MUSEO COUMBOSCURO - 7 giugno - ripresa delle attività con la giornata "porte aperte" (Coumboscuro Centre Prouvençal)

DA info@coumboscuro.org

me 03/06/20 22:34

A menteinpace@libero.it

 

 

 

 

BOUNJOURN DE COUMBOSCURO

 

 

 

 

 

 

 

 

MUSEU COUMBOSCURO

REPARTEN ENSEM PER LOU 2020

 

DIAMENJO 7 DE SEN JAN 

DOMENICA 7 GIUGNO

GIORNATA PORTE APERTE

 

Invito a partecipare per dare una mano per  interventi di conservazione della collezione

 

Domenica 7 giugno, il Museo Coumboscuro, riapre l’attività 2020, in seguito alla chiusura dovuta alle regole stringenti dei decreti statali, per la lotta alla pandemia del “coronavirus”.

A Coumboscuro, domenica 7 giugno, giornata “porte aperte” per la prossima apertura del Museo etnografico. Infatti l’associazione “Coumboscuro Centre Prouvençal”, convoca gli associati e i volontari che vorranno unirsi all’iniziativa, per ripulire e sanificare gli ambienti, rimodulare la collezione etnografica, realizzare piccoli interventi sugli oggetti danneggiati, ripristinare l’anti tarme e effettuare interventi di manutenzione, soprattutto sulla collezione in legno.

 

La giornata si svolgerà all’aperto, nell’ampio cortile del Museo etnografico, con ritrovo domenica 7 giugno, alle ore 10,00. Quindi il pranzo offerto dall’associazione, Ripresa delle attività alle ore 14.00, sino alle ore 18.00.

Chi intende partecipare alla giornata del 7 giugno, può comunicare la sua adesione via e-mail all’indirizzo info@coumboscuro.org, o telefonare ai n. 0171.98707 (segreteria) / 0171.98744.

 

MUSEU COUMBOSCURO

EN PAU D’ESTORIO – UN PO’ DI STORIA

La collezione del Museo etnografico Coumboscuro è stata indicata dalla Regione Piemonte quale una delle più ricche delle Alpi occidentali e, purtroppo, mai totalmente esposta al pubblico, causa la mancanza di spazi adeguati. Il lavoro contadino della montagna cuneese vi è totalmente rappresentato, grazie alla ricerca avviata negli anni ’50 del novecento dall’avanguardistico lavoro di recupero del prof. Sergio Arneodo e di Peire Rous con la consulenza scientifica di Augusto Doro. Il Museo Coumboscuro è noto per le attività didattiche e formative per insegnanti e  istituti scolastici, nonché per la più completa documentazione relativa alla canapa ed alla sua lavorazione. Infatti al suo interno conserva uno dei più completi e rari telai per la lavorazione della canapa in Piemonte.

L’apertura del Museo Coumboscuro avvenne nel 1976. Con il Museo della Gente Trentina e il Musée Dauphinois di Grenoble, fu tra le prime istituzioni etnografiche delle Alpi, che ispirò nei decenni a  venire, la realizzazione dei piccoli musei locali diffusi nelle montagne.

Dal prossimo 7 giugno in poi, il Museo etnografico Coumboscuro della civiltà provenzale alpina sarà aperto tutti i giorni, previa prenotazione. Festivi 10.00 / 12.00 – 15.00 / 18.00.

L’accesso al Museo sarà contingentato secondo le regole delle circolari emanate dalle istituzioni governative. Un addetto sarà destinato all’accoglienza ed al controllo dell’osservanza delle regole anti coronavirus. I visitatori dovranno avere la propria mascherina e fruire del servizio di igienizzazione, prima di accedere alla visita. Saranno formati gruppi di non più di 5 persone. Le visite saranno guidate con assistente formato.

 

Entrata libera

_____________________________________________

COUMBOSCURO CENTRE PROUVENCAL
Centro Internazionale di Cultura Edizione Spettacolo
Sancto Lucio de Coumboscuro, 12020 Monterosso Grana
Cuneo Tel  +39.0171.98707 - +39.0171.98771
www.coumboscuro.org - mail: info@coumboscuro.org

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------