COSA PENSO PER USCIRE DALL’EMERGENZA (Eliana Brizio)

7/4/2020 – dal profilo facebook

 

 

COSA PENSO PER USCIRE DALL’EMERGENZA

(Eliana Brizio)

 

pubblichiamo con il consenso dell'Autrice

 

Ho preso la decisione, dopo l'ennesimo video complottista, di far sapere che cosa penso in merito:
Sono infermiera e non solo, ma sono una infermiera che si è occupata per più di dieci anni di infezioni ospedaliere, di prevenzione delle infezioni. La mia attitudine in momenti di emergenza, l'ho imparato, perché me lo hanno insegnato persone competenti, e perché l'ho vissuto sul campo, di fronte a problematiche importanti che mi sono ritrovata a dover affrontare è, che quando sei in emergenza devi
              FARE TUTTO CIO' CHE PUOI
per uscire dall'emergenza.
E non sono di sicuro le discussioni sulle colpe, sui complotti, sul chiedersi se è una guerra ...
A tal proposito ora arrivo a me, sono in casa come tantissime altre persone a eseguire ciò che ci viene detto, con l'obiettivo, mentre sono in casa, di fare in modo che il mio sistema immunitario si rinforzi e pensare ai complotti e alle colpe, non va in quella direzione.
Non voglio sentire nulla che mi tenga nella condizione di ammalarmi proprio perché mentre sono debole, fragile, indifesa, in un immenso vuoto di attesa, qualcuno mi incita a pensare che ci sono tanti cattivi.
Il termine stesso di emergenza significa che le cose
                      NON FUNZIONANO
come si fa normalmente, gli obiettivi sono altri e bisogna rimanere
                 CONCENTRATI SU QUELLI.
- Quando usciremo dalla paura di essere attaccati da un virus invisibile, che non sappiamo dove è e ce lo possiamo aspettare ovunque,
- quando saremo nel relax di poter non aver più paura di essere contagiati,
allora quello sarà il momento di tirare le fila, vedere cosa è successo, e se scopriremo che era un immenso complotto nazionale o addirittura internazionale
(COSA CHE NON CREDO ASSOLUTAMENTE TRA L'ALTRO) e questo non significa certamente che non mi renda conto di quante cose non funzionano, degli abusi di potere che vengono perpetrati, e a tal proposito di quante cose dovranno cambiare,
          AFFRONTEREMO AL MOMENTO GIUSTO,
cioè quando non rischieremo più di ammalarci veramente per il contagio di un virus che sta uccidendo molte persone, anche se parecchie persone sono morte perché erano debilitate,  comunque i morti sono veramente tanti,, o se le tante persone che guariscono ci raccontano quanto è stata dura, significa che è
DA QUELLO CHE ADESSO MI DEVO, CI DOBBIAMO  DIFENDERE, PER ME-NOI E PER LA STESSA COMUNITÀ', ADOTTANDO LE MISURE PREVENTIVE NECESSARIE.
Non voglio vedere video a meno che non contengano
IL SENSO DI CIO' CHE STIAMO FACENDO, VIDEO CHE MI DICANO E CI DICANO CHE CIO' CHE STIAMO FACENDO STA INIZIANDO A FUNZIONARE, O VIDEO CHE MI DICANO QUALI SONO LE ULTERIORI MISURE DA ADOTTARE IN BASE ALLE CURVE EPIDEMIOLOGICHE. 
Non voglio sentire nulla di complottismi in questo momento, non è il tempo, il tempo della cura, il tempo della convalescenza, il tempo della quarantena, sono tempi che servono per rinforzarsi, prepararsi, riposarsi.
Infilare in questi tempi, temi che fanno perdere fiducia e speranza, sono fortemente dannosi per il  sistema immunitario e significa, a mio avviso, esattamente fare il gioco di chi ci sta manipolando a farci vedere che è tutto uno schifo.
Io non penso che sia tutto uno schifo. Vedo gente di cui mi posso fidare, sento che riesco ad amare e mi sento amata da molte persone,  vedo persone sensate che fanno ottime cose, quindi ora voglio occuparmi di questo perché è l'unica cosa che in un momento così difficile serve.
Concludo dicendo che finché sono viva voglio vivere, e non voglio permettere a nessuno di farmi morire dentro e prima del tempo,  o di far morire la mia anima, o spegnere la mia fiammella e la mia essenza di vita.

 

Eliana Brizio

 

Infermiera 

libera professionista

di Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97635

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesca Mannocchi

Bianco è il colore del danno

Giulio Einaudi Editore

 

Il corpo di una scrittrice, in apparenza integro eppure danneggiato, diventa lo specchio della fragilità umana e insieme della nostra inarrestabile pulsione di vita. Francesca Mannocchi guarda il mondo attraverso la lente della malattia per rivelare, con una voce letteraria nuda, luminosa, incandescente, tutto ciò che è inconfessabile.


Quattro anni fa Francesca Mannocchi scopre di avere una patologia cronica per la quale non esiste cura. È una giornalista che lavora anche in zone di guerra, viaggia in luoghi dove morte e sofferenza sono all'ordine del giorno, ma questa nuova, personale convivenza con l'imponderabile cambia il suo modo di essere madre, figlia, compagna, cittadina. La spinge a indagare sé stessa e gli altri, a scavare nelle pieghe delle relazioni piú intime, dei non detti piú dolorosi, e a confrontarsi con un corpo diventato d'un tratto nemico. La spinge a domandarsi come crescere suo figlio correndo il rischio di diventare disabile all'improvviso e non potersi quindi occupare di lui come prima. Essere malata l'ha costretta a conoscere il Paese attraverso le maglie della sanità pubblica, e ad abitare una vergogna privata e collettiva che solo attraverso l'onestà senza sconti della letteratura lei ha trovato il coraggio di raccontare.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI