È LA NORMALITÀ AD ESSERE UN PROBLEMA (Guido Chiesa)

7/4/2020 – dal profilo facebook

 

 

È LA NORMALITÀ AD ESSERE UN PROBLEMA 

 

pubblicato con il consenso dell'Autore

 

Qualcuno ha scritto, molto efficacemente: "il problema non è tornare alla normalità. E' la normalità ad essere un problema." Condivido al 100%.
I credenti direbbero che questa pandemia è il segnale che il Signore ha inviato all'umanità tutta affinché si decida a cambiare strada. A frenare la folle corsa di uno sviluppo non sostenibile che può portarci solo al disastro. Come ci ammoniscono ormai il 99,9% degli scienziati di questa terra.
Io non sono un credente, ma sono assolutamente d'accordo con loro.

Questa pandemia è un segnale, temo l'ultimo, per costringerci a rispettare gli accordi di Parigi per contenere entro i 2 gradi l'incremento della temperatura media del globo. Un incremento superiore scatenerebbe delle reazioni incomparabilmente peggiori della pandemia. Anche perché, se per il virus prima o poi un rimedio si troverà, ai cambiamenti climatici non ci sarà rimedio.

I bisogni, talvolta fittizi, della popolazione crescono infatti molto più in fretta di quanto le nuove tecnologie possono offrire. Anche perché molte ricerche sono indirizzate a scopi deleteri per l'umanità. O per lo meno inutili.

Questo è il primo insegnamento da trarre dalla pandemia: indirizzare tutte le ricerche, scientifiche, in campo sociale e economico, al preciso scopo di rallentare quanto più possibile la nostra folle corsa verso il disastro. 

 

 

Guido Chiesa

 

Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------