COME POTRÀ RIPARTIRE IL SERVIZIO SANITARIO IN PIEMONTE? (Cittadinanzattiva Piemonte)

DA info@altritasti.it

 

9/7/2020 – 18:26

 

A  menteinpace@libero.it 

 

 

A cura di Cittadinanzattiva Piemonte.

 

 

Senza una forte partecipazione civica sarà impossibile recuperare le devastazioni prodotte dal Covid ed organizzare le reti sanitarie sul territorio per superare le macroscopiche criticità emerse.
Lo ha confermato il secondo incontro di Cittadinanzattiva dei 1 luglio su "La partecipazione civica per il governo e le politiche della salute in Piemonte dopo il COVID 19" al quale hanno partecipato Alessandro Stecco, presidente della commissione Sanità del Consiglio regionale ed esponenti delle aziende sanitarie, degli enti locali, dei consorzi socio assistenziali e delle professioni sanitarie...

L’emergenza pandemia ha svelato un paradosso: che a fronte di una grande mobilitazione di professionisti e di realtà del volontariato, i servizi sanitari si sono trovati senza piani e programmi per il governo delle emergenze, non valorizzando quella capillarità sul territorio che avrebbe potuto contribuire a ridurre il grave gap di comunicazione e di prevenzione. Ciò ha aggravato gli effetti dell’emergenza. Ne hanno fatto le spese il 38% di popolazione affetta da disturbi cronici, i portatori di disabilità e gli anziani, soprattutto non autosufficienti.

È stata anche sospesa gran parte dei progetti inclusivi che stavano producendo una migliore (e più economica in tutti i sensi!) presa in carico e cura dei cittadini.

Come potrà ripartire il Servizio Sanitario? Proprio dalla implementazione e dall’aggiornamento dei progetti interrotti, portandoli a sistema per risolvere la drammatica questione del recupero delle prestazioni sospese e predisponendo nuovi strumenti di governo, prima di arrivare ad una nuova emergenza.

È indispensabile a questo proposito rilanciare subito, in ogni distretto,  le Comunità di Pratica previste dal Piano delle cronicità, come luogo di incontro fra servizi sanitari e sociali, professionisti, medici di famiglia, infermieri di comunità, farmacisti, sindaci, associazioni di cittadini ed enti sociali. Non è un’astrusa domanda di partecipazione ma la forte richiesta di mettere a frutto le tante esperienze virtuose di collaborazione che hanno già prodotto esiti importanti nei territori e hanno favorito la resilienza delle comunità in corso di pandemia. Ora è urgente costruire una diga forte, espansa, una rete di comunicazione tecnologicamente avanzata prima che una nuova emergenza allaghi i nostri territori.

Anche il Patto per la Salute prevede la partecipazione civica come supporto essenziale per l’adeguamento dei servizi sanitari.

È compito della Regione spingere -con norme “leggere” ma non per questo meno cogenti-   tutte la aziende a dotarsi di Comunità di pratica inclusive, adattabili alle diverse realtà e soprattutto efficaci “motori” della nuova normalità.

L’alternativa è il permanere di iniquità, come quella che stanno già vivendo, tante persone ancora recluse nelle rsa e nelle comunità psichiatriche, di confusione e di una conflittualità che potrebbe minare le basi stesse della sanità.

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/archivio/diritti-sociali/4424-come-potra-ripartire-il-servizio-sanitario-in-piemonte

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI