COME POTRÀ RIPARTIRE IL SERVIZIO SANITARIO IN PIEMONTE? (Cittadinanzattiva Piemonte)

DA info@altritasti.it

 

9/7/2020 – 18:26

 

A  menteinpace@libero.it 

 

 

A cura di Cittadinanzattiva Piemonte.

 

 

Senza una forte partecipazione civica sarà impossibile recuperare le devastazioni prodotte dal Covid ed organizzare le reti sanitarie sul territorio per superare le macroscopiche criticità emerse.
Lo ha confermato il secondo incontro di Cittadinanzattiva dei 1 luglio su "La partecipazione civica per il governo e le politiche della salute in Piemonte dopo il COVID 19" al quale hanno partecipato Alessandro Stecco, presidente della commissione Sanità del Consiglio regionale ed esponenti delle aziende sanitarie, degli enti locali, dei consorzi socio assistenziali e delle professioni sanitarie...

L’emergenza pandemia ha svelato un paradosso: che a fronte di una grande mobilitazione di professionisti e di realtà del volontariato, i servizi sanitari si sono trovati senza piani e programmi per il governo delle emergenze, non valorizzando quella capillarità sul territorio che avrebbe potuto contribuire a ridurre il grave gap di comunicazione e di prevenzione. Ciò ha aggravato gli effetti dell’emergenza. Ne hanno fatto le spese il 38% di popolazione affetta da disturbi cronici, i portatori di disabilità e gli anziani, soprattutto non autosufficienti.

È stata anche sospesa gran parte dei progetti inclusivi che stavano producendo una migliore (e più economica in tutti i sensi!) presa in carico e cura dei cittadini.

Come potrà ripartire il Servizio Sanitario? Proprio dalla implementazione e dall’aggiornamento dei progetti interrotti, portandoli a sistema per risolvere la drammatica questione del recupero delle prestazioni sospese e predisponendo nuovi strumenti di governo, prima di arrivare ad una nuova emergenza.

È indispensabile a questo proposito rilanciare subito, in ogni distretto,  le Comunità di Pratica previste dal Piano delle cronicità, come luogo di incontro fra servizi sanitari e sociali, professionisti, medici di famiglia, infermieri di comunità, farmacisti, sindaci, associazioni di cittadini ed enti sociali. Non è un’astrusa domanda di partecipazione ma la forte richiesta di mettere a frutto le tante esperienze virtuose di collaborazione che hanno già prodotto esiti importanti nei territori e hanno favorito la resilienza delle comunità in corso di pandemia. Ora è urgente costruire una diga forte, espansa, una rete di comunicazione tecnologicamente avanzata prima che una nuova emergenza allaghi i nostri territori.

Anche il Patto per la Salute prevede la partecipazione civica come supporto essenziale per l’adeguamento dei servizi sanitari.

È compito della Regione spingere -con norme “leggere” ma non per questo meno cogenti-   tutte la aziende a dotarsi di Comunità di pratica inclusive, adattabili alle diverse realtà e soprattutto efficaci “motori” della nuova normalità.

L’alternativa è il permanere di iniquità, come quella che stanno già vivendo, tante persone ancora recluse nelle rsa e nelle comunità psichiatriche, di confusione e di una conflittualità che potrebbe minare le basi stesse della sanità.

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/archivio/diritti-sociali/4424-come-potra-ripartire-il-servizio-sanitario-in-piemonte

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------