SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE: pensioni d’invalidità insufficienti (Sebastiano Piglia, DiAPsi Ceva-Mondovì)

DA mtre.spiglia@gmail.com

 

26/6/2020 10:30

 

A   menteinpace@libero.it  

 

 

Care /i

grande botto ha fatto la sentenza della Corte Costituzionale  sulla insufficienza della pensione di invalidità , e in effetti è una svolta epocale .

Il risultato è stato raggiunto all'impegno di un papà  che ha fortemente lottato per la dignità della figlia insieme al sostegno dell'UTIM , l'associazione  che ha supportato , in allegato il comunicato stampa .

Si aspetta la pubblicazione della sentenza , ma già le indicazioni sono chiare.

 

Il Presidente dell'UTIM  ha dichiarato: “oggi è festa per tutte le persone con disabilitò al 100/00 e di questo e per questo che dobbiamo gioire”.

 

Concordiamo e ci congratuliamo , anzi diciamo GRAZIE!

cliccando nel link di sotto si può visionare l'intervista che il TG regionale ha fatto al Presidente dell'UTIM   Sig. Vincenzo Bozza

https://www.facebook.com/100007973564741/videos/2757397681202657/?hc_location=ufi

 

Cordiali saluti

www.apic.torino.it

 

Di seguito pubblichiamo il comunicato dell’UTIM

(Unione per la tutela delle persone con disabilità intellettiva)

 

 

CORTE COSTITUZIONALE SU PENSIONE DI INVALIDITÁ (285 EURO AL MESE): NON ASSICURA «I MEZZI NECESSARI PER VIVERE» ALLE PERSONE CON DISABILITÁ GRAVE

 

ASSOCIAZIONE UTIM, PRESENTATRICE DELLA CAUSA: «UN PASSAGGIO EPOCALE E SUBITO APPLICATIVO CONTRO LA DISCRIMINAZIONE».

 

PENSIONE A 516 EURO AL MESE DAL GIORNO DOPO LA PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA

 

 «I 285,66 euro mensili, previsti dalla legge per le persone totalmente inabili al lavoro per effetto di gravi disabilità, non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita. È perciò violato il diritto al mantenimento che la Costituzione (articolo 38) garantisce agli inabili».

Lo ha stabilito la Corte costituzionale nella camera di consiglio svoltasi ieri, 23 giugno 2020, esaminando una questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’appello di Torino su causa di partenza di S. B. (presentata tramite suo tutore), cinquantenne affetta da tetraplegia spastica neonatale, incapace di svolgere i più elementari atti quotidiani della vita e di comunicare con l’esterno. La causa e tutto l’iter presso l’Autorità giudiziaria (causa di primo grado, appello, rinvio alla Consulta) e stata sostenuta dall’Utim – Unione per la tutela delle persone con disabilità intellettiva, e seguita dall’Avvocato Mario Motta del Foro di Torino.

Vincenzo Bozza, Presidente dell’Utim: «Si tratta di un passaggio epocale, che riconosce la legittimità delle nostre argomentazioni e l’incostituzionalità di un importo largamente al di sotto del minimo vitale. Il percorso di questi anni è stato lungo, faticoso per una famiglia e una associazione piccola ma battagliera come la nostra. Il cammino è stato ancor più arduo in quanto intrapreso in solitudine, nonostante gli appelli dell’Utim e del Csa a tante organizzazioni nazionali per sostenere la causa. Ha prevalso la coerenza e la fiducia nel diritto; la Consulta ha affermato in concreto la dignità per tutte le persone con disabilità grave».

Nel merito, in attesa del deposito della sentenza, previsto nelle prossime settimane, l’Ufficio stampa della Corte fa sapere quanto segue: «La Corte ha ritenuto che un assegno mensile di soli 285,66 euro sia manifestamente inadeguato a garantire a persone totalmente inabili al lavoro i “mezzi necessari per vivere” e perciò violi il diritto riconosciuto dall’articolo 38 della Costituzione, secondo cui “ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto di mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”.

È stato quindi affermato che il cosiddetto “incremento al milione” (pari a 516,46 euro) da tempo riconosciuto, per vari trattamenti pensionistici, dall’articolo 38 della legge n. 448 del 2011, debba essere assicurato agli invalidi civili totali, di cui parla l’articolo 12, primo comma, della legge 118 del 1971, senza attendere il raggiungimento del sessantesimo anno di età, attualmente previsto dalla legge».

Si tratta di una svolta immediatamente applicativa, senza bisogno di passaggi normativi. La Consulta ha precisato infatti che «questo incremento dovrà d’ora in poi essere erogato a tutti gli invalidi civili totali che abbiano compiuto i 18 anni e che non godano, in particolare, di redditi su base annua pari o superiori a 6.713,98 euro. La Corte ha stabilito che la propria pronuncia non avrà effetto retroattivo e dovrà applicarsi soltanto per il futuro, a partire dal giorno successivo alla pubblicazione della sentenza sulla Gazzetta Ufficiale».

La Corte ha infine precisato che «resta ferma la possibilità per il legislatore di rimodulare la disciplina delle misure assistenziali vigenti, purché idonee a garantire agli invalidi civili totali l’effettività dei diritti loro riconosciuti dalla Costituzione».

 

 UTIM OdV - Unione per la tutela delle persone con disabilità intellettiva

Via Artisti 36, 10124 Torino, tel. 011/88.94.84,

http://www.utimdirittihandicap.it/

 

e-mail: utim@utimdirittihandicap.it

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------