IMPATTO PSICOLOGICO DEL LOCKDOWN. (Ester Maragò)

Impatto psicologico del lockdown.

Ansia e regressione per sei minori su dieci.

Indagine dell’Irccs Gaslini

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

 

 

A  menteinpace@libero.it  



Irritabilità, disturbi del sonno e disturbi d’ansia, sensazione di mancanza d’aria e una significativa alterazione del ritmo del sonno hanno colpito bambini e gli under 18. Nel 65% dei bambini al di sotto dei sei anni e nel 71% di quelli sopra questa età sono insorte problematiche comportamentali e sintomi di regressione. I risultati dell'indagine presentata oggi al ministero della Salute. Zampa ai ragazzi: “Grazie per avere protetto non solo voi stessi, ma anche i vostri familiari” L'INDAGINE

 

16 GIU - Irritabilità, difficoltà ad addormentarsi per poi svegliarsi durante il sonno. Senso di inquietudine, ansia a separarsi dai propri cari, paura del buio e pianto inconsolabile, ma anche regressione comportamentale.
 
Il lockdown ha segnato i nostri bambini perché, come hanno descritto nei loro disegni, il virus che ci ha costretti e li ha costretti a cambiare le abitudini “è brutto”. Ma se i più piccoli hanno accusato il colpo anche i bambini più grandi e gli adolescenti non sono rimasti indenni, la sensazione di fiato corto li ha accompagnati i questi mesi. Anche loro hanno avuto disturbi del sonno con una tendenza ad andare a letto molto più tardi e non riuscire a svegliarsi al mattino. Un tempo difficile con un’aumentata instabilità emotiva con irritabilità e cambiamenti dell’umore.

A fotografare l’impatto psicologico della pandemia Covid-19 nelle famiglie in Italia è un’indagine promossa dall’Irccs Giannina Gaslini di Genova e presentata oggi al ministero della Salute dal sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa, insieme a Paolo Petralia, direttore generale del Gaslini e allo psichiatra Fabrizio Starace, membro della task force di Vittorio Colao per la ripartenza economica e sociale del Paese.


L’indagine, promossa dal neurologo Lino Nobili, che dirige il dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell’istituto genovese, è stat aavviata  a quindici giorni di distanza dall’inizio del lockdown, tra il 24 marzo e il 3 aprile, ha visto l’adesione di 6.800 persone da tutta Italia (in particolare dalle regioni del Nord e alta Toscana), di cui quasi la metà (3.245) con figli minorenni a carico. (E.M.)

Dall’analisi delle risposte è emerso che la situazione di isolamento ha determinato una condizione di stress con ripercussioni non solo sulla salute fisica ma anche su quella emozionale-psichica, sia dei genitori che dei piccoli e degli adolescenti,
 
Bambini e ragazzi che la Sottosegretaria Zampa ha voluto ringraziare per aver risposto in maniera esemplare all’emergenza: “Grazie per avere protetto non solo voi stessi ma anche i vostri familiari. Vorremmo che sapeste che in testa alle nostre preoccupazioni c’è sempre stata la vostra salute e che l’Italia oggi sta combattendo sul fronte scientifico per avere il vaccino ed esiste la possibilità di difendersi e vincere sul virus”.
È importante oggi, ha aggiunto, essere consapevoli di quanto le misure assunte dal governo di chiusura e isolamento, che pure hanno messo in sicurezza la salute delle famiglie italiane, abbiano pesato su bambine, bambini e adolescenti: “Sono loro quelli che hanno pagato un prezzo particolarmente alto durante il lockdown. Non poter andare a scuola, non poter vedere le proprie maestre e i propri compagni di classe, non poter correre e giocare in un parco con i propri amici li ha certamente penalizzati. Per questo dobbiamo oggi fare in modo di accompagnarli per mano fuori per far ritorno a una quotidianità che vorremmo fosse la più bella e sicura possibile. Dobbiamo fare in modo che alla fine di un’esperienza che ricorderanno per tutta la vita, si sentano più forti e sicuri, consapevoli che si può combattere e vincere anche una battaglia difficilissima come quella che abbiamo condiviso contro il coronavirus”.
E chissà, ha concluso, che qualcuno di loro non decida in futuro di dedicarsi alla ricerca per aiutare la scienza.

“L’Irccs Gaslini ha scelto di raccogliere durante il lockdown il prezioso e irripetibile contributo di quasi settemila famiglie in Italia che ne descrivevano gli effetti sulla propria salute – ha spiegato Paolo Petralia, direttore generale del Gaslini – l’analisi dei dati emersi consente ora di offrire risposte precoci e fondate ai tanti disturbi rilevati. Il prendersi cura precede il curare – ha proseguito – per questo abbiamo avviato un programma “Ciao come stai” attivando uno sportello di ascolto. Questa indagine ha quindi un valore di presa presa in carico più che di studio ecco perché è stata lanciata tempestivamente in un momento in cui navigavamo a vista. Per non ladciare soli i nostri bambini”.

Il messaggio che i bambini hanno comunicato con le parole e in particolare nei loro disegni è quello della paura, perché il virus è “brutto”, ha spiegato Petralia: “Ma se il lockdown ha segnato i nostri piccoli, sono state tante anche le difficoltà dei bambini sopra i sei anni e gli adolescenti. Hanno mostrato maggiore difficoltà ad addormentarsi ma anche a svegliari. Ossessione per la pulizia e di contro anche una scarsa collaborazione alle attività domestiche. Fiato corto e somatizzazione dei problemi, abuso dei media”.
Ma ora bisogna guardare avanti e l’attività del Gaslini non si fermerà ha detto Petralia: “Attiveremo al Gaslini un servizio ambulatoriale di presa in carico e proveremo a rispondere ai problemi. Il nostro obiettivo è non lasciare nessuno da solo e fare tesoro dei dati raccolti per dare risposte adeguate”.

“La ricerca è un ulteriore stimolo a recuperare al più presto, pur con le necessarie precauzioni, le opportunità di interazione diretta tra coetanei, strumento essenziale per lo sviluppo emotivo e l’acquisizione di competenze”, ha affermato lo psichiatra Fabrizio Starace, membro della task force di Vittorio Colao per la ripartenza economica e sociale del Paese. “Anche in altri Paesi, come la Cina sono stati notati sintomi come questo fra i ragazzi – ha aggiunto – per primi ci siamo posti il problema dei ragazzi con Adhd o altre patologie mentali, costretti a casa o magari in spazi non sempre ariosi. Abbiamo premuto perché vi fossero possibilità di deroga alle restrizioni per bilanciare il rischio di un potenziale contagio che poteva essere evitato adottando accortezze, con la certezza di conseguenze estremamente negative e critiche per queste persone”.
 
Per gli esperti tutte le manifestazioni di disagio emerse dall’indagine sono conseguenza della perdita delle routine. Per questo sono state offerte delle indicazioni ai genitori per riportare la situazione in carreggiata: “La prima indicazione – ha detto Starace – è ridefinire la routine includendo attività di gioco e di movimento. Occorre assegnare specifiche attività non facendo però scegliere a bambini e ragazzi le modalità con le quali trascorrere il tempo. Bisogna evitare il disperdersi nella rete e le tante ore davanti allo schermo”. Ma se occorre stare attenti ai ragazzi bisogna prestare attenzione anche ai genitori per sostenerli nell’interazione: “Nel comitato Colao abbiamo attivato misure di contrasto alla povertà infantile con supporti economici per l’educazione a distanza dei ragazzi”.

Soprattutto bisogna saper comunicare: “La non comunicazione diventa un problema che lascia spazio a fantasie disparate e non sempre positive”. E alla domanda se tutto questo lascerà strascichi irreversibili, Starace ha risposto che la irreversibilità memoria si accompagna sempre alla capacità di aver superato il peggio.
 
Ma vediamo cosa è emerso nel dettaglio.

Dall’analisi dei dati relativi alle famiglie con figli minori di 18 anni è emerso che nel 65% e nel 71% dei bambini con età rispettivamente minore o maggiore di 6 anni sono insorte problematiche comportamentali e sintomi di regressione. Per quel che riguarda i bambini al di sotto dei sei anni i disturbi più frequenti sono stati l’aumento dell’irritabilità, disturbi del sonno e disturbi d’ansia (inquietudine, ansia da separazione).
Nei bambini e adolescenti (età 6-18 anni) i disturbi più frequenti hanno interessato la “componente somatica” (disturbi d’ansia e somatoformi come la sensazione di mancanza d’aria) e i disturbi del sonno (difficoltà di addormentamento, difficoltà di riveglio per iniziare le lezioni per via telematica a casa). In particolare, in questa fascia di età è stata osservata una significativa alterazione del ritmo del sonno con tendenza al ”ritardo di fase” (adolescenti che vanno a letto molto più tardi e non riescono a svegliarsi al mattino), come in una sorta di “jet lag” domestico. Nei più grandi è stata inoltre riscontrata una aumentata instabilità̀ emotiva con irritabilità̀ e cambiamenti del tono dell’umore.

Lo studio ha inoltre messo in luce che il livello di gravità dei comportamenti disfunzionali dei bambini e dei ragazzi è statisticamente associato al grado di malessere dei loro genitori. Questo significa che all’aumentare dei sintomi di stress causati dall’emergenza Covid-19 nei genitori (disturbi d’ansia, dell’umore, del sonno, consumo di farmaci ansiolitici), aumentano i disturbi comportamentali e della sfera emotiva nei bambini e negli adolescenti.

Ester Maragò

 

 

Tratto da: http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=86247

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.020

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 57

Dati aggiornati

al 25-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI