ALMM - DIAPSI - RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA. Richiesta di incontro (Sebastiano Piglia)

ALMM - DIAPSI Piemonte:

Rinvio applicazione della DGR 29 di riordino della Residenzialità Psichiatrica e richiesta incontro

 

DA mtre.spiglia@gmail.com

 

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Torino, 29 maggio 2020

 

c.a. Assessore alla Sanità della Regione Piemonte Dott. Luigi Icardi

p.c. Direttore Sanità della Regione Piemonte Dott. Fabio Aimar

 

Oggetto: Rinvio Applicazione della DGR 29 di riordino della Residenzialità Psichiatrica e richiesta incontro

 

Ill.mo Assessore,

 

l’Associazione per la Lotta contro le Malattie Mentali Onlus e la DIAPSI Piemonte Onlus rappresentano da oltre cinquant’anni la prima e da oltre quaranta la seconda, molte persone con disagio psichico e molte loro famiglie. Negli ultimi cinque anni abbiamo rappresentato un coordinamento regionale di Associazioni per la Salute Mentale nel difficile dialogo con la Regione Piemonte sulla residenzialità psichiatrica. Durante l’incontro del Tavolo Tecnico del 27 settembre 2019 Lei ha dato un’importante segnale di discontinuità, sospendendo l’applicazione della DGR 29 sulla residenzialità psichiatrica fino al mese di giugno 2020. Motivando la necessità di una proroga ha affermato che “occorrerà impedire che i costi dell’assistenza possano ricadere sulle famiglie, così come sarà necessario fare chiarezza su aspetti molto delicati, come la scelta del luogo di cura, gli effetti della riconversione delle case di cura neuropsichiatriche e l’accesso alle strutture psichiatriche territoriali” facendo sue istanze che le Associazioni portano alle Istituzioni da lunghi anni e che erano state inascoltate fino a quel momento. Inoltre ha chiaramente espresso la volontà di “aprire un nuovo dialogo tra la Regione e tutti i soggetti interessati, possibilmente lontano dalle aule dei Tribunali, dove sarebbe più difficile trovare delle soluzioni ragionate e idonee” riconoscendo la fondamentale importanza del dialogo tra i Cittadini e le istituzioni che li governano. Forti di queste affermazioni, abbiamo atteso che l’Assessorato convocasse un Tavolo con tutte le parti sociali per procedere alla programmazione dei lavori per apportare le necessarie modifiche ad una DGR tanto lesiva per i Cittadini a cui è rivolta. Siamo consapevoli che l’emergenza sanitaria tutt’ora in corso abbia sospeso le attività ordinarie e richiesto sforzi straordinari da parte delle Istituzioni per contenere l’epidemia e proteggere i Cittadini, ma l’imminente scadenza dei termini del rinvio dell’applicazione della DGR 29 ci costringe a richiedere che venga urgentemente convocato un incontro con le parti sociali. DI.A.PSI. P I E M O N T E Difesa Ammalati Psichici-ONLUS ALMM Associazione per la Lotta contro le Malattie Mentali – Onlus Non essendo stato possibile in questi mesi procedere alle necessarie modifiche del provvedimento chiediamo altresì che venga rinviata l’applicazione della DGR 29 prevista nel mese di giugno 2020, permettendo così, attraverso il dialogo tra Regione e soggetti interessati, di avviare il lavoro di revisione e perfezionamento. Ricordiamo in ultimo, e non in ordine di importanza, che essendo pendente il giudizio del Consiglio di Stato, fissato al mese di ottobre 2020, l’applicazione della attuale DGR 29 non potrà che metterci nelle condizioni di proseguire nostro malgrado lungo la strada dei Tribunali. Strada che, come le Associazioni scriventi, hanno seguito anche il Comune di Torino, le Cooperative Sociali, il privato Imprenditoriale di fronte al muro posto dalla Istituzioni in questi anni. Al di là dell’esito della sentenza, che oggi ci auguriamo possa essere a nostro favore, confortati da quanto deciso dal Consiglio di Stato in merito alla delibera della Regione Lazio in materia di compartecipazione alla spesa (sentenza del 19/12/2019), si sancirebbe la rottura, avviata dalla precedente Amministrazione, con il mondo della Psichiatria piemontese. Certi di un Suo riscontro e ringraziandola anticipatamente per l’attenzione prestata, cogliamo l’occasione per porgere i nostri più cordiali saluti.

 

 

Il Presidente ALMM Onlus                                                Il Presidente DIAPSI Piemonte

 Barbara Bosi                                                                                  Graziella Gozzellino

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------