DOVE POSIAMO LO SGUARDO (Gianni D’Elia)

DA info@altritasti.it

 

05/06/2020 : 09:26

 

A  menteinpace@libero.it 

 

In questo tempo si impone a noi l’evidenza e l’importanza del volto, dello sguardo.
Volti spesso celati dalle mascherine, anche quando non necessarie o addirittura dannose. Per paura, per obbligo, per protezione di sé o degli altri, per avvio di una moda.

Chissà quante persone che indossano con convinzione, con determinazione e quasi con orgoglio la mascherina magari fino a tre mesi fa, criticavano le donne che per loro cultura, mostrano solo gli occhi...

Lungo i marciapiedi, nei negozi, in coda, di corsa o in bicicletta, emergono gli occhi e gli sguardi al di sopra delle mascherine. Occhi e sguardi intensi, sfuggenti, malinconici, bassi, altezzosi, impauriti, seri, allegri, caldi, freddi o tiepidi. Sguardi pieni di speranza o di pessimismo, a volte indifferenti o carichi di partecipazione umana.

Alcuni giorni fa, chi ha alzato lo sguardo alle frecce tricolori che sfrecciavano su Torino e sull’Italia, e tra qualche giorno sfrecceranno ancora, cosa ha guardato?
Quando lo sguardo si posa su uno spettacolo del genere, cosa si vuole vedere o cosa si mostra a noi?

Dove abbiamo bisogno di posare i nostri sguardi, con o senza mascherina?

In fondo, sta sempre a noi decidere di rivolgere il nostro sguardo alla forza, alla velocità, all’inaudito sperpero, alla manipolazione in nome dell’unità nazionale o di una “missione di pace”.

Oppure, se posare lo sguardo compassionevole o benevolo all’altro che ci passa a fianco, chiunque sia. Per rivolgere sguardi che restituiscano fiducia, coraggio, comprensione, apertura.

Almeno sui nostri sguardi e dove decidiamo di posarli, chi ha potere non lo ha fino in fondo. Sta a noi girare il volto e i nostri occhi in basso, in alto o in orizzontale.

E se proprio alziamo lo sguardo sia per il cielo e le nuvole che corrono. Sia per la luna, le stelle, il gabbiano o il mistero della vita.

Si, sta a noi decidere dove posare i nostri occhi perché si riempiano di più luce, di più gioia, di più comprensione delle cose, di noi stessi, degli altri.

Bruno Chenu in "Tracce del volto" scrive: «…se certi sguardi oggettivizzano, altri destano e vivificano…»; il poeta René Char aggiunge: «…solo gli occhi sono ancora capaci di emettere un grido…».

C’è in questa esplorazione del visibile un magnetismo irresistibile verso l’invisibile. Ogni sguardo è un itinerario verso la profondità nascosta: quando io guardo colui che mi guarda, non ci guardiamo semplicemente gli occhi, ci guardiamo negli occhi. Maurice Merleau Ponty lo esprimeva in altri termini: «…il visibile ha esso stesso una membrana d’invisibile…». Ogni sguardo è alla ricerca della luce piena.

Ogni essere umano ha l’anima nell’occhio.

 

Gianni D’Elia

 

Dalla newsletter di Associazione di Promozione Sociale Altritasti


Tratto da: http://serenoregis.org/2020/05/29/dove-posiamo-lo-sguardo-gianni-delia/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:53287

 

TOTALE VISITE:  78225

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

26

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

38

 

Dati aggiornati

al 29-07-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

 

La Terra sfregiata Conversazioni su vero e falso ambientalismo

di 

Luca Mercalli e 

Daniele Pepino

 

Edizioni Gruppo Abele

11,00

Ormai non ci sono dubbi: se si continua così, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, questo mondo è destinato a implodere.

La pandemia è solo una delle manifestazioni di un cambiamento epocale prodotto nel mondo dall’azione dell’uomo. Sollecitato da Daniele Pepino, Luca Mercalli ci guida in un viaggio tra mutamenti climatici e disastri ambientali, negazionismi irresponsabili e falsi ambientalismi, grandi opere e consumi senza fine. La conclusione è chiara: una crescita infinita non è possibile in un mondo finito e, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, non c’è futuro per la nostra sopravvivenza sul pianeta.

https://edizionigruppoabele.it/prodotto/la-terra-sfregiata-conversazioni-su-vero-e-falso-ambientalismo/

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/