CORONAVIRUS, PSICORADIO RACCONTA LA QUARANTENA DI CHI HA UN DISAGIO PSICHICO (Alice Facchini)

 

 

Riunioni di redazione in remoto, registrazione delle puntate con lo smartphone e montaggio da casa: la Psicoradio, la radio di Bologna fatta dai pazienti psichiatrici, non si ferma e produce programmi sul tema della salute mentale. “Fare radio è un’occasione di socializzazione e comunione importante in questa quarantena”

 

DA psicoradio@gmail.com

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

BOLOGNA – “Sentivo un peso, facevo fatica a respirare: non capivo perché, poi ho realizzato che era ansia”. “La radio è uno dei modi per dare un senso e un sollievo a queste giornate di quarantena”. “Ci sono dei momenti in cui anche solo parlare con qualcuno ti cambia il punto di vista”. Le voci dei redattori di Psicoradio suonano chiare e limpide come sempre. Anche in questo periodo di quarantena, infatti, non si ferma la radio di Bologna fatta da pazienti psichiatrici, che oggi stanno realizzando pillole di 5 minuti declinando il tema della salute mentale, troppo spesso ignorato dai media mainstream.

“Nelle puntate cerchiamo di raccontare il nostro disagio durante questo periodo difficile – spiega uno dei redattori storici di Psicoradio, Lorenzo Albini, bolognese di 47 anni che vive con la madre e il fratello in un appartamento in centro –. Stare in casa e non socializzare è un po’ invalidante e da un punto di vista psicologico lo considero una regressione. Prima stavo imparando a lavorare, ad avere delle responsabilità, a stare in mezzo alla gente: questo per me è un passo indietro. Comunque, penso che la quarantena di un redattore di Psicoradio sia molto simile alla quarantena degli altri: abbiamo tutti delle debolezze e delle fragilità, che in questo momento si manifestano in maniera più forte”.

Psicoradio, la radio della mente, è nata nel 2006 in collaborazione con Arte e Salute onlus e il Dipartimento di salute mentale dell’Azienda Usl di Bologna. Per continuare a realizzare i programmi anche durante il blocco totale delle attività dovuto all’epidemia di coronavirus, oggi i redattori registrano gli audio con il proprio smartphone e li montano attraverso programmi gratuiti installati sui loro computer. I temi delle ultime puntate sono la paura, la quarantena, il linguaggio e gli stereotipi (come non si dovrebbe parlare del coronavirus?), ma anche suggerimenti di libri, film, musica, per addormentarsi “senza bisogno di sonniferi”, mischiando così serietà e ironia. La redazione si “riunisce” a distanza con videochiamate attraverso la piattaforma Zoom: l’appuntamento è due volte alla settimana, per discutere dei prossimi temi e della strutturazione dei programmi, ma anche semplicemente per chiacchierare e confrontarsi.

“La riunione di redazione è diventata un appuntamento che scandisce la settimana – spiega Cristina Lasagni, direttrice di Psicoradio –. È un momento di socializzazione e comunione importante: il ruolo terapeutico del fare radio è fondamentale. Quando lavorano, queste persone non sono più pazienti, sono dei redattori veri e propri, e come tali devono portare avanti il loro compito anche nel bel mezzo della pandemia. Questo dà una spinta per andare avanti: chi ascolta le nostre puntate non capisce se a parlare è un tutor o un paziente, e questo è un grande risultato. Adesso stiamo cercando emittenti radio, siti e blog disposti a mandare in onda i nostri programmi, per diffondere queste storie che sono anche di pubblica utilità”.

Non mancano comunque le difficoltà, dovute all’utilizzo di programmi e piattaforme nuove, o al sentimento di isolamento che si crea stando a casa senza incontrare nessuno. “Fare radio a distanza è un po’ frustrante, sia da un punto di vista lavorativo che da un punto di vista emotivo – conclude Lorenzo –. Mi mancano molto i rapporti interpersonali: per tenere i contatti con gli amici ho scaricato programmi che prima non usavo: Whatsapp, Facebook, Zoom… Ma non è la stessa cosa. La cosa più difficile, quando registro la puntata, è dialogare da solo, senza che ci sia qualcuno a farmi le domande. Eppure, teniamo duro e continuiamo a lavorare. Come diceva Totò, ‘in questi momenti dobbiamo essere tutti pazienti. Se non abbiamo pazienza, che pazienti siamo!’”.

 Alice Facchini

 

 

Tratto da: https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/coronavirus_psicoradio_racconta_la_quarantena_di_chi_ha_un_disagio_psichico#

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91105

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 04-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI