PARLIAMOCI A DISTANZA (Gianfranco Conforti, Ivana Sciandra e Mario Silvestro)

lun 23 mar 2020 alle 18:43 < menteinpace@libero.it> ha scritto:

 

 

 

Come associazione è da parecchi giorni che non ci troviamo e ciò durerà ancora molto. Quello che vorrei proporre è di parlarci a distanza. Il tema è la pandemia, ma non necessariamente solo quello. Potrebbe anche essere una ricetta di cucina, un consiglio, una barzelletta per stemperare il clima pesante.  Già Paola Bolla è stata la prima a mandare una poesia. Concetta sta mandando tante poesie ed ha mandato uno scritto commovente sui “nonni del covid-19”. Anche Chiara ha mandato uno scritto ed Andrea ha fatto la bella proposta di inviare foto di montagna da mettere su facebook. Io ho condiviso le foto di una gita fatta proprio l’anno scorso.

Spiego la mia proposta:

vi chiedo, se avete voglia visto che in questo periodo di tempo ce n’è, di condividere riflessioni, commenti, analisi, frasi, poesie su quello che stiamo vivendo e su come lo stiamo vivendo. Non facciamoci problemi,  chiedo di scrivere ciò che questo periodo di restrizioni e quarantene suscita in noi, a livello intellettivo o emozionale. Può anche essere solo una frase; i pezzi di poche parole li potrei raggruppare. Io mi incarico di mettere ciò che manderete sul sito www.menteinpace.it e sugli spazi facebook dell’associazione.

Già oggi ho pubblicato una riflessione che ha mandato Alessandro Petronio, docente di Psicologia di Comunità alla Sapienza e referente de Le Parole Ritrovate di Reggio Calabria

(https://www.menteinpace.it/2020/03/23/coronavirus-e-auto-mutuo-aiuto-i-depressi-possono-aiutare-come-esperti-per-sapere-esperienziale-alessandro-petronio-docente-di-psicologia-di-comunit%C3%A0/).

Poco fa è arrivata alla mail menteinpace@libero.it  una bella riflessione di Patrizia Porcellana di Asti, dell’Associazione “Amici Cari”, conosciuta a Trento (ha dato il consenso alla pubblicazione).

Per cui parliamoci, anche se a distanza. Scusate la lunghezza.

Per chiarimenti potete rispondere alla mail menteinpace@libero.it

Grazie

Paco

 

Grazie Paco. A me sembra un 'ottima idea. Penso che potremmo addirittura organizzarci se si
può, e utilizzare del tempo per provare a scrivere il libro che abbiamo iniziato. Chissà che
questo inatteso tempo sospeso non ci stimoli! Però io sono poco tecnologica e ho difficoltà a
pensare a come organizzare il lavoro collettivo. Con Patrizia avremmo  anche pensato che, se
può essere utile, possiamo lasciare i nostri numeri di telefono per chi è solo e ha voglia di
parlare. A presto, almeno virtualmente. Se e quando ne usciremo avremo certamente scoperto
dei lati positivi di noi e forse potremo tutti ripensare ad altri modelli di convivenza, più poveri
di cose e più ricchi di umanità. Un abbraccio a tutti

 

Ivana

 

24/3/2020 17:46

A  Alice Lorenzin,   Andreina Gastaldi   e altri 47

 

Chat di whatsApp

 

Buongiorno,

la proposta di Paco, che condivido, mi ha fatto venire in mente che potremmo anche, gli iscritti a MenteInPace, comunicare tra noi tramite una chat di WhatsApp, che permette di entrare in contatto rapidamente e dove ogni partecipante può inviare pareri, video…. quello che vuole e dove si può o no rispondere.

Io, che sono notoriamente un esperto informatico, posso provare a fare il gruppo. Chi è d'accordo dovrebbe comunicarmelo e soprattutto mandarmi il suo numero di cellulare.

A presto

Mario 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI