SIAMO TUTTI UN PO’ NERVOSETTI…. (postata da Rosanna Monasterolo)

24-03-2020, ore 13,33 – facebook (ricevuto dalla chat di MenteInPace)

 

…Praticamente da quel che leggo in giro la situazione oggi è la seguente:

quelli che stanno a casa ce l’hanno con quelli che escono, mentre quelli che sono costretti ad uscire ce l’hanno con quelli che possono rimanere in casa.

Quelli con i bambini ce l’hanno con quelli con i cani perché i cani possono uscire e i bambini no, mentre quelli con i cani ce l’hanno con tutti quelli che ce l’hanno con loro, perché portare fuori il cane è la cosa più noiosa dell’avere un cane e ne farebbero volentieri a meno.

Quelli che non fanno sport ce l’hanno con quelli che vanno a correre perché se mi rompo i coglioni io è giusto che te li rompa anche tu, a prescindere da quanto la tua attività in solitaria possa essere pericolosa.

Quelli che si rompono i coglioni ce l’hanno con quelli che si divertono sui balconi e quelli che si divertono, ce l’hanno con quelli che si rompono i coglioni.

Quelli che non fumano e non giocano, ce l’hanno con quelli che affollano le tabaccherie e quelli che affollano le tabaccherie ce l’hanno con quelli che vanno al supermercato due volte al giorno che a loro volta ce l’hanno con quelli che escono il cane che a loro volta ce l’hanno col cane che peraltro comincia ad annusare la primavera e non potendo sfogarsi al parco come faceva prima di ieri, di solito si sfoga con un divano, con un cuscino e a volte con la gamba di qualche umano.

Poi ci sono quelli che ce l’hanno col governo, col marito, con il Papa, con il vicino, con l’Europa, con gli scienziati, con la Cina, con i lombardi, con le sardine, il circolo del tennis, la televisione, le dame di San Vincenzo e un po’ anche con il virus, ma quello reagisce malissimo ed è meglio non stuzzicarlo.

Gli altri sono malati.

Siamo tutti un po’ nervosetti….

CORAGGIO

 

postata da

 

Rosanna Monasterolo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Beatrice D. (giovedì, 26 marzo 2020 12:05)

    Bello, bello, bello!!!
    E proprio così, cara Rosanna! Hai saputo esprimere in modo ironico e simpatico i pensieri che ci sfiorano in questi giorni,
    quell' insofferenza verso l'altro, noi che di solito siamo molto più comprensivi.
    Ma dai, siamo fiduciosi! Torneremo ad essere più tolleranti, a guardare il nostro vicino con maggiore indulgenza! L'umanità tutta uscirà più buona da questa emergenza, e quando questo incubo finirà, ringrazieremo per avercela fatta e saremo pronti a ricostruire insieme un Mondo migliore. Ne sono sicura|

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.504

Dati aggiornati al 6-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------