GUARDANDO IL COVID19 DAL CARCERE (Angelo S.)

 

DA varieventuali@rossetorri.it

 

28/4/2020 02:33

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

 

La vita in carcere è dura, ma in questo momento è diventata ancora più insopportabile.

 

 

Guardi la televisione e ti rendi conto di quanto sia grande la tragedia che sta accadendo fuori dalle mura che ti tengono prigioniero e impotente.

Ogni giorno leggiamo il bollettino di “guerra”, tot. ricoverati, tot. in terapia intensiva, tot. morti, e meno male che ogni giorno qualcuno guarisce, e speriamo sempre che domani sia meglio, ma all’indomani la televisione dà le stesse cifre e ripete le stesse immagini, immagini di dolore. Mi chiedo cosa succederebbe se il virus riuscisse a superare le mura che ci tengono prigionieri.
Sento in televisione che ci sono poche mascherine a disposizione della gente; noi non ne abbiamo neanche una, e ci è impossibile anche mantenere la distanza di sicurezza, noi come dice il detto:” siamo in balia delle onde”.

La cosa positiva è che almeno gli agenti di custodia hanno la mascherina, anche se le mascherine che usano, secondo me, se arrivasse il virus non servirebbero a nulla.

Per tenerci “bravi” ci hanno concesso due telefonate in più alla settimana, e a chi può, anche una chiamata via skype in modo da poter vedere i propri cari; per la telefonata video è stato necessario il virus. In altri istituti è da anni che ne usufruiscono, ma in ogni caso è un qualcosa che ti permette di stare un pochino più tranquillo.

I giorni passano, le notizie sono sempre uguali, “niente di nuovo sul fronte occidentale” dicevano alla radio ai tempi dei nostri nonni, durante la seconda guerra mondiale; ora, ottant’anni dopo, non è più la guerra che uccide le persone che sono vicine a noi; ora il nostro peggior nemico è il coronavirus: invisibile, silenzioso, ma senza nessuna pietà, non guarda in faccia nessuno, non fa sconti, e noi rinchiusi tra queste mura, giorno dopo giorno preghiamo che non sia toccato a qualcuno dei nostri cari.

Ogni volta che telefoniamo a casa c’è l’ansia finché chi risponde all’altro capo del telefono non dice: ciao, stiamo tutti bene. Questa è una condanna dentro la condanna, è un pensiero che sta fisso nella mente minuto dopo minuto, ora dopo ora, giorno dopo giorno, tutti i giorni, è un tarlo che ti consuma, e quando arriva la sera la televisione ti dà un altro bollettino tragico, e tu pieno di pensieri non riesci a dormire e all’indomani si ricomincia da capo.

Quanto durerà questa tortura? Quando potrò riabbracciare i miei cari?

Ma la domanda che mi sorge spontanea è: quando l’uomo la finirà di cercare a tutti i costi di autodistruggersi? Perché è fin troppo chiaro che in tutto quello che accade sul nostro pianeta ci sono le nostre mani.

Non rispettiamo la natura, e per capire questo basta guardare, per fare un esempio, agli incendi in Australia, agli innumerevoli esperimenti di ordigni nucleari che vengono fatti esplodere negli oceani, e sicuramente, ci possono raccontare (“dai piani alti”) quello che vogliono, ma anche questo nostro attuale nemico, il coronavirus, potrebbe essere un’altra conseguenza della attività umana.
Chissà se a tutti questi grandi scienziati, durante la loro crescita negli studi, sia mai capitato di leggere la parola: Vergogna, e capire il suo significato. Io ho i miei dubbi.
E penso anche che sarebbe ora che la finissero di usare la “scienza” per coprire tutti i danni che fanno.
Non ho più voglia di andare avanti nello scrivere; questo argomento mi rende nervoso e mi dà un senso di ansia, perché porta i miei pensieri ai miei cari, lontani e anche loro, “in balia delle onde”, perciò con la speranza, grande speranza che questa pandemia termini al più presto, vi porgo i miei più cordiali saluti e auguri di una vita tranquilla a tutti.

 

L’uomo ombra Angelo S

 

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di ivrea

 

Tratto da http://lafenice.varieventuali.it/?p=513

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.001

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 88

Dati aggiornati

al 21-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

GIANLUIGI PASSARO

SULLA PELLE

DEL MARE

tra migrazione,

memoria e futuro

 

Moretti&Vitali Editori

 

Gli innumerevoli naufragi degli ultimi anni al largo delle coste italiane ci restituiscono il tragico rischio che le persone migranti sono disposte a correre per guadagnare la possibilità di un futuro e, al contempo, evidenziano con forza le responsabilità di chi, sulla riva dell’Europa, è invitato a contemplare la propria e l’altrui alterità così da accogliere, cambiare e lasciarsi cambiare.

Questo  libro  racconta  del  percorso terapeutico di un giovane uomo, Ouro, del suo viaggio di migrazione dal Togo all’Italia e, soprattutto, del viaggio intimo ed esistenziale intrapreso  per  avverare  la  sua  “fiaba  interiore”  −  la  propria  autentica  essenza −,  per  compiere  ciò  che  Jung  ha  definito cammino di individuazione.

L’idea di psicoterapia che qui si propone è quella di un incontro di storie e  di  narrazioni,  di  uno  spazio  e  di  un luogo intimi in cui è possibile ri-raccontarsi  per  tracciare  nuovi  significati e nuove prospettive.

La psicoterapia sarà uno dei luoghi in cui  rivivere  il  ricongiungimento  poetico con l’altro da sé per mezzo del quale è possibile scorgere la sostanza stessa dell’umano.

Il processo terapeutico sarà promosso dalla dimensione immaginale della vita  e  dalla  finzione  narrativa  creata dalla  coppia  terapeutica  attraverso il Disegno  Narrativo  Condiviso  (Dnc) e grazie al racconto di credenze, riti e f iabe della terra di Ouro.

Per partecipare alla vita bisogna fare di essa un cammino, una migrazione tra luoghi di anima differenti, per contribuire  −  assieme  a  coloro  che  si incontrano  −  a  migliorare  il  mondo, a continuarne il racconto, ad avverare storie, perché, al fondo, prestare ascolto alla storia di un altro vuol dire rendere la propria reale.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI