DOVE POSIAMO LO SGUARDO (Gianni D’Elia)

DA info@altritasti.it

 

05/06/2020 : 09:26

 

A  menteinpace@libero.it 

 

In questo tempo si impone a noi l’evidenza e l’importanza del volto, dello sguardo.
Volti spesso celati dalle mascherine, anche quando non necessarie o addirittura dannose. Per paura, per obbligo, per protezione di sé o degli altri, per avvio di una moda.

Chissà quante persone che indossano con convinzione, con determinazione e quasi con orgoglio la mascherina magari fino a tre mesi fa, criticavano le donne che per loro cultura, mostrano solo gli occhi...

Lungo i marciapiedi, nei negozi, in coda, di corsa o in bicicletta, emergono gli occhi e gli sguardi al di sopra delle mascherine. Occhi e sguardi intensi, sfuggenti, malinconici, bassi, altezzosi, impauriti, seri, allegri, caldi, freddi o tiepidi. Sguardi pieni di speranza o di pessimismo, a volte indifferenti o carichi di partecipazione umana.

Alcuni giorni fa, chi ha alzato lo sguardo alle frecce tricolori che sfrecciavano su Torino e sull’Italia, e tra qualche giorno sfrecceranno ancora, cosa ha guardato?
Quando lo sguardo si posa su uno spettacolo del genere, cosa si vuole vedere o cosa si mostra a noi?

Dove abbiamo bisogno di posare i nostri sguardi, con o senza mascherina?

In fondo, sta sempre a noi decidere di rivolgere il nostro sguardo alla forza, alla velocità, all’inaudito sperpero, alla manipolazione in nome dell’unità nazionale o di una “missione di pace”.

Oppure, se posare lo sguardo compassionevole o benevolo all’altro che ci passa a fianco, chiunque sia. Per rivolgere sguardi che restituiscano fiducia, coraggio, comprensione, apertura.

Almeno sui nostri sguardi e dove decidiamo di posarli, chi ha potere non lo ha fino in fondo. Sta a noi girare il volto e i nostri occhi in basso, in alto o in orizzontale.

E se proprio alziamo lo sguardo sia per il cielo e le nuvole che corrono. Sia per la luna, le stelle, il gabbiano o il mistero della vita.

Si, sta a noi decidere dove posare i nostri occhi perché si riempiano di più luce, di più gioia, di più comprensione delle cose, di noi stessi, degli altri.

Bruno Chenu in "Tracce del volto" scrive: «…se certi sguardi oggettivizzano, altri destano e vivificano…»; il poeta René Char aggiunge: «…solo gli occhi sono ancora capaci di emettere un grido…».

C’è in questa esplorazione del visibile un magnetismo irresistibile verso l’invisibile. Ogni sguardo è un itinerario verso la profondità nascosta: quando io guardo colui che mi guarda, non ci guardiamo semplicemente gli occhi, ci guardiamo negli occhi. Maurice Merleau Ponty lo esprimeva in altri termini: «…il visibile ha esso stesso una membrana d’invisibile…». Ogni sguardo è alla ricerca della luce piena.

Ogni essere umano ha l’anima nell’occhio.

 

Gianni D’Elia

 

Dalla newsletter di Associazione di Promozione Sociale Altritasti


Tratto da: http://serenoregis.org/2020/05/29/dove-posiamo-lo-sguardo-gianni-delia/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 88134

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 80

Dati aggiornati

al 17-1-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Beatrice Masini

SIATE GENTILI CON LE MUCCHE
Editoriale Scienza


Una bambina chiusa in se stessa, una ragazzina ostinata, una studiosa riconosciuta in tutto il mondo per le sue ricerche dalla parte degli animali allevati per nutrirci. La storia di Temple Grandin, americana, autistica, che è riuscita a fare della sua vita quello che voleva proprio per quello che è.

 

Età di lettura: da 11 anni.

€ 12,90

 

PER ANDARE ALLA PAGINA DEL LIBRO

CLICCA QUI 

 

-------------------------------------

 

Cuneotrekking

 

Cuneotrekking è il principale portale dedicato alle escursioni nelle Alpi cuneesi. Nato nel 2007 dalla passione per la montagna di Elio e Valerio Dutto, padre e figlio, nel corso degli anni ha visto il team crescere e si è affermato come punto di riferimento per l’escursionismo, superando le 500 escursioni descritte e i 2 milioni di visitatori nei soli primi sei mesi del 2020.

 

Per visitare il sito

 

CLICCA QUI

----------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI