ASL CN1 - CENTRO PER I DISTURBI ALIMENTARI. Un aiuto contro i comportamenti alimentari errati (Gabriele Destefanis, Ideawebtv.it)

A Cuneo il centro coordinato da Anna Maria Pacilli al fianco di chi soffre di dipendenze da abuso o rifiuto di cibo

 

 

 

GABRIELE DESTEFANIS  

 

 

 

La pandemia ci ha imposto un confronto “fre­quen­te” e “serrato” con noi stessi; abbiamo dovuto fare i conti con i nostri limiti e le nostre paure. Ecco perché sono stati mesi piuttosto difficili per le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, già fragili e, dunque, rese ancora più vulnerabili da questa emergenza. A Cuneo, al loro fianco, c’è sempre stato il Centro Dca (disturbi del comportamento alimentare) di corso Fran­cia, la cui attività non si è mai interrotta, coordinata dalla responsabile, la psichiatra Anna Maria Pacilli. Noi di IDEA la abbiamo intervistata.

Dottoressa Pacilli, come avete affrontato questo periodo?

«Abbiamo proseguito l’attività, alternando le presenze e cercando di sfruttare l’ampio giardino che abbiamo a disposizione. Per chi non se la sentiva di recarsi in sede abbiamo utilizzato telefono e Skype».

 

Quali le conseguenze dell’emergenza sui pazienti?

«Ci sono state due reazioni differenti. In alcuni casi la patologia si è acuita, perché ai disturbi alimentari si sono associate delle vere e proprie forme fobiche nei confronti del virus che hanno portato ad avere una tal paura del contagio da non volere venire al centro, nonostante le rassicurazioni. Al contrario, per altri pazienti avere un motivo per uscire di casa è stato terapeutico, specie per chi a casa vive situazioni familiari problematiche».

 

Quali attività proponete presso il vostro centro?

«Dal lunedì al venerdì diamo la possibilità alle persone che soffrono di disturbi alimentari di incontrarci per ricevere supporto e per poter seguire una terapia. Il momento più delicato è quello dei pasti, che viene curato da nutrizionisti e consumato con il controllo dei nostri operatori. Al termine, vengono proposte attività di tipo riabilitativo, tra cui la cura dell’orto, che consentono alle ragazze seguite dal nostro centro di non pensare eccessivamente al fatto di aver appena ingerito cibo o, comunque, all’eventuale desiderio di smaltire calorie in fretta».

 

Quali sono i disturbi principali che vi trovate ad affrontare?

«Anoressia, bulimia e disturbo dell’alimentazione incontrollata. Le patologie si manifestano prevalentemente in età adolescenziale, anche se ultimamente si assiste anche a esordi più precoci, intorno ai 10-11 anni, e a forme tardive, che interessano donne di 40-50 anni».

 

Si registrano casi anche tra gli uomini?

«Anni fa no. Oggi ci sono, ma in percentuale decisamente bassa, pari all’1-2%. Nella popolazione maschile si verificano principalmente due forme di anoressia: quella simile alla patologia femminile, che si manifesta con l’estrema magrezza, oppure l’“anoressia inversa”, tipica dei frequentatori di palestre, che sembrano avere un pe­so corretto ma in realtà hanno un ec­cesso di massa muscolare e, in molti casi, si nutrono solo di cibi iperproteici».

 

Quali sono le cause?

«Si è spesso alla ricerca di un’immagine del corpo molto “magra” che si pensa possa risultare attraente da un punto di vista estetico e sessuale. Può condizionare anche il ruolo della famiglia: a volte le nostre pazienti vivono situazioni difficili o hanno genitori soggetti agli stessi problemi, aspetto, quest’ultimo, che incide dal punto di vista comportamentale. L’obiettivo è la presa di coscienza da parte dei pazienti. Una ragazza che ora è tornata a stare bene mi ha detto: “La mia struttura fisica è questa, il problema è che io volevo andare contro la mia genetica”».

«Si tratta di una dipendenza dal cibo, sia in caso di rifiuto che di abuso. Il buon esito delle terapie non è facile da raggiungere anche perché c’è il rischio di ricadute. Tuttavia, circa il 60-65% dei casi porta a termine il percorso positivamente, riuscendo talune volte a guarire definitivamente».

 

 

 

Tratto da: https://www.ideawebtv.it/2020/05/28/un-aiuto-contro-i-comportamenti-alimentari-errati/?fbclid=IwAR3wPThAUludt3LgevsaNwlKfR8e2-XoC4Yn6Rn_P8jtN5bhfF4ZUDf3rHE

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Marta (domenica, 29 agosto 2021 07:33)

    Buongiorno
    Sono Marta e ho 25 anni:
    Vorrei iniziare un percorso con uno psicoterapeuta. Ne ho già fatto uno e sentivo quanto mi era di aiuto. Ora penso di averne bisogno più di altri momenti.
    Ho sempre avuto un rapporto più che conflittuale con l’alimentazione, mi è stato detto più volte dai medici di avere un disturbo alimentare, ma non sono mai stata in pericolo di vita per questi miei comportamenti di disequilibrio. Questo è un periodo di particolare fatica e non voglio più essere sola e tentare di “gestire” la cosa a modo mio, quindi mi piacerebbe un percorso che partisse proprio da questo.
    Vi contatto perché non so a chi rivolgermi.
    Potete indirizzarmi?

  • #2

    Gianfranco Conforti (domenica, 29 agosto 2021 10:02)

    Buongiorno signora Marta,

    intanto bisognerebbe sapere in che località vive per saperla indirizzare ad un centro specializzato per i disturbi del comportamento alimentare.

    Comunque Le indico questo sito dove può vedere i centri in Italia (clicchi sul link sottostante):

    http://www.disturbialimentarionline.it/mappadca/index.php?option=com_content&view=article&id=16&Itemid=6

    Spero possa trovare aiuto e migliorare la sua situazione.

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------