A TUTTE LE MAMME CON FIGLI SPECIALI (Rita Clerico)

DA bclaudio74@gmail.com

 

7/5/2020 18:13

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Ho scritto una lettera rivolta a tutte le persone che nella quarantena hanno vissuto  la vicinanza e la responsabilità di un malato figlio o parente e sono stati soli in questo duro cammino.

 

 

 

A tutte le mamme con figli speciali....o a tutti coloro che hanno famigliari disabili mentali o fisici...So che state vedendo buttare tutti i sacrifici per i quali una parola detta in più, un'autonomia raggiunta dal vostro caro, vi faceva sentire ragione di essere, che vi faceva aprire gli occhi ogni giorno e progettare la notte prima di addormentarvi con un obiettivo nuovo, che vi faceva esultare al raggiungimento dello stesso  anche quando l'obiettivo era semplicemente ciò che la maggioranza fa normalmente...

So che ora siete abbandonati dal sistema, avete paura per la vostra salute, perché nessuno come voi saprebbe di cosa ha bisogno il vostro caro per andare avanti...che eravate riusciti a ritagliare il tempo per voi perché la vostra grande resilienza vi rende capaci di adattare il vostro tempo, i vostri bisogni fisiologici ad ogni evenienza nuova, perché SAPETE AMARE E TANTO.

Ma so anche che ora per voi piove sul bagnato, perché tutto quello che é pesante per il mondo, per voi ha sempre un peso in più da aggiungere, che per alcuni é un peso insormontabile che si alleggeriva a volte grazie a tutto il sistema riabilitativo che prima lavorava con voi, ma ora é blando se non inesistente...e che le condizioni economiche, le file ai supermercati, le passeggiate autocertificate vi stanno STROZZANDO......

PARLATE, CHIEDETE, DENUNCIATE, DENUNCIATE, CHIEDETE, PARLATE, USATE OGNI CANALE, FATE SENTIRE LE VOSTRE VOCI, NON PERMETTETE A QUESTA SITUAZIONE DI RENDERE VANO TUTTO QUELLO CHE AVETE SPESO IN SOLDI E IN ENERGIA VOI, I VOSTRI CARI E I VOSTRI COLLABORATORI....

 

VI ABBRACCIO ...

 

RITA CLERICO

 

Infermiera, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91105

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 04-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI