RESTATE A CASA! APPELLO DI UN ANESTESISTA DI CUNEO (Danilo Verra)

Ciao a tutti.

Sono Danilo Verra, anestesista rianimatore del nostro ospedale di Cuneo. Sono commosso del sostegno che in questi giorni sento attorno a noi sanitari e sono orgoglioso di fare il lavoro che faccio, in questi giorni particolarmente pesante, come non mai nei miei precedenti 22 anni di lavoro. Molti ci considerano degli eroi: non so se è vero. Una cosa so: se anche fossimo eroi, saremmo eroi inutili. Infatti non serve avere un eroe che passa la notte a salvare una donna di 60 anni insieme a 4-5 colleghi, se nella stessa notte nello stesso pronto soccorso arrivano altre 15-16 persone con la stessa malattia, per i quali si fatica a trovare letti per il ricovero. Posto che lo siamo, non serve avere degli eroi se poi la gente non sente e non capisce la situazione di guerra in cui siamo. Non serve a niente avere degli eroi se su via Castelletto Stura e su molte altre vie della nostra città passano decine e decine di auto ogni giorno, se si vedono un sacco di persone girare con mezza borsetta di roba che basta si e no per 2 pasti per avere la scusa di dover fare la spesa (quando si potrebbe fare la spesa per una settimana!). Non serve a niente avere presunti eroi se si vedono un sacco di persone in strada, magari che parlano allegramente tra di loro a meno di mezzo metro di distanza l'uno dall'altro. Il virus gode di questa situazione e per ogni persona che riusciamo a salvare ne ucciderà altre 10 che non riusciremo a curare. PER FAVORE, NON USCITE DI CASA, PER FAVORE, SE NON PER MOTIVI DAVVERO SERI. Solo così si riesce a fermare questo virus, NON CON I SANITARI EROI, NÉ CON LE CAMPANE O CON ALTRI GESTI CHE IN ALTRI TEMPI AVREBBERO RICHIAMATO LA VITA. I cinesi ce lo hanno dimostrato, ci hanno dimostrato che è possibile! Per favore, non uscite di casa, bastano anche poche settimane!

 

Tratto da @sardinecuneo – gruppo pubblico facebook

https://www.facebook.com/groups/566451217248482/?__cft__[0]=AZVy_Y5bui-xN5RRZ97Ke2f9MVCcIUbrxhTsd4giKMMV5C6Qk_F9Vs2k6X7-sJKYA5iWMaFto8sA8SewUJ5Mp2aCS1EU9GnA438_SNv1R4h_tr3HWHc8Gx-gRb--1EcyKaoAfiWDPfgVlNV0KWgYzX_Phs4WK-eIvSyyvTpyM-DV7w&__tn__=-UC%2CP-y-R

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI