L’ABUSO DIAGNOSTICO SERVE SOLO A SMEMBRARE LE FAMIGLIE (Anna Catalano)

“La filiera psichiatrica in Italia: da Basaglia a Bibbiano e fino al tempo del Coronavirus” è il nuovo testo della professoressa Vincenza Palmieri, fondatrice e presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Famigliare. Un libro scritto volutamente con parole semplici, perché, come la stessa autrice afferma, «la cultura deve essere accessibile a tutti, non soltanto ai professionisti di questo settore».

Un saggio che racconta come la psichiatria negli anni abbia cambiato abito, ma sia rimasta sostanzialmente di stampo autoritario, nonostante la riforma Basaglia e i mille tentativi fatti dagli operatori del settore per rendere questa disciplina, e soprattutto la sua messa in pratica, quanto più democratica possibile. «Ci sono state delle differenti declinazioni della psichiatria nel tempo, basti pensare alla puntura depot. L’aspetto antidemocratico resta pressoché invariato e ne è un chiaro esempio l’abuso diagnostico».

La Palmieri chiarisce tale termine parlando della scuola, il luogo più frequentato dai minori: «Pensiamo ai corsi di formazione che vengono proposti alle insegnanti della primaria: quasi tutti servono per fare screening precoci sui bambini e per valutare il loro benessere in famiglia. Questa è una proposta indecente e vergognosa! Significa gettare un dubbio sui genitori, bussare alle loro porte e valutare lo stato in cui si trovano. Come se le case fossero il luogo di depravazione per eccellenza. Noi dovremmo aiutare anche economicamente le famiglie, invece».

Ed infine, la professoressa ha voluto ancora una volta sottolineare l’importanza del ruolo dei genitori e della società odierna in questa difficile lotta per la libertà di essere: «Facciamo tutti molta attenzione, perché l’abuso diagnostico è un corridoio stretto atto a proporre un sistema culturale finalizzato a disseminare una cultura dell’odio e a smembrare le famiglie».

 

Anna Catalano

 

 

 

Tratto da: https://www.paeseroma.it/2020/06/17/vincenza-palmieri-inpef-labuso-diagnostico-serve-solo-a-smembrare-le-famiglie/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91250

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 60

Dati aggiornati

al 07-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 14 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 

Valeria Alpi

A Capo Nord bisogna andare due volte

Storia di un viaggio accessibile tra limiti e risorse

 

Edizioni La Meridiana

 

Può una persona disabile andare a Capo Nord? Può, in generale, viaggiare? Certo che può. Anzi: deve. Tuttavia per arrivare ad avere un po’ di autonomia personale, che spinga una persona con una qualche disabilità a desiderare un viaggio e che le consenta di progettarlo, occorre anche un’autonomia di contesto di vita, di educazione, di crescita che permetta l’uscita da casa. Il cosiddetto “contesto di fiducia” come lo chiamano al Centro Documentazione Handicap di Bologna. Un contesto, a partire dalla famiglia, che infonda fiducia anche nella pur minima capacità residua, un contesto in cui, per esempio, se tu riesci a muovere un solo dito di una mano, si possa credere che tu con quel dito potrai sollevare il mondo, senza sentirti limitato e incapace. Ma come si costruisce un contesto di fiducia?
A Capo Nord, Valeria Alpi c’è stata, non una ma due volte. E quello è stato il primo di una serie di viaggi che lei, con la sua disabilità, ha fatto da sola.
Questo libro, attraverso il racconto dei suoi viaggi, accompagna il lettore non disabile e disabile – quindi ogni persona – a generare il contesto di fiducia necessario perché viaggiare sia un diritto accessibile a ciascuno.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI