COVID-19, COM’È CAMBIATO IL LAVORO DELLO PSICHIATRA. “Ma quanto mi manca la stretta di mano” (Paola Santo)

 

DA stefania.biasi@apss.tn.it

Data: 5 giugno 2020 alle 17.01

A menteinpace@libero.it

 

Eccoci nel bel mezzo di un periodo tanto difficile quanto per certi versi surreale, un periodo sconosciuto che ha modificato le nostre vite nella loro quotidianità più profonda. E il lavoro non poteva certo non esserne colpito… Da quando è partito il lockdown abbiamo ricevuto disposizioni relative a come modificare la nostra operatività lavorativa nell’interesse sia degli utenti che degli operatori, al fine di limitare il più possibile le occasioni di contatto ravvicinato tra persone e, quindi, la diffusione del virus. In primis abbiamo ricevuto l’indicazione di sostituire l’attività ambulatoriale ordinaria con colloqui telefonici o videochiamate (modalità “in remoto”), fatta eccezione per le urgenze o tutti quei casi dove il malessere è tale da necessitare comunque un colloquio faccia-a-faccia in ambulatorio o al domicilio. Tutti gli incontri di rete, poi, coinvolgendo per definizione più persone, sono rimandati oppure sostituiti con incontri in remoto utilizzando le varie piattaforme di videochiamata (“meet” per esempio). Praticamente dal mese scorso trascorro gran parte del mio tempo lavorativo al telefono e la cosa, confesso, non mi rende troppo felice preferendo di gran lunga avere uno scambio vis-à-vis con qualsivoglia interlocutore (per quanto condivida in pieno le misure adottate si intende..). Quando hai di fronte una persona, un silenzio, uno sguardo o un piccolo gesto possono acquisire un significato o comunicare una sfumatura del tutto particolari che al telefono si perderebbero. Devo dire, però, che la “fatica” nell’utilizzare per molto tempo il telefono viene ripagata da conversazioni che in questo periodo percepisco intense in maniera speciale. Mi capita molto spesso, ad esempio, che gli utenti mi chiedano come mi sento io. E lei come sta dottoressa? Ed è un interesse autentico, non c’è alcuna formalità né retorica. Ed io allora racconto un po’ di me, della difficoltà di conciliare in questo momento casa e lavoro data la chiusura delle scuole, della speranza che ci si possa rivedere presto... Una sorta di comunione di emozioni e di intenti che passa anche attraverso i fili del telefono… Quanto alle varie piattaforme per videochiamate e quant’altro, da analfabeta digitale quale mi considero, mi sono trovata un po’ spiazzata all’inizio ma, per fortuna, l’utilizzo di questi sistemi non è complicato e la mano si prende facilmente. Anche in questo caso non è certo paragonabile ad una conversazione imbastita tra persone che si trovano nella stessa stanza, ma devo dire che si sono rivelate uno strumento utile soprattutto per mantenere la comunicazione con le comunità e con gli altri Servizi e garantire così quel lavoro di rete fondamentale a maggior ragione in questo periodo. Infine le mascherine e il non poter dare la mano alle persone… quest’ultimo aspetto forse mi turba più di tutto. Stringere la mano contiene in sé il senso di sancire un patto, significa “grazie” oppure “mi fido di te” o “conta pure su di me”. Ecco, le vie di comunicazione eteree hanno il grosso difetto di eliminare ogni forma di fisicità di cui c’è pur bisogno… Ma ora è il tempo di restare vicini anche se lontani, fiduciosi che si possa tornare presto ad un sano acceso confronto tra le quattro mura dell’ambulatorio medico! O in qualunque altro luogo, non importa dove…

Paola Santo

 

 

Tratto da: LIBERALAMENTE , Il giornale del fareassieme della salute mentale di Trento, n. 137, maggio 2020, pag. 3

 

 

COME ABBONARSI

 

Per abbonarsi è sufficiente effettuare un bonifico sul c/c intestato “Il Cerchio Fareassieme onlus” iban: IT02O0830401845000045354414 (Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo), indicando in causale “Abbonamento rivista Liberalamente - Sig. ...” e inserendo tutti i dati necessari per permetterci di inviarvi la rivista direttamente a casa o via e-mail.

 

Per ulteriori informazioni o per ricevere numeri arretrati contatta la Redazione di Liberalamente allo 0461 902881 oppure scrivi a liberalamente@apss.tn.it

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:53287

 

TOTALE VISITE:  78225

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

26

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

38

 

Dati aggiornati

al 29-07-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

 

La Terra sfregiata Conversazioni su vero e falso ambientalismo

di 

Luca Mercalli e 

Daniele Pepino

 

Edizioni Gruppo Abele

11,00

Ormai non ci sono dubbi: se si continua così, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, questo mondo è destinato a implodere.

La pandemia è solo una delle manifestazioni di un cambiamento epocale prodotto nel mondo dall’azione dell’uomo. Sollecitato da Daniele Pepino, Luca Mercalli ci guida in un viaggio tra mutamenti climatici e disastri ambientali, negazionismi irresponsabili e falsi ambientalismi, grandi opere e consumi senza fine. La conclusione è chiara: una crescita infinita non è possibile in un mondo finito e, senza una svolta radicale e immediata nelle politiche e nei comportamenti individuali, non c’è futuro per la nostra sopravvivenza sul pianeta.

https://edizionigruppoabele.it/prodotto/la-terra-sfregiata-conversazioni-su-vero-e-falso-ambientalismo/

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/