COME POTRÀ RIPARTIRE IL SERVIZIO SANITARIO IN PIEMONTE? (Cittadinanzattiva Piemonte)

DA info@altritasti.it

 

9/7/2020 – 18:26

 

A  menteinpace@libero.it 

 

 

A cura di Cittadinanzattiva Piemonte.

 

 

Senza una forte partecipazione civica sarà impossibile recuperare le devastazioni prodotte dal Covid ed organizzare le reti sanitarie sul territorio per superare le macroscopiche criticità emerse.
Lo ha confermato il secondo incontro di Cittadinanzattiva dei 1 luglio su "La partecipazione civica per il governo e le politiche della salute in Piemonte dopo il COVID 19" al quale hanno partecipato Alessandro Stecco, presidente della commissione Sanità del Consiglio regionale ed esponenti delle aziende sanitarie, degli enti locali, dei consorzi socio assistenziali e delle professioni sanitarie...

L’emergenza pandemia ha svelato un paradosso: che a fronte di una grande mobilitazione di professionisti e di realtà del volontariato, i servizi sanitari si sono trovati senza piani e programmi per il governo delle emergenze, non valorizzando quella capillarità sul territorio che avrebbe potuto contribuire a ridurre il grave gap di comunicazione e di prevenzione. Ciò ha aggravato gli effetti dell’emergenza. Ne hanno fatto le spese il 38% di popolazione affetta da disturbi cronici, i portatori di disabilità e gli anziani, soprattutto non autosufficienti.

È stata anche sospesa gran parte dei progetti inclusivi che stavano producendo una migliore (e più economica in tutti i sensi!) presa in carico e cura dei cittadini.

Come potrà ripartire il Servizio Sanitario? Proprio dalla implementazione e dall’aggiornamento dei progetti interrotti, portandoli a sistema per risolvere la drammatica questione del recupero delle prestazioni sospese e predisponendo nuovi strumenti di governo, prima di arrivare ad una nuova emergenza.

È indispensabile a questo proposito rilanciare subito, in ogni distretto,  le Comunità di Pratica previste dal Piano delle cronicità, come luogo di incontro fra servizi sanitari e sociali, professionisti, medici di famiglia, infermieri di comunità, farmacisti, sindaci, associazioni di cittadini ed enti sociali. Non è un’astrusa domanda di partecipazione ma la forte richiesta di mettere a frutto le tante esperienze virtuose di collaborazione che hanno già prodotto esiti importanti nei territori e hanno favorito la resilienza delle comunità in corso di pandemia. Ora è urgente costruire una diga forte, espansa, una rete di comunicazione tecnologicamente avanzata prima che una nuova emergenza allaghi i nostri territori.

Anche il Patto per la Salute prevede la partecipazione civica come supporto essenziale per l’adeguamento dei servizi sanitari.

È compito della Regione spingere -con norme “leggere” ma non per questo meno cogenti-   tutte la aziende a dotarsi di Comunità di pratica inclusive, adattabili alle diverse realtà e soprattutto efficaci “motori” della nuova normalità.

L’alternativa è il permanere di iniquità, come quella che stanno già vivendo, tante persone ancora recluse nelle rsa e nelle comunità psichiatriche, di confusione e di una conflittualità che potrebbe minare le basi stesse della sanità.

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/archivio/diritti-sociali/4424-come-potra-ripartire-il-servizio-sanitario-in-piemonte

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 98265

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 80

Dati aggiornati

al 17-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 GIOVANNI MARIA FLICK, MAURIZIO FLICK

ELOGIO DELLA FORESTA

Dalla selva oscura alla tutela costituzionale

Il Mulino

 

Il nuovo Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (d.lgs. n. 34/2018) offre l’occasione per approfondire il tema dell’evoluzione della vita della foresta nel suo incontro-scontro con gli obiettivi dell’uomo. Il diritto interviene in questa relazione col suo ruolo regolatore, ricercando un punto di equilibrio tra la funzione ambientale e quella economico-produttiva e superando le polemiche che le scelte del legislatore hanno provocato tra gli studiosi della materia. Con un linguaggio piano e accessibile il libro approfondisce alcune tra le questioni giuridiche maggiormente dibattute a livello forestale e ambientale e le loro premesse di ordine costituzionale. Si analizzano le problematiche legate alla governance nella tutela della foresta, così come viene affrontato il tema della frammentazione delle proprietà boschive. Fra la categoria dei beni privati e quella dei beni pubblici si affaccia quella dei beni comuni; ne vengono prospettati pregi e difetti, prospettive di sviluppo e collegamenti con le tradizioni e con il principio di solidarietà. Si ipotizza poi un nuovo approccio alla «fiscalità ambientale», affinché venga abbandonata la funzione soltanto disincentivante e risarcitoria del tributo e vengano invece maggiormente apprezzate e incentivate le condotte virtuose. Si evidenziano i principi richiamati con decisione dall'enciclica «Laudato si'» di papa Francesco e il sempre più importante ruolo dell’Unione Europea rispetto all’ambiente e in particolare nell’azione di contrasto al commercio illegale del legno. Si guarda, infine, al futuro approccio del mondo economico-finanziario rispetto alle tematiche ambientali.

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, ministro della Giustizia nel governo Prodi I, è professore emerito di diritto penale. È autore di monografie sui temi della Costituzione, della giustizia, dei rapporti fra diritto penale ed economia, della criminalità organizzata, dei diritti umani e del diritto ambientale. Maurizio Flick, avvocato, è presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione per le professioni legali.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI