MARCO CAVALLO E IL CORONAVIRUS (Peppe Dell’Acqua)

Mail ricevuta

da (collana180@studiosandrinelli.com) - 27/3/2020 22:44

a  menteinpace@libero.it   

 

 

 

 

 

#restateacasa e #andràtuttobene: sono questi gli hashtag che vanno per la maggiore in questo periodo.

 

Il virus sembra riportare tutti alla stessa condizione: siamo tutti reclusi, siamo tutti internati, siamo tutti privati di qualcosa, della libertà.. . C’è un ordine superiore cui dobbiamo soggiacere. La nostra singolarità svanisce.

 

Siamo tutti obbligati all’internamento, ridotti a una sola dimensione. Come dietro le mura i matti prima di Marco Cavallo. Noi internati di questo tempo, per una ragione che bene o male condividiamo, i matti dietro le mura di ieri e di oggi, senza tempo, a chiedere disperatamente una ragione.

 

Il virus ora sembra renderci tutti uguali, ma basta fermarsi un attimo per cogliere la profondità, l’oscenità delle diseguaglianze, delle lontananze, delle separazioni. Il virus ha illuminato e ha fatto esplodere le distanze incolmabili. Non posso non pensare alle persone che vivono l’esperienza del disturbo mentale chiuse in casa costrette a subire un isolamento ancora una volta particolare e più doloroso. 

 

La Pandemia, come è giusto che sia, prende il sopravvento, i servizi di salute mentale si riducono, e si allontanano dalla vista proprio le persone che Marco Cavallo ha liberato.

 

Penso a questa disuguaglianza e alle case delle periferie: da Trieste e Napoli, da Roma a Milano, dove le famiglie o le persone singole vivono in 40/50/60 metri quadri.

 

Ecco allora che subito mi appare chiara l’immagine che mi porto dietro da tanti anni della vecchia mamma, magari grassa e ingombrante, seduta nella cucina di pochi metri quadri, con il figlio, ora cinquantenne. Reclusi, senza la possibilità di ricevere una visita, una telefonata o di andare in un centro diurno chiuso e chi sa quando riaprirà. In casa c’è solo una vecchia televisione sempre accesa. Il figlio fuma tanto e la madre lo rimprovera e immagino la pesantezza della vicinanza.

 

Uso questa immagine per cercare di dire a Marco Cavallo cosa vorrei che facesse: mi piacerebbe che la sua azzurrità, così come ha toccato tante porte, chiusissime, e mura invalicabili toccasse le tante porte delle periferie della nostra anima e delle nostre città e portasse la brezza di primavera. C’è il cattivissimo virus corona e la primavera non si è accorta di nulla ed è tornata. I prati sono diventati bianchi di margherite ed è tempo di andare tutti “per i prati a cavallare”.

 

Voglio divertirmi a correre - cantava Marco Cavallo -  volare e sui prati andare a cavallare...

 

 

                             Peppe dell’Acqua

Direttore della "Collana180 - Archivio Critico della Salute Mentale"

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91105

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 04-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI