L’AZZARDO DOPO IL LOCKDOWN: TUTTO COME PRIMA? O ANCHE PEGGIO…(News di alcologia, Cufrad.it)

DA news.alcologia@gmail.com

 

 

24/6/2020 19:38 

 

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

La chiusura per circa 100 giorni di tutta la vasta ed agguerrita industria dell’azzardo di massa – con oltre 250 mila punti di gioco nelle 107 province tra sale giochi, sale scommesse e sale bingo ed altri luoghi autorizzati all’offerta – a causa dell’emergenza Coronavirus in Italia ha determinato due fatti di grande importanza individuale e collettiva:

– il crollo della spesa legata alle attività dei luoghi di gioco,

– la remissione almeno temporanea dei disturbi del comportamento correlati all’azzardo e dei problemi da esso indotti o ad esso direttamente o indirettamente riferibili in un  numero molto elevato di gamblers e cosiddetti giocatori problematici, almeno secondo le testimonianze dei diretti interessati.

Dalle prime indagini di mercato non si evidenzia peraltro una significativa conversione della pratica dell’azzardo fisico o in presenza (leggi rapporto con i dispositivi o i prodotti di gioco) in azzardo online.

Pertanto è possibile affermare senza tema di smentita che la riduzione dell’offerta “fisica” di azzardo in tale fase storica ha prodotto anche un blocco nel processo di sviluppo e consolidamento dei meccanismi di addiction nei giocatori problematici e della reiterazione dei comportamenti compulsivi nei soggetti collocabili in una condizione molto avanzata e grave di Disturbo da Gioco d’ Azzardo (DGA). In sostanza, molti “giocatori” hanno interrotta la pratica del gambling e spontaneamente hanno conosciuto una remissione del sintomo della dipendenza.

Tale osservazione sembra allora dare una ulteriore e definitiva legittimità alla teoria secondo la quale ad una maggiore offerta di azzardo corrisponde un proporzionale incremento sia del numero dei soggetti esposti al rischio o al Disturbo da Azzardo sia  del livello di gravità del disturbo stesso.

                                                

Tale teoria presenta molti punti di contatto con la teoria epidemiologico-statistica, elaborata da Ledermann (1964) nel campo dell’alcolismo per cui il consumo medio pro capite di alcol è proporzionale alla prevalenza dei problemi alcol correlati.

La riapertura delle sale slot, delle sale scommesse e dei bingo che sta avvenendo nelle varie Regioni a partire dal 15 giugno a seguito del DPCM dell’ 11 giugno, che peraltro prescrive l’obbligo per le Regioni di documentare preventivamente la “compatibilità” con il rischio nel territorio, e dunque a individuare i protocolli o le linee guida” contro il contagio. A tal proposito si impone una riflessione generale, per cui, accanto al tema della scrupolosa osservanza delle norme e dei protocolli di sicurezza e di contrasto del COVID attraverso il controllo del distanziamento e della sanificazione degli ambienti, bisogna affiancare in un rapporto di pari rilevanza quello della tutela della salute mentale di oltre cinque milioni e mezzo di italiani che soffrono per gli effetti causati dal DGA, tra cui oltre un milione di addicted.

Quest’ultimo aspetto cruciale sembra non aver alcuna priorità sanitaria etica e sociale se nella gerarchia della “rilevanza degli interessi” devono venire “prima la persona e la sua salute, quindi le entrate fiscali dello Stato e solo dopo gli interessi economici delle società del settore”. E la salute è in primo luogo quella del milione e mezzo di giocatori patologici che dal blocco dell’azzardo in questi mesi di Lockdown hanno avuto sicuri benefici. E anche quella delle famiglie per le quali, in questa fase, la ripresa dell’azzardo aumenterebbe i rischi di impoverimento.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://www.interris.it/intervento/lazzardo-dopo-il-lockdown-tutto-come-prima-o-anche-peggio/

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:52810

 

TOTALE VISITE:  77544

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

34

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

47

 

Dati aggiornati

al 10-07-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 LA FILIERA PSICHIATRICA IN ITALIA

da Basaglia a Bibbiano e fino al tempo del coronavirus

 

di Vincenza Palmieri

 

Armando Editore

 

https://www.armandoeditore.it/catalogo/la-filiera-psichiatrica-in-italia-da-basaglia-a-bibbiano-e-fino-al-tempo-del-coronavirus/

 

La Tutela dei Bambini non è una questione di partito, né di colore politico. Non è il Partito di Bibbiano, né di altra città. E non può essere trattata con frettolose soluzioni pasticciate in nome del Coronavirus. È una tragica questione umanitaria. È la FILIERA PSICHIATRICA!” A partire dalla Riforma Basaglia – che chiuse i manicomi – quarant’anni di storia italiana attraverso l’analisi delle tendenze normative e sociali; fino ad arrivare ai recentissimi fatti di cronaca del Covid-19, che dimostrano come ancora oggi taluni strumenti legislativi, economici, diagnostici e terapeutici si tramutino in armi, al servizio di un sistema che vede in bambini, famiglie e persone fragili, anziché soggetti da tutelare, occasioni da mettere a profitto.

 

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/