CORONAVIRUS E AUTO MUTUO AIUTO. I depressi possono aiutare come esperti per sapere esperienziale? (Alessandro Petronio, docente di Psicologia di Comunità)

Questo scritto è stato inviato nella chat nazionale del movimento LE PAROLE RITROVATE (www.leparoleritrovate.com). Lo pubblichiamo con il consenso dell’Autore.

 

 

 

 

 

 

Il 2 marzo avevo proposto ai miei studenti un'esercitazione sull'impatto del coronavirus sul capitale sociale, mai immaginando che l'Italia sarebbe diventata l'ombelico del mondo pandemico. Nelle settimane scorse invece ho avuto almeno quattro segnali che sottopongo alla vostra attenzione come tema di ragionamento in relazione al peer support (supporto fra pari o auto mutuo aiuto).
I segnali riguardano le persone con sintomi depressivi e le loro famiglie. Ho ricevuto racconti di modifiche degli atteggiamenti di queste persone, riferite dai familiari, che hanno segnalato una riduzione della deflessione dell'umore e l'emergenza di comportamenti di cura, comprensione e sostegno verso quei familiari che si mostravano preoccupati per la situazione di espansione geometrica dell'epidemia, in questa condizione di convivenza forzata.

 

La considerazione che ho fatto è che queste situazioni non sono del tutto controintuitive.
Alcune caratteristiche dei disturbi depressivi dipendono dal senso di sostegno percepito e dal senso di connessione emotiva condivisa, che in questo momento hanno subito una notevole scossa in direzione della piena condivisione universale del problema.

 

La domanda che vorrei sottoporre al ragionamento condiviso è questa:

considerata l'esperienza e competenza personale delle persone depresse in termini di sofferenza personale, possono loro in questa situazione particolare sperimentare un sollievo dai sintomi e diventare risorse esperienziali di pazienza e resistenza nei confronti di chi hanno attorno, ovvero divenire peer supporter esperti per sapere esperienziale?

 

E' ovvio che quattro osservazioni non possono fare primavera, sarebbe opportuna una indagine a largo raggio.

Per fortuna proprio stamattina mi è caduto in grembo un dono da parte di mia figlia che è fresca neuroscienziata cognitiva, un link che rimanda a una ricerca su base internazionale sul tema del vissuto personale in tempi di coronavirus.

Il link è il seguente, se volete partecipare troverete domande estremamente interessanti per i ragionamenti sul peer support.

 

https://covid19-survey.org/


Auguro a tutti il bene collettivo della consapevolezza per affrontare questo momento storico doloroso e irripetibile.

 

              Alessandro Petronio

Psicologo

Docente di Psicologia di Comunità,

Sapienza di Roma

                                                         Referente della Calabria per Le Parole Ritrovate

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI