GUARDANDO IL COVID19 DAL CARCERE (Angelo S.)

 

DA varieventuali@rossetorri.it

 

28/4/2020 02:33

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

 

La vita in carcere è dura, ma in questo momento è diventata ancora più insopportabile.

 

 

Guardi la televisione e ti rendi conto di quanto sia grande la tragedia che sta accadendo fuori dalle mura che ti tengono prigioniero e impotente.

Ogni giorno leggiamo il bollettino di “guerra”, tot. ricoverati, tot. in terapia intensiva, tot. morti, e meno male che ogni giorno qualcuno guarisce, e speriamo sempre che domani sia meglio, ma all’indomani la televisione dà le stesse cifre e ripete le stesse immagini, immagini di dolore. Mi chiedo cosa succederebbe se il virus riuscisse a superare le mura che ci tengono prigionieri.
Sento in televisione che ci sono poche mascherine a disposizione della gente; noi non ne abbiamo neanche una, e ci è impossibile anche mantenere la distanza di sicurezza, noi come dice il detto:” siamo in balia delle onde”.

La cosa positiva è che almeno gli agenti di custodia hanno la mascherina, anche se le mascherine che usano, secondo me, se arrivasse il virus non servirebbero a nulla.

Per tenerci “bravi” ci hanno concesso due telefonate in più alla settimana, e a chi può, anche una chiamata via skype in modo da poter vedere i propri cari; per la telefonata video è stato necessario il virus. In altri istituti è da anni che ne usufruiscono, ma in ogni caso è un qualcosa che ti permette di stare un pochino più tranquillo.

I giorni passano, le notizie sono sempre uguali, “niente di nuovo sul fronte occidentale” dicevano alla radio ai tempi dei nostri nonni, durante la seconda guerra mondiale; ora, ottant’anni dopo, non è più la guerra che uccide le persone che sono vicine a noi; ora il nostro peggior nemico è il coronavirus: invisibile, silenzioso, ma senza nessuna pietà, non guarda in faccia nessuno, non fa sconti, e noi rinchiusi tra queste mura, giorno dopo giorno preghiamo che non sia toccato a qualcuno dei nostri cari.

Ogni volta che telefoniamo a casa c’è l’ansia finché chi risponde all’altro capo del telefono non dice: ciao, stiamo tutti bene. Questa è una condanna dentro la condanna, è un pensiero che sta fisso nella mente minuto dopo minuto, ora dopo ora, giorno dopo giorno, tutti i giorni, è un tarlo che ti consuma, e quando arriva la sera la televisione ti dà un altro bollettino tragico, e tu pieno di pensieri non riesci a dormire e all’indomani si ricomincia da capo.

Quanto durerà questa tortura? Quando potrò riabbracciare i miei cari?

Ma la domanda che mi sorge spontanea è: quando l’uomo la finirà di cercare a tutti i costi di autodistruggersi? Perché è fin troppo chiaro che in tutto quello che accade sul nostro pianeta ci sono le nostre mani.

Non rispettiamo la natura, e per capire questo basta guardare, per fare un esempio, agli incendi in Australia, agli innumerevoli esperimenti di ordigni nucleari che vengono fatti esplodere negli oceani, e sicuramente, ci possono raccontare (“dai piani alti”) quello che vogliono, ma anche questo nostro attuale nemico, il coronavirus, potrebbe essere un’altra conseguenza della attività umana.
Chissà se a tutti questi grandi scienziati, durante la loro crescita negli studi, sia mai capitato di leggere la parola: Vergogna, e capire il suo significato. Io ho i miei dubbi.
E penso anche che sarebbe ora che la finissero di usare la “scienza” per coprire tutti i danni che fanno.
Non ho più voglia di andare avanti nello scrivere; questo argomento mi rende nervoso e mi dà un senso di ansia, perché porta i miei pensieri ai miei cari, lontani e anche loro, “in balia delle onde”, perciò con la speranza, grande speranza che questa pandemia termini al più presto, vi porgo i miei più cordiali saluti e auguri di una vita tranquilla a tutti.

 

L’uomo ombra Angelo S

 

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di ivrea

 

Tratto da http://lafenice.varieventuali.it/?p=513

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97759

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 71

Dati aggiornati

al 12-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 GIOVANNI MARIA FLICK, MAURIZIO FLICK

ELOGIO DELLA FORESTA

Dalla selva oscura alla tutela costituzionale

Il Mulino

 

Il nuovo Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (d.lgs. n. 34/2018) offre l’occasione per approfondire il tema dell’evoluzione della vita della foresta nel suo incontro-scontro con gli obiettivi dell’uomo. Il diritto interviene in questa relazione col suo ruolo regolatore, ricercando un punto di equilibrio tra la funzione ambientale e quella economico-produttiva e superando le polemiche che le scelte del legislatore hanno provocato tra gli studiosi della materia. Con un linguaggio piano e accessibile il libro approfondisce alcune tra le questioni giuridiche maggiormente dibattute a livello forestale e ambientale e le loro premesse di ordine costituzionale. Si analizzano le problematiche legate alla governance nella tutela della foresta, così come viene affrontato il tema della frammentazione delle proprietà boschive. Fra la categoria dei beni privati e quella dei beni pubblici si affaccia quella dei beni comuni; ne vengono prospettati pregi e difetti, prospettive di sviluppo e collegamenti con le tradizioni e con il principio di solidarietà. Si ipotizza poi un nuovo approccio alla «fiscalità ambientale», affinché venga abbandonata la funzione soltanto disincentivante e risarcitoria del tributo e vengano invece maggiormente apprezzate e incentivate le condotte virtuose. Si evidenziano i principi richiamati con decisione dall'enciclica «Laudato si'» di papa Francesco e il sempre più importante ruolo dell’Unione Europea rispetto all’ambiente e in particolare nell’azione di contrasto al commercio illegale del legno. Si guarda, infine, al futuro approccio del mondo economico-finanziario rispetto alle tematiche ambientali.

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, ministro della Giustizia nel governo Prodi I, è professore emerito di diritto penale. È autore di monografie sui temi della Costituzione, della giustizia, dei rapporti fra diritto penale ed economia, della criminalità organizzata, dei diritti umani e del diritto ambientale. Maurizio Flick, avvocato, è presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione per le professioni legali.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI