STATE A CASA. ANDRÀ TUTTO BENE (Anna Maria Pacilli)

Sembra di assistere alle scene di un film surreale, di cui, però, non siamo spettatori, ma siamo i protagonisti. Gente che si aggira per strada spaurita, disorientata, preoccupata. Ora, nelle ultime ore, pochissime persone: si può uscire solo per casi di comprovata necessità, per recarsi sul luogo di lavoro, per andare dal medico. Saracinesche abbassate, nei pochi negozi rimasti aperti ( farmacie, alimentari e tabaccai), si può entra uno, al massimo due per volta. Non eravamo abituati. Siamo abituati alla folla, alla gente, salvo quando siamo noi a decidere di evitarla per stare da soli, e non quando sia un virus a limitare la nostra libertà. La libertà te la godi appieno quando ti viene limitata. Come accade per ogni cosa che ti manca quando ti accorgi di non averla più. Ma, in questo caso, non si tratta di limitare solo la propria libertà per preservare la propria salute. Si tratta di acquisire il senso di responsabilità verso gli altri. Limitare il contatto interumano serve ad impedire che il virus si propaghi. Come sia possibile che un virus, dotato di una aspetto quasi “simpatico” ed accattivante all’ingrandimento microscopico, dal colore rosso vivo, possa essere così nocivo, non è mio compito spiegarlo, non avendo le competenze da virologa. Sicuramente le competenze da psichiatra mi permettono di fare alcune osservazioni di tipo psicologico. La paura generata dalle possibilità di contagio non determina solo l’aspetto fobico dell’evitamento dell’altro. Per chi ha tanto timore di una possibile contaminazione, anche in tempi non sospetti, l’altro rappresenta comunque il nemico, la possibile fonte di contagio. Ancora di più nei soggetti paranoici l’altro è sicuramente un nemico. La paura, però, può generare, anche l’atteggiamento contrario: il ricorso continuo alle strutture sanitarie per ricevere ripetute conferme sulla integrità del proprio stato di salute.

E poi ci sono quelli che ”Me ne frego”: i giovani incoscienti che prendono la vita propria e quella altrui  come sfida: “Le scuole sono chiuse per evitare il contatto fisico? Bene, Riuniamoci tutti e la sera si va a ballare”.

In questi giorni, infatti, lo vedo nel mio lavoro come non mai: la strutturazione fobica della personalità porta, da un lato, l’utente a disdire gli appuntamenti, ed allora il nostro lavoro di consulenza telefonica ha lo scopo di consigliare e rassicurare il più possibile, cercando, anche, di intuire fino a che punto si spinga la situazione di disagio. Dall’altro, a cercare un contatto più frequente ( e non solo telefonico), motivato dalla necessità che il medico “veda” se si sta davvero bene. Non lo è per nessuno, ma meno che mai, penso, per uno psichiatra, facile discriminare i casi di vera “urgenza” psichica, tramite una telefonata e, nei casi dubbi, non differibili, si concorda per una visita effettuata con le dovute precauzioni.

In una situazione come questa siamo tutti chiamati, anzitutto come cittadini, al massimo senso di responsabilità. Siamo chiamati, noi sanitari, a prenderci cura e curare chi ha bisogno di noi. Distanti fisicamente, ma uniti psicologicamente.

Andrà tutto bene.

 

Anna Maria Pacilli

Psichiatra, Cuneo

Pubblicato con il consenso dell’Autrice

 

Dal blog https://www.annamariapacilli.it/2020/03/12/state-a-casa-andra-tutto-bene/?fbclid=IwAR0ERzZN94XmiSkddqET87_gqOwhzehsBmeT0gSJ88zlZ_DWLSZv_jYaArc

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:56057

 

TOTALE

VISITE: 82011

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

37

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

52

 

Dati aggiornati

al 24-10-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 POSITIVI
RITROVARSI DOPO IL DISAGIO EMOTIVO DA PANDEMIA

 

a cura di

Maria Emilia Bonaccorso, Massimo Cozza
 
Prefazione di
Piero Chiambretti
 
con i contributi di
Massimo Biondi,

Maria Rita Parsi
 
Editore
Edizioni Publiedit

 

 

Ribaltare l'esperienza drammatica della pandemia, a partire dalla stessa parola "positivi", non più associata all'esito del tampone, ma alla sua connotazione originaria, ottimistica e rincuorante. È questo l'obiettivo del volume per aiutare a ritrovarsi, nei pensieri e nelle relazioni affettive e sociali con gli altri, con alcuni suggerimenti per poter riconoscere i segnali di allarme psicologico e migliorare il nostro benessere, cogliendo le opportunità che comunque questa storia inaspettata e tragica ci ha dato. 

 

 

 

Per aprire la pagina del libro

dal sito di PUBLIEDIT

CLICCA QUI

-------------------------------------

 

Cuneotrekking

 

Cuneotrekking è il principale portale dedicato alle escursioni nelle Alpi cuneesi. Nato nel 2007 dalla passione per la montagna di Elio e Valerio Dutto, padre e figlio, nel corso degli anni ha visto il team crescere e si è affermato come punto di riferimento per l’escursionismo, superando le 500 escursioni descritte e i 2 milioni di visitatori nei soli primi sei mesi del 2020.

 

Per visitare il sito

 

CLICCA QUI

----------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI