disinformato e utilizza i dati in maniera faziosa. I privati hanno subito tagli spesso doppi rispetto al pubblico, in molte regioni, e l'appropriatezza è molto migliorata (molto più nel privato accreditato che nel pubblico!). Non possiamo tenere posti letto vuoti perchè forse ogni 20 anni ci sarà un'epidemia, ma possiamo finalmente programmare un uso razionale delle risorse e non l'uso che serve a sostenere "gli amici del quarterino" (acquisto di strumentazioni costorissime ed inutili che un solo chirurgo di un ospedale utilizza, primariati inutili, infermieri in ufficio anzichè in corsia, esenzioni dal lavoro per patologie inesistenti e tanto altro ancora....)
Claudio Maria Maffei
E' fondamentale sottolineare in questo periodo il sottofinanziamento del Servizio Sanitario Nazionale e la necessità di rilanciarne il buon funzionamento attraverso un massiccio investimento di risorse. A cultura politica invariata e, di conseguenza, a qualità programmatoria delle Regioni e gestionale delle Aziende invariata questo investimento non sarà risolutivo e, anzi, in alcuni casi consoliderà quegli assetti che andavano da anni messi in discussione (quelli che qualcuno chiama "campanili" ed "orti"). Quindi più risorse, ma non solo.

 

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:53600

 

TOTALE VISITE:  78606

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

26

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

35

 

Dati aggiornati

al 10-08-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

 

La Terra sfregiata Conversazioni su vero e falso ambientalismo

di 

Luca Mercalli e 

Daniele Pepino

 

Edizioni Gruppo Abele

11,00

Ormai non ci sono dubbi: se si continua così, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, questo mondo è destinato a implodere.

La pandemia è solo una delle manifestazioni di un cambiamento epocale prodotto nel mondo dall’azione dell’uomo. Sollecitato da Daniele Pepino, Luca Mercalli ci guida in un viaggio tra mutamenti climatici e disastri ambientali, negazionismi irresponsabili e falsi ambientalismi, grandi opere e consumi senza fine. La conclusione è chiara: una crescita infinita non è possibile in un mondo finito e, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, non c’è futuro per la nostra sopravvivenza sul pianeta.

https://edizionigruppoabele.it/prodotto/la-terra-sfregiata-conversazioni-su-vero-e-falso-ambientalismo/

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/