CHE RUMORE FA UN’AULA VUOTA? (Giovanna Mazza, maestra)

DA varieventuali@rossetorri.it

 

23/6/2020 00:46

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Il racconto di una chiusura di anno scolastico anomala, senza bimbi. La chiusura di un’aula rimasta come sotto incantesimo dal febbraio scorso. La speranza di riaprire tante aule, ma l’incertezza è grande. La scuola non è stata finora fra le priorità di chi guida il paese.

Primi di giugno.

La nostra aula è al secondo piano.

Un silenzio surreale mi accompagna fino alla porta. La scritta in rosso, con i cuoricini, “CLASSE 2°”.

Lo sguardo si apre su ventiquattro piccoli banchi, la cattedra, i cartelloni alle pareti. Sotto i banchi libri, disegni incominciati e mai finiti, bigliettini spiegazzati.
Su uno dei davanzali, il nostro barattolo delle emozioni, su un altro la scatola degli oggetti smarriti.

Appeso ad un gancio, un asciugamano solitario dimenticato in classe.
Alle finestre, maschere di carnevale e grossi coriandoli di carta colorati.
Svuoto i banchi.

In ogni sacchetto metto quegli oggetti quotidiani, semplici e preziosi: il disegno non finito, il messaggio ricevuto scritto in stampatello, quel libro della biblioteca di classe da cui era difficile staccarsi. Ci infilo anche la gomma consumata, il pennarello senza tappo, il pezzo di lego conservato, e poi il libro sui dinosauri e sui mostri portato da casa da mostrare ai compagni, il pacchetto di fazzoletti già iniziato, le carte di UNO usate durante l’intervallo.
Ho finito.

Su ogni banco un sacchetto col nome, scritto col pennarello indelebile.
Mi fermo sulla porta, i miei occhi percorrono l’aula.

Il nostro spazio, il nostro tempo.

E vedo sorrisi e musetti imbronciati, abbracci, lacrime, carezze, dita nel naso e mani alzate, cerotti, trenini interminabili di lego e case fatte di carta, origami e lavoretti.

E sento voci, discussioni, liti per la proprietà di una matita, chiacchiere, domande e barzellette, gare di tabelline e di mesi dell’anno, medaglie, lavoretti, parole sillabate e letture, pensieri ed emozioni.

Ecco! Prima di andare faccio delle foto…sì…così poi le invio ai bambini. Ma no. Forse è meglio di no. Abbasso il cellulare.

Chiudo la porta con la scritta in rosso.

In un silenzio surreale scendo le scale addobbate di stelle filanti e maschere, ai primi di giugno.

 

Giovanna Mazza – maestra

                    

 

Tratto da: http://www.rossetorri.it/che-rumore-fa-unaula-vuota/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI